Discussione:
paralipomeni di tunnelogia
(troppo vecchio per rispondere)
Father McKenzie
2011-09-25 09:08:04 UTC
Permalink
Mi contraddico, ma quando ci vuole ci vuole: la colpa non è solo della
Gelmini, né del mitico collaboratore che semina errori nei comunicati
del ministero o nei quesiti delle prove d'esame.
I media del nostro paese, per esempio, hanno reagito con ritardo- per
fortuna c'è internet- e tutto sommato minimizzando, segno che i
giornalisti ne capiscono quanto la Gelmini, ovvero poco meno di una
sega. E i politici? Reazioni zero, quando per ogni sciocchezza sono
avvezzi ad accapigliarsi per mesi.
Solo a notizia sbandierata su Facebook, Twitter e newsgroups, quindi
impossibile da ignorare, i primi hanno tossicchiato qualche articolo per
poi tornare a occuparsi d'altro, i secondi hanno preferito fischiettare.
Mi sembra di vederli sfogliare nervosamente i testi di fisica del liceo
per cercare di raccaprezzarsi.
In USA o in Inghilterra i giornali avrebbero divorato in un battibaleno
un ministro dimostratosi così sfacciatamente ignorante, per di più se il
suo dicastero comprende la ricerca scientifica... Invece i nostri?
Il vero problema, però, è un altro. Il solito. Il problema di un paese
in cui la cultura scientifica è sempre stata tenuta scarsamente in
conto, confinata a scuola in un numero ridicolo di ore e umiliata dalla
scarsità dei mezzi a disposizione. Quante scuole hanno un laboratorio
attrezzato di fisica, o di chimica? Quanti insegnanti comprano di tasca
propria materiali e software per offrire qualcosa di diverso dalla
solita lezione frontale?
Pensate alla materia chiamata scienze naturali al superiore. Qualcuno
dirà non c'entra, invece c'entra perché paradigmatica della
comsiderazione dedicata alle scienze nella scuola. Scienze naturali
ingloba chimica, biologia, geologia, geografia astronomica, politica ed
economica, tutto afgfidato a un insegnante, laureato in ua sola di
queste materie, ça va sans dire, mentre ciascuna disciplina meriterebbe
un proprio corso con u numero adeguato di ore. Il ministro provvede?
Macché, mette il carico, creando "scienze integrate", insegnamento per i
bienni tecnici che accorpa fisica e chimica come si accorpano le classi
trasformandole in affollati bus all'ora di punta, invivibili e
inefficaci didatticamente. Questa la situazione da cui nascono le Gelmini.
--
Atti, 2:44-48 e 4:32-37
gargan
2011-09-25 09:34:59 UTC
Permalink
[cut]
Post by Father McKenzie
scarsità dei mezzi a disposizione. Quante scuole hanno un laboratorio
attrezzato di fisica, o di chimica? Quanti insegnanti comprano di tasca
propria materiali e software per offrire qualcosa di diverso dalla
solita lezione frontale?
[cut]

ma scherzi? non servirà più comprare nulla! hai letto cosa si dovrebbe
fare al quinto anno del liceo scientifico ? prova a prendere un testo
della riforma...solitamente sulla copertina c'è il sommario...beh io qui
leggo: "astrofisica, relatività generale, cosmologia, meccanica
quantistica..."
la gelmini ha promesso un VERO acceleratore di particelle per ogni
scuola in cui si studia fisica (ovviamente con kit della Pasco per
creare micro buchi neri)...tanto cosa vuoi che costi in confronto al
Tunnel!!!
Nicola Bortolotti
2011-09-25 09:39:44 UTC
Permalink
In USA o in Inghilterra i giornali avrebbero divorato in un battibaleno un
ministro dimostratosi così sfacciatamente ignorante, per di più se il
ma chi vuoi che divorino i giornali quando scrivono articoli IMHO indecenti
come questo?
http://www.avvenire.it/Commenti/Pagine/un-colpo-alla-relativita.aspx

Ma cosa vuoi che divorino i giornali quando la tv di stato con soldi
pubblici produce programmi come Voy...r, spudorate e pericolose ostensioni
di pornografia pseudointellettuale e pseudodivulgativa?

E cosa vuoi che facciano gli universitari quando le universita' - con soldi
pubblici - assumono come docenti i conduttori di siffatte trasmissioni?

E quando questi conduttori vengono persino premiati per la loro azione
apparentemente "divulgativa", in realta' scienticida?

Nel caso di quel comunicato scellerato "el tacon l'e' pes del buso", e'
indiscutibile: sarebbe bastato dire che era "saltato" un "ideale" o
"virtuale" (attribuito al tunnel). Ma l'ignoranza della Gelmini poco
c'entra, e non c'e' da sperare che in altri paesi vada tanto meglio. Io,
comunque, ai miei studenti di quinta ho suggerito di non leggere i
quotidiani per una settimana
gargan
2011-09-25 09:44:06 UTC
Permalink
Post by Nicola Bortolotti
Nel caso di quel comunicato scellerato "el tacon l'e' pes del buso", e'
indiscutibile: sarebbe bastato dire che era "saltato" un "ideale" o
"virtuale" (attribuito al tunnel). Ma l'ignoranza della Gelmini poco
c'entra, e non c'e' da sperare che in altri paesi vada tanto meglio. Io,
comunque, ai miei studenti di quinta ho suggerito di non leggere i
quotidiani per una settimana
i suggerirei di non leggerli proprio!
Finrod
2011-09-25 09:50:53 UTC
Permalink
Post by gargan
i suggerirei di non leggerli proprio!
certo, degli studenti delle superiori nel 2011... dei digital natives di
2a generazione... hanno bisogno che il prof gli _suggerisca_ di non
leggere i quotidiani, magari poi la lezione successiva è di ascoltare
musica sull'iPod invece del walkman :-D

S
Father McKenzie
2011-09-25 09:45:33 UTC
Permalink
Post by Nicola Bortolotti
ma chi vuoi che divorino i giornali quando scrivono articoli IMHO indecenti
come questo?
Ma cosa vuoi che divorino i giornali quando la tv di stato con soldi[]
Infatti, ho scritto, mi pare, anche questo, e ho cercato di ampliare il
discorso alla mancanza di cultura scientificsa (che nel nostro paese,
anche a causa di programmi scolastici disastrosi, è ben peggiore che in
altri paesi)
--
Atti, 2:44-48 e 4:32-37
gargan
2011-09-25 09:49:44 UTC
Permalink
Post by Nicola Bortolotti
http://www.avvenire.it/Commenti/Pagine/un-colpo-alla-relativita.aspx
però devi ammetterlo...nel suo genere è un capolavoro di indecenza e di
stronzate tutte messe assieme!
Nicola Bortolotti
2011-09-25 09:52:08 UTC
Permalink
Post by gargan
Post by Nicola Bortolotti
http://www.avvenire.it/Commenti/Pagine/un-colpo-alla-relativita.aspx
però devi ammetterlo...nel suo genere è un capolavoro di indecenza e di
stronzate tutte messe assieme!
sulla rassegna stampa di RadioTre ne avevo sentito il solo titolo e gia' mi
aveva fatto sobbalzare sulla sedia
abc
2011-09-25 10:45:27 UTC
Permalink
Post by Nicola Bortolotti
Post by gargan
Post by Nicola Bortolotti
http://www.avvenire.it/Commenti/Pagine/un-colpo-alla-relativita.aspx
però devi ammetterlo...nel suo genere è un capolavoro di indecenza e di
stronzate tutte messe assieme!
sulla rassegna stampa di RadioTre ne avevo sentito il solo titolo e gia' mi
aveva fatto sobbalzare sulla sedia
l'autore dell'articolo si chiama Servadio... nomen omen!
Aleph
2011-09-26 09:59:34 UTC
Permalink
...
Post by abc
l'autore dell'articolo si chiama Servadio... nomen omen!
L'articolo fa pena; ma dal giornale dei vescovi italiani (e sottolineo
italiani), cosa vi aspettavate?

Aleph
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Peter11
2011-09-26 18:25:18 UTC
Permalink
...
Post by abc
l'autore dell'articolo si chiama Servadio... nomen omen!
L'articolo fa pena; ma dal giornale dei vescovi italiani (e sottolineo
italiani), cosa vi aspettavate?
Bè... d'altra parte se fanno scrivere un articolo del genere da uno che si
occupa di "architettura e in particolare architettura delle chiese" non c'è
da stupirsi :-)
Peter11
2011-09-26 18:25:18 UTC
Permalink
...
Post by abc
l'autore dell'articolo si chiama Servadio... nomen omen!
L'articolo fa pena; ma dal giornale dei vescovi italiani (e sottolineo
italiani), cosa vi aspettavate?
Bè... d'altra parte se fanno scrivere un articolo del genere da uno che si
occupa di "architettura e in particolare architettura delle chiese" non c'è
da stupirsi :-)
Naciketas
2011-09-25 14:31:36 UTC
Permalink
Post by gargan
Post by Nicola Bortolotti
http://www.avvenire.it/Commenti/Pagine/un-colpo-alla-relativita.aspx
però devi ammetterlo...nel suo genere è un capolavoro di indecenza e
di stronzate tutte messe assieme!
Mi illuminate? Quali sono le bestialità di quell'articolo?

a.
Arkannen
2011-09-25 15:10:38 UTC
Permalink
Post by Naciketas
Post by gargan
Post by Nicola Bortolotti
http://www.avvenire.it/Commenti/Pagine/un-colpo-alla-relativita.aspx
però devi ammetterlo...nel suo genere è un capolavoro di indecenza e di
stronzate tutte messe assieme!
Mi illuminate? Quali sono le bestialità di quell'articolo?
Nessuna bestialità, quell'articolo dice quello che tutti sanno.
Ossia che ciò che definiamo scientifico è solo quello che riusciamo a
intravedere in minima parte e di cui non siamo nemmeno certi su quanto, come
e dove sia valido.
Questo non implica che dobbiamo buttar via la scienza e il metodo
scientifico nel cesso, i progressi dell'uomo sono dovuti a quello.
Ma semplicemente che dobbiamo smetterla di avere l'arroganza di pensare che
prima o poi riusciremo a sapere tutto e soprattutto smetterla di avere
l'arroganza di pensare di avere anche tutte le domande, oltre che qualche
risposta.

..
Naciketas
2011-09-25 15:42:35 UTC
Permalink
Post by Arkannen
Ma semplicemente che dobbiamo smetterla di avere l'arroganza di
pensare che prima o poi riusciremo a sapere tutto e soprattutto
smetterla di avere l'arroganza di pensare di avere anche tutte le
domande, oltre che qualche risposta. ..
Concordo. Il problema è che in genere quelli che ragionano così sono gli
stessi che hanno la pretesa di sapere che questo universo, che nemmeno
riusciamo a comprendere, 1) è stato creato, 2) è stato creato da uno che
assomiglia ad un uomo (una specie che abita un pianeta infinitamente
piccolo e trascurabile nell'economia dell'universo, e 3) uno che si è
rivelato a un solo popolo, chissà perché.

a.
a.cignini
2011-09-25 17:32:58 UTC
Permalink
Post by Naciketas
Post by Arkannen
Ma semplicemente che dobbiamo smetterla di avere l'arroganza di pensare
che prima o poi riusciremo a sapere tutto e soprattutto smetterla di
avere l'arroganza di pensare di avere anche tutte le domande, oltre che
qualche risposta. ..
Concordo. Il problema è che in genere quelli che ragionano così sono gli
stessi che hanno la pretesa di sapere che questo universo, che nemmeno
riusciamo a comprendere, 1) è stato creato,
Ci sono stati e ci sono ancora due tipi di sconfinamenti opposti e
simmetrici:
1) la fede che vuole ipotecare anche la ricerca scientifica (es. caso
Galieli
evoluzione..); 2) dogmatismo implicito in certo "scientismo volgare": c'è
una probabile inconfessata (a volte anche dichiarata) "metafisica atea e
materialista" nell'esposizione divulgativa di tutto ciò che viene spiegato
come percorso dal big bang all'homo sapiens.
L'articolista di Avvenire vede un esempio di 2) nella Hack.


a.c.
Arkannen
2011-09-25 17:40:34 UTC
Permalink
Post by a.cignini
1) la fede che vuole ipotecare anche la ricerca scientifica (es. caso
Galieli
Mah! Da qualche parte ho letto che Galilei ha passato i cazzi suoi più a
causa di un libello satirico con prendeva in giro il Papa piuttosto che per
le sue divulgazioni scientifiche.

..
Aleph
2011-09-26 09:56:58 UTC
Permalink
Post by Arkannen
Post by a.cignini
1) la fede che vuole ipotecare anche la ricerca scientifica (es. caso
Galieli
Mah! Da qualche parte ho letto che Galilei ha passato i cazzi suoi più a
causa di un libello satirico con prendeva in giro il Papa piuttosto che per
le sue divulgazioni scientifiche.
..
Bravo, fai davvero ottime letture!
Continua così.

Aleph
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Arkannen
2011-09-26 12:02:25 UTC
Permalink
Post by Aleph
Post by Arkannen
Post by a.cignini
1) la fede che vuole ipotecare anche la ricerca scientifica (es. caso
Galieli
Mah! Da qualche parte ho letto che Galilei ha passato i cazzi suoi più a
causa di un libello satirico con prendeva in giro il Papa piuttosto che per
le sue divulgazioni scientifiche.
..
Bravo, fai davvero ottime letture!
Continua così.
Non ti piace Russel? "La visione scientifica del mondo".
Scommetto che tu sei uno di quelli che legge Travaglio.
Guarda... ti copio la parte che ho citato, così almeno leggi qualcosa di
serio per una volta tanto nella tua vita.
Certo che in quanto a oscurantismo, questi progressisti dei miei coglioni,
non sono secondi a nessuno.

"Come tutti sanno, venne in conflitto con l'Inquisizione alla fine della sua
vita, per avere sostenuto che la Terra gira intorno al Sole. Egli aveva
avuto prima un minore scontro, dal quale se n'era uscito senza grave danno,
ma nel 1632 egli pubblicò un libro di dialoghi sui sistemi copernicano e
tolemaico, in cui ebbe la temerità di porre alcune osservazioni, che erano
state fatte dal papa, in bocca a un personaggio di nome Simplicio. Il papa
gli era stato sempre amico fino allora, ma a questo punto divenne furioso.
Galilei viveva a Firenze in rapporti di amicizia col granduca, ma
l'Inquisizione lo invitò a Roma per essere giudicato, e minacciò il granduca
di pene e multe se avesse continuato a proteggere Galilei. Galilei aveva
allora 70 anni, era molto malato e quasi cieco; mandò un certificato medico
comprovante che non gli era possibile di viaggiare, così l'Inquisizione
inviò un proprio dottore, con gli ordini che non appena si sentisse bene
abbastanza lo si doveva condurre in catene. All'apprendere che c'era
quest'ordine, partì spontaneamente. Con le minacce fu indotto a
sottomettersi."
..
Aleph
2011-09-26 12:51:29 UTC
Permalink
Post by Arkannen
Post by Aleph
Post by Arkannen
Post by a.cignini
1) la fede che vuole ipotecare anche la ricerca scientifica (es. caso
Galieli
Mah! Da qualche parte ho letto che Galilei ha passato i cazzi suoi più a
causa di un libello satirico con prendeva in giro il Papa piuttosto che per
le sue divulgazioni scientifiche.
..
Bravo, fai davvero ottime letture!
Continua così.
Non ti piace Russel? "La visione scientifica del mondo".
Scommetto che tu sei uno di quelli che legge Travaglio.
Guarda... ti copio la parte che ho citato, così almeno leggi qualcosa di
serio per una volta tanto nella tua vita.
...

Citi a pappardella autori che neppure capisci, come ne dai ampia
dimostrazione qui sotto.
Post by Arkannen
Certo che in quanto a oscurantismo, questi progressisti dei miei coglioni,
non sono secondi a nessuno.
Meno male che lòa luce del progresso è affidata a gente come te, che
pontifica (il termine è appropriato) su cose di cui non sa nulla.
Post by Arkannen
"Come tutti sanno, venne in conflitto con l'Inquisizione alla fine della sua
vita, per avere sostenuto che la Terra gira intorno al Sole. Egli aveva
avuto prima un minore scontro, dal quale se n'era uscito senza grave danno,
Questo primo scontro, nel 1616, cosiddetto "primo processo a Galileo",
determinò la condanna delle opere di Copernico.
Galileo ne uscì senza danno immediato, ma gli venne imposto con un decreto
del Sant'Uffizio (qui ci sarebbe parecchio da dire, ma non mi pare il caso
di tagliare il capello in quattro), di non tenere, né insegnare, le
opinioni copernicane.
Dietro richiesta di Galileo, per difendersi dalle accuse dei suoi nemici,
Bellarmino gli consegnò una lettera in cui riassumeva alcuni punti già
espressi nel decreto del Sant'Uffizio:

"Noi Roberto cardinale Bellarmino, havendo inteso che il sig. Galileo
Galilei sia calunniato o imputato di havere abiurato in mano nostra, et
anco di essere stato per ciò penitenziato di penitenzie salutari, et
essendo ricercati della verità, diciamo che il suddetto sig. Galileo non ha
abiurato in mano nostra né di altri qua in Roma, né meno in altro luogo che
noi sappiamo, alcuna sua opinione o dottrina, né manco ha ricevuto
penitenzie salutari né d'altra sorte, ma solo gli è stata denunziata la
dichiarazione fatta da Nostro Signore [Paolo V] publicata dalla Sacra
Congregazione dell'Indice, nella quale si contiene che la dottrina
attribuita al Copernico, che la terra si muova intorno al sole e che il
sole stia nel centro del mondo senza muoversi da oriente ad occidente, sia
contraria alle Sacre Scritture, e però non si possa difendere né tenere. Et
in fede di ciò habbiamo scritta e sottoscritta la presente di nostra
propria mano, questo dì 26 di maggio 1616. Il medesimo di sopra, Roberto
cardinale Bellarmino »

Quindi come vedi il Copernicanesimo è stato condannato già nel 1616 e non
da Urbano VIII, che allora era soltanto cardinale, ma da Paolo V.
Post by Arkannen
ma nel 1632 egli pubblicò un libro di dialoghi sui sistemi copernicano e
tolemaico, in cui ebbe la temerità di porre alcune osservazioni, che erano
state fatte dal papa, in bocca a un personaggio di nome Simplicio.
...

Vero.
Ma soltanto la tua iognoranza crassa può Definire "Il Dialogo sopra i due
massimi sistemi", un libello satirico.
Inoltre se è vero che "Simplicio" nel dialogo non fa in genere una gran
figura (e il suo nome poteva far pensare a "sempliciotto") è pur vero che
Simplicio è un personaggio storico (vissuto all'incirca nel IV secolo
d.c.) che fu un celebre commentatore di Aristotele e nel Dialogo svolge
appunto il ruolo di difensore della dottrina aristotelica.

...
Post by Arkannen
Il papa
gli era stato sempre amico fino allora, ma a questo punto divenne furioso.
Le motivazioni del processo del 1633 sono più complesse e non coinvolgono
il solo Urbano VIII, ma in genere è ritenuto che effettivamente egli non
accolse di buon grado che le sue opinioni fossero messe in bocca a
Simplicio. Accusò Galileo anche di aver ottenuto in maniera "truffaldina"
l'imprimatur per pubblicare il Dialogo, tramite l'appoggio di alcuni alti
prelati all'interno della Curia romana.

Va specificato che il decreto di condanna di Galileo, con la relativa
abiura del copernicanesimo, non cita neppure di striscio motivazioni che
alludano alla lesa maestà (vera o presunta) di Urbano VIII, le motivazioni
furono unicamente di natura teologico/filosofica.
La Chiesa, con una violenza inaudita che a quei tempi si poteva permettere
e oggi non più, impose le sue "verita" di fede apodittiche e
antiscientifiche (come quelle del giornaletista di Avvenire), osteggiando
per diverso tempo (fino al 1822 il Dialogo rimase all'Indice) la
diffusione della nuove idee cosmologiche, riproposte da Copernico e
avvalorate da Galileo e da altri.

Aleph
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Arkannen
2011-09-26 12:52:54 UTC
Permalink
Post by Aleph
Quindi come vedi il Copernicanesimo è stato condannato già nel 1616 e non
da Urbano VIII, che allora era soltanto cardinale, ma da Paolo V.
E chi se ne fotte, il punto era dove avessi letto che i guai con il Papa
derivassero dall'averlo preso per il culo.
Poi che ci racconti la 42sima versione del processo a Galilei è...
irrilevante.
Hai fatto la figura dello scemo e ti brucia.

..
Aleph
2011-09-26 13:28:52 UTC
Permalink
Post by Arkannen
Post by Aleph
Quindi come vedi il Copernicanesimo è stato condannato già nel 1616 e non
da Urbano VIII, che allora era soltanto cardinale, ma da Paolo V.
E chi se ne fotte, il punto era dove avessi letto che i guai con il Papa
derivassero dall'averlo preso per il culo.
Hai detto ben altro, cialtrone:

"Mah! Da qualche parte ho letto che Galilei ha passato i cazzi suoi più a
causa di un libello satirico con prendeva in giro il Papa piuttosto che
per
le sue divulgazioni scientifiche"

Ed è, come ti ho dimostrato, una solenne stronzata, che peraltro
fraintende grandemente le righe di Russel, che non è stato mai (vale la
pena ricordarlo) uno storico di Galileo e del suo processo.
Post by Arkannen
Poi che ci racconti la 42sima versione del processo a Galilei è...
irrilevante.
Documentati prima di blaterare insulsaggini.
Post by Arkannen
Hai fatto la figura dello scemo e ti brucia.
Ma vai a studiare che è meglio ignorante.

A.
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Arkannen
2011-09-26 14:10:13 UTC
Permalink
Post by Arkannen
Post by Aleph
Quindi come vedi il Copernicanesimo è stato condannato già nel 1616 e non
da Urbano VIII, che allora era soltanto cardinale, ma da Paolo V.
E chi se ne fotte, il punto era dove avessi letto che i guai con il Papa
derivassero dall'averlo preso per il culo.
Ma taci, deficiente.

..
feynman
2011-09-26 15:53:00 UTC
Permalink
Post by Arkannen
Post by Arkannen
Post by Aleph
Quindi come vedi il Copernicanesimo è stato condannato già nel 1616 e non
da Urbano VIII, che allora era soltanto cardinale, ma da Paolo V.
E chi se ne fotte, il punto era dove avessi letto che i guai con il
Papa derivassero dall'averlo preso per il culo.
Ma taci, deficiente.
per chi non lo conoscesse su it.scienza
va detto che Arkannen è una specie di troll di it-istruzione.scuola, di
mestiere fa l' "insegnante" di materie tecniche ed è convinto di
conoscere tutto lo scibile.
Su it.istruzione.scuola ha fatto le sue belle figur(acc)e in matematica,
fisica etc.

Ma lui insiste :-)

ciao
feynman
Aleph
2011-09-26 13:51:42 UTC
Permalink
Post by Arkannen
Post by Aleph
Quindi come vedi il Copernicanesimo è stato condannato già nel 1616 e non
da Urbano VIII, che allora era soltanto cardinale, ma da Paolo V.
E chi se ne fotte, il punto era dove avessi letto che i guai con il Papa
derivassero dall'averlo preso per il culo.
Tanto per chiarire, visto che mi sembri un po' tardo e non capisci o non
leggi neppure quello che posti tu, Russel scrive:

"Come tutti sanno, venne in conflitto con l'Inquisizione alla fine della
sua vita, per avere sostenuto che la Terra gira intorno al Sole."

Affermazione che sottoscrivo al 100%.
Pertanto, conflitto con l'inquisizione per l'eliocentrismo e non perché
avrebbe preso per il culo il Papa, chiaro?

E quindi, cortesemente, non mettere in bocca a Russel le tue ridicole e
disinformate illazioni.

Aleph
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Arkannen
2011-09-26 14:11:02 UTC
Permalink
Post by Aleph
Post by Arkannen
Post by Aleph
Quindi come vedi il Copernicanesimo è stato condannato già nel 1616 e non
da Urbano VIII, che allora era soltanto cardinale, ma da Paolo V.
E chi se ne fotte, il punto era dove avessi letto che i guai con il Papa
derivassero dall'averlo preso per il culo.
Tanto per chiarire,
Frega niente.
Un deficiente ha nulla da chiarire.

..
not1xor1
2011-09-26 16:13:22 UTC
Permalink
Post by Arkannen
Post by Aleph
Tanto per chiarire,
Frega niente.
Un deficiente ha nulla da chiarire.
aleph ha pienamente ragione
ma più che altro direi che cercare di chiarire qualcosa ad un
personaggio con le tue (in)capacità cognitive è tempo sprecato
--
bye
!(!1|1)
Arkannen
2011-09-26 21:56:57 UTC
Permalink
Post by not1xor1
aleph ha pienamente ragione
ma più che altro direi che cercare di chiarire qualcosa ad un personaggio
con le tue (in)capacità cognitive è tempo sprecato
Ottima considerazione.
Risparmia i chiarimenti, così io mi risparmio di leggere cazzate.

..
luca_gava
2011-09-27 07:02:57 UTC
Permalink
Post by Arkannen
Frega niente.
Un deficiente ha nulla da chiarire.
..
Mamma mia che Waterloo! Non vedevo una serie di schiaffazzi del genere
dai tempi di Bud Spencer. Escine con dignità finchè sei in temp...
uhm...mi sa che è troppo tardi.
Soviet_Mario
2011-09-25 18:14:47 UTC
Permalink
Post by a.cignini
Post by Naciketas
Post by Arkannen
Ma semplicemente che dobbiamo smetterla di avere l'arroganza di pensare
che prima o poi riusciremo a sapere tutto e soprattutto smetterla di
avere l'arroganza di pensare di avere anche tutte le domande, oltre che
qualche risposta. ..
Concordo. Il problema è che in genere quelli che ragionano così sono gli
stessi che hanno la pretesa di sapere che questo universo, che nemmeno
riusciamo a comprendere, 1) è stato creato,
Ci sono stati e ci sono ancora due tipi di sconfinamenti opposti e
1) la fede che vuole ipotecare anche la ricerca scientifica (es. caso
Galieli
evoluzione..); 2) dogmatismo implicito in certo "scientismo volgare": c'è
una probabile inconfessata (a volte anche dichiarata) "metafisica atea e
materialista" nell'esposizione divulgativa di tutto ciò che viene spiegato
come percorso dal big bang all'homo sapiens.
L'articolista di Avvenire vede un esempio di 2) nella Hack.
è sconsigliabile procedere all'esegesi di
fatti/argomenti/persone superiori all'esegeta di una
quantità eccessiva.
Io ad es. avrei pudore a scrivere un articolo critico sulle
posizioni di S. Hawking, preso atto che sono in grado di
capire si e no l'uno per cento (mille ?) del suo pensiero.
Ma l'umiltà non è frequente nei critici.
Pensa che la On Carlucci, prof. emerita di fisica teorica,
ha varie attaccato sul lato tecnico (curriculum inadeguato)
il prof. Maiani di La Sapienza.
Ora una persona sana di mente non si prenderebbe neanche la
briga di leggere le argomentazioni della On Carlucci a
priori, imho
ciao
Soviet
Post by a.cignini
a.c.
Naciketas
2011-09-25 18:45:19 UTC
Permalink
Post by a.cignini
Ci sono stati e ci sono ancora due tipi di sconfinamenti opposti e
simmetrici: 1) la fede che vuole ipotecare anche la ricerca
scientifica (es. caso Galieli evoluzione..)
Ma dire che l'universo è stato fatto da Dio, non vuol dire già includere
nella fede una cosmologia, vale a dire sconfinare?

a.
a.cignini
2011-09-25 20:16:56 UTC
Permalink
Post by Naciketas
Post by a.cignini
Ci sono stati e ci sono ancora due tipi di sconfinamenti opposti e
simmetrici: 1) la fede che vuole ipotecare anche la ricerca scientifica
(es. caso Galieli evoluzione..)
Ma dire che l'universo è stato fatto da Dio, non vuol dire già includere
nella fede una cosmologia, vale a dire sconfinare?
Dipende dai con-fini che il cercatore di spiegazioni si traccia e si
pre-scrive nella sua ricerca sul micro e sul macro-cosmo.
Oggi ai fisici non interessa chiedersi "chi ha fatto e perché"
le cose e le leggi che ne regolano la struttura e i comportamenti.
Chiederselo e tentare di rispondersi è fare meta-fisica, cioè
perdere tempo con le favole e la fantascienza.
E' però una convenzione recente e costituisce un pre-giudizio
che ha il vantaggio di risparmiare perdite di tempo nella ricerca
di cause o comunque spiegazioni nell'ambito im-manente e
perciò controllabile.
Ma l'assumere un ambito circo-scritto e de-finito non implica
la negazione di un oltre meta-fisico. Sarebbe disonesto.
Se invece la ricerca è aperta e s-confinata si
passa alla metafisica, cosa legittima. La cosa illegittima è
dichiararla superstizione.
Il filosofo non si accontenta di constatare 'che' ci sono costanti
e leggi. Cerca una spiegazione che dia loro un solido fondamento.
I massimi sistemi metafisici credo che siano 2: a) la spiegazione
è dentro il sistema osservato, da questo inscindibile e della stessa
pasta (grossolanamente immanentismo materialista); b) fuori e diverso
come un ingegnere dalla sua opera, ma che ci capisce della sua
opera e la spiega soddisfacentemente. Nous, Logos.

a.c.
Naciketas
2011-09-26 05:27:15 UTC
Permalink
Post by a.cignini
Dipende dai con-fini che il cercatore di spiegazioni si traccia e si
pre-scrive nella sua ricerca sul micro e sul macro-cosmo. Oggi ai
fisici non interessa chiedersi "chi ha fatto e perché" le cose e le
leggi che ne regolano la struttura e i comportamenti.
Certo, ai fisici non interessa, altrimenti la fisica sconfinerebbe nella
religione - come succede con personaggi come Ervin Laszlo. Ma non
sconfina nella fisica la religione, nel momento in cui fa affermazioni
sull'universo? Non si tratta di un altro campo, quello metafisico. Dire
che l'universo è stato creato non significa solo porre un Ente
metafisico, ma anche caratterizzare in un certo mondo lo stesso mondo
fisico; vuol dire fare al contempo fisica e metafisica. E visto che
parli di disonestà, a me pare disonesto questo salto nella metafisica
prima dell'attento accertamento delle cose fisiche. C'è una gradualità
delle conoscenze. Se ti trovi un frammento minuscolo di un libro
strappato - un frammnento che contiene una sola lettera -, e pretendi
non solo di dire di che libro si tratta, ma addirittura chi lo ha
scritto, sei un ciarlatano. Non basta rifugiarsi nella metafisica.

a.
Arkannen
2011-09-26 11:47:09 UTC
Permalink
Post by Naciketas
delle conoscenze. Se ti trovi un frammento minuscolo di un libro
strappato - un frammnento che contiene una sola lettera -, e pretendi non
solo di dire di che libro si tratta, ma addirittura chi lo ha scritto, sei
un ciarlatano. Non basta rifugiarsi nella metafisica.
Allora da Newton in poi gli scienziati sono tutti ciarlatani.

..
Naciketas
2011-09-26 14:40:25 UTC
Permalink
Allora da Newton in poi gli scienziati sono tutti ciarlatani. ..
La scienza fa ipotesi razionali in base ai dati disponibili. I
ciarlatani sono i preti.

a.
Arkannen
2011-09-26 17:57:44 UTC
Permalink
Allora da Newton in poi gli scienziati sono tutti ciarlatani. ..
La scienza fa ipotesi razionali in base ai dati disponibili. I ciarlatani
sono i preti.
E' inutile che cerchi di buttarla in caciara mettendo di mezzo i preti.
Il tuo è il classico comportamento oppositivo di un esponente di una
minoranza.
Il punto del discorso è un altro ed è che la scienza ha la pretesa di poter
normare l'universo.
E' dai tempi di Newton che si cerca di scrivere leggi che descrivono, anzi
che prescrivono, l'universo.
Leggi che poi puntualmente si scopre non essere così prescrittive.

..
Father McKenzie
2011-09-26 20:06:36 UTC
Permalink
Post by Arkannen
Il tuo è il classico comportamento oppositivo di un esponente di una
minoranza.
Da quando ha letto le dispense per il concorso a preside, l'eloquio di
Arkan è notevolmete migliorato (bisognerebbe, però, vedere che cosa sa
oltre le parole)
--
Atti, 2:44-48 e 4:32-37
Arkannen
2011-09-26 21:55:42 UTC
Permalink
Post by Father McKenzie
Post by Arkannen
Il tuo è il classico comportamento oppositivo di un esponente di una
minoranza.
Da quando ha letto le dispense per il concorso a preside, l'eloquio di
Arkan è notevolmete migliorato (bisognerebbe, però, vedere che cosa sa
oltre le parole)
Questo lo diranno gli scientifici scienziatologi che nei prossimi due anni
mi esamineranno in una ventina di discipline afferenti alle scienze
cognitive per poi conferirmi la mia quarta laurea... o è la quinta? Oramai
ho perso il conto.

..
Father McKenzie
2011-09-26 22:07:49 UTC
Permalink
Post by Arkannen
conferirmi la mia quarta laurea...
le lauree si prendono coi punti Miralanza? NOn lo sapevo.
--
Atti, 2:44-48 e 4:32-37
Arkannen
2011-09-26 22:34:08 UTC
Permalink
Post by Father McKenzie
Post by Arkannen
conferirmi la mia quarta laurea...
le lauree si prendono coi punti Miralanza? NOn lo sapevo.
Purtroppo il sistema dell'istruzione in Italia fa schifo.
Non capisco proprio perché continui a difenderlo.
Vabbé che tu eri quello che difendeva il sistema di malaffare che stava
dietro agli operai della forestale in Calabria.
Cosa è che dicevi? Che facevano utile giardinaggio che salvava le foreste?
Le stesse che incendiavano per essere poi pagati per spegnerle?

..
Naciketas
2011-09-27 05:20:57 UTC
Permalink
Post by Arkannen
E' inutile che cerchi di buttarla in caciara
Ah, le proiezioni.
Post by Arkannen
mettendo di mezzo i preti.
Non è che a un certo punto ho "messo in mezzo i preti". Sono intervenuto
la prima volta facendoti notare che quelli che affermano i limiti della
scienza sono gli stessi che pretendono di avere tutte le risposte
sull'universo.
Post by Arkannen
Il punto del discorso è un altro ed è che la scienza ha la pretesa di
poter normare l'universo. E' dai tempi di Newton che si cerca di
scrivere leggi che descrivono, anzi che prescrivono, l'universo. Leggi
che poi puntualmente si scopre non essere così prescrittive. ..
La scienza elabora modelli interpretativi che per definizione sono
provvisori. E' un processo di scoperta progressiva. Tra le dispensine
non ce n'è una di epistemologia?

a.
Arkannen
2011-09-27 13:50:46 UTC
Permalink
Post by Naciketas
Post by Arkannen
E' inutile che cerchi di buttarla in caciara
Ah, le proiezioni.
Post by Arkannen
mettendo di mezzo i preti.
Non è che a un certo punto ho "messo in mezzo i preti". Sono intervenuto
la prima volta facendoti notare che quelli che affermano i limiti della
scienza sono gli stessi che pretendono di avere tutte le risposte
sull'universo.
Mah... io sento sempre dire che il disegno divino è imperscrutabile.
Quindi possano avere tutte le risposte è una cosa che sai solo tu.
Ed in ogni caso la religione non c'entra una sega.
Post by Naciketas
La scienza elabora modelli interpretativi che per definizione sono
provvisori.
Ma gli scienziati non lo sanno.
Post by Naciketas
E' un processo di scoperta progressiva. Tra le dispensine non ce n'è una
di epistemologia?
Ecco... quella della scoperta progressiva è la cazzata che sta all'errore di
fondo.
Le scoperte non sono per nulla progressive, ogni tanto salta fuori qualcosa
che non sai dove inizia e nemmeno dove finisce.
Le scoperte scientifiche sono tutte discontinue, diversamente non si
dannerebbero così tanto per cercare teorie unificatrici.
Ma dove cazzo ti sei laureato? In Albania?

..
Naciketas
2011-09-27 15:15:43 UTC
Permalink
Post by Arkannen
Mah... io sento sempre dire che il disegno divino è imperscrutabile.
L'imoperscrutabiliutà è l'angolino nel quale i cattolici si riparano
quando vengono messi alle strette.
Post by Arkannen
Quindi possano avere tutte le risposte è una cosa che sai solo tu.
Che il mondo sia creato da Dio è una affermazione che dà risposta a
tutti i misteri dell'universo. Ed è una affermazione che sta nel Catechismo.
Post by Arkannen
Ed in ogni caso la religione non c'entra una sega.
Non c'entra?
Post by Arkannen
Ecco... quella della scoperta progressiva è la cazzata che sta
all'errore di fondo. Le scoperte non sono per nulla progressive, ogni
tanto salta fuori qualcosa che non sai dove inizia e nemmeno dove
finisce. Le scoperte scientifiche sono tutte discontinue, diversamente
non si dannerebbero così tanto per cercare teorie unificatrici.
Una volta elaborata una teoria, si cerca di falsificarla - come hanno
fatto gli scienziati del CNR con la teoria di Einstein. Una teoria è
valida sempre provvisoriamente, fino a quando non la si falsifica.
Post by Arkannen
Ma dove cazzo ti sei laureato? In Albania? ..
La mia ragazza ha fatto le scuole turche in Albania. Tutte le lezioni si
tenevano in lingua inglese. Ha avuto una preparazione così rigorosa, che
poi studiare in Italia è stato un gioco.

a.
Arkannen
2011-09-27 18:20:09 UTC
Permalink
Post by Naciketas
Post by Arkannen
Mah... io sento sempre dire che il disegno divino è imperscrutabile.
L'imoperscrutabiliutà è l'angolino nel quale i cattolici si riparano
quando vengono messi alle strette.
Amen
Post by Naciketas
Post by Arkannen
Quindi possano avere tutte le risposte è una cosa che sai solo tu.
Che il mondo sia creato da Dio è una affermazione che dà risposta a tutti
i misteri dell'universo. Ed è una affermazione che sta nel Catechismo.
Amen
Post by Naciketas
Post by Arkannen
Ed in ogni caso la religione non c'entra una sega.
Non c'entra?
No, qua si parla di arroganza.
Post by Naciketas
Una volta elaborata una teoria, si cerca di falsificarla - come hanno
fatto gli scienziati del CNR con la teoria di Einstein. Una teoria è
valida sempre provvisoriamente, fino a quando non la si falsifica.
Quindi non è in grado di fornire verità assolute.
Post by Naciketas
La mia ragazza
Tu non sei la tua ragazza.
Almeno credo...

..
Naciketas
2011-09-27 18:39:58 UTC
Permalink
Tu non sei la tua ragazza. Almeno credo... ..
Non parlavi male delle scuole albanesi?

a.
Arkannen
2011-09-27 18:43:20 UTC
Permalink
Post by Naciketas
Tu non sei la tua ragazza. Almeno credo... ..
Non parlavi male delle scuole albanesi?
E continuo tuttora a parlarne male, resta il discorso che tu non sei la tua
ragazza e che cmq non sei laureato in farmacia... se la tua ragazza è ancora
la ponderale commessa di farmacia.

..
Naciketas
2011-09-27 19:47:10 UTC
Permalink
Post by Arkannen
E continuo tuttora a parlarne male, resta il discorso che tu non sei
la tua ragazza e che cmq non sei laureato in farmacia... se la tua
ragazza è ancora la ponderale commessa di farmacia. ..
Una ragazza splendida di 27 anni. Tu continua a farti le seghe con i
poster della Gelmini.

a.
Arkannen
2011-09-27 20:13:10 UTC
Permalink
Post by Naciketas
Post by Arkannen
E continuo tuttora a parlarne male, resta il discorso che tu non sei la
tua ragazza e che cmq non sei laureato in farmacia... se la tua ragazza è
ancora la ponderale commessa di farmacia. ..
Una ragazza splendida di 27 anni.
Sì... ho visto la foto.

Loading Image...

..
Naciketas
2011-09-27 20:32:10 UTC
Permalink
Post by Arkannen
Sì... ho visto la foto.
"Noi ci sforziamo di affermare tutto ciò che immaginiamo modifichi la
cosa che odiamo mediante tristezza, e di negare, al contrario, ciò che
immaginiamo la modifichi mediante letizia".
Spinoza, "Etica", III, proposizione 26.

a.
a.cignini
2011-09-26 17:08:08 UTC
Permalink
Post by Naciketas
Post by a.cignini
Dipende dai con-fini che il cercatore di spiegazioni si traccia e si
pre-scrive nella sua ricerca sul micro e sul macro-cosmo. Oggi ai fisici
non interessa chiedersi "chi ha fatto e perché" le cose e le leggi che ne
regolano la struttura e i comportamenti.
Certo, ai fisici non interessa, altrimenti la fisica sconfinerebbe nella
religione - come succede con personaggi come Ervin Laszlo. Ma non sconfina
nella fisica la religione, nel momento in cui fa affermazioni
sull'universo? Non si tratta di un altro campo, quello metafisico. Dire
che l'universo è stato creato non significa solo porre un Ente metafisico,
ma anche caratterizzare in un certo mondo lo stesso mondo fisico; vuol
dire fare al contempo fisica e metafisica.
Per Cartesio non era un problema. Può non esserlo per nessuno.
Post by Naciketas
E visto che parli di disonestà, a me pare disonesto questo salto nella
metafisica prima dell'attento accertamento delle cose fisiche.
Alemno soggettivamente può essere vissuto come imperativo categorico.
Il contrario della disonestà.
Post by Naciketas
C'è una gradualità delle conoscenze. Se ti trovi un frammento minuscolo di
un libro strappato - un frammnento che contiene una sola lettera -, e
pretendi non solo di dire di che libro si tratta, ma addirittura chi lo ha
scritto, sei un ciarlatano. Non basta rifugiarsi nella metafisica.
Per Galilei la Natura era un libro non di una lettera sola.


a.c.
Naciketas
2011-09-27 05:23:22 UTC
Permalink
Post by a.cignini
Per Cartesio non era un problema. Può non esserlo per nessuno.
Ah, non è un problema nemmeno per me. Ma non si faccia poi la
predichetta contro lo scientismo, perché esiste un religionismo che è
anche peggio.
Post by a.cignini
Alemno soggettivamente può essere vissuto come imperativo categorico.
Il contrario della disonestà.
Non vedo che c'entri qui l'imperativo categorico.

a.
a.cignini
2011-09-27 09:28:31 UTC
Permalink
Post by a.cignini
Per Cartesio non era un problema. Può non esserlo per nessuno.
Ah, non è un problema nemmeno per me. Ma non si faccia poi la predichetta
contro lo scientismo, perché esiste un religionismo che è anche peggio.
Sull'improntirtudine dell'articolo di Avvenire concordo e tanti cattolici
lo hanno scritto e continuano a scriverlo.
Post by a.cignini
Alemno soggettivamente può essere vissuto come imperativo categorico. Il
contrario della disonestà.
Non vedo che c'entri qui l'imperativo categorico.
A un lettore di S. Paolo come te, ricordo il passo della Lettera
ai Romani, dove si dichiarano inescusabili coloro che dalle
meraviglie della natura non risalgono al Massimo Fattor che
volle in lei del creator suo spirito qualche vasta orma stampar.

L'imperativo categorico è in quell'aggettivo "inescusabili".

a.c.
fulmo
2011-09-27 09:38:17 UTC
Permalink
Post by a.cignini
Post by a.cignini
Per Cartesio non era un problema. Può non esserlo per nessuno.
Ah, non è un problema nemmeno per me. Ma non si faccia poi la predichetta
contro lo scientismo, perché esiste un religionismo che è anche peggio.
Sull'improntirtudine dell'articolo di Avvenire concordo e tanti cattolici
lo hanno scritto e continuano a scriverlo.
Post by a.cignini
Alemno soggettivamente può essere vissuto come imperativo categorico. Il
contrario della disonestà.
Non vedo che c'entri qui l'imperativo categorico.
A un lettore di S. Paolo come te, ricordo il passo della Lettera
ai Romani, dove si dichiarano inescusabili coloro che dalle
meraviglie della natura non risalgono al Massimo Fattor che
volle in lei del creator suo spirito qualche vasta orma stampar.
L'imperativo categorico è in quell'aggettivo "inescusabili".
Nw sparava di cazzate S.Paolo!
Naciketas
2011-09-27 13:11:05 UTC
Permalink
A un lettore di S. Paolo come te, ricordo il passo della Lettera ai
Romani, dove si dichiarano inescusabili coloro che dalle meraviglie
della natura non risalgono al Massimo Fattor che volle in lei del
creator suo spirito qualche vasta orma stampar. L'imperativo
categorico è in quell'aggettivo "inescusabili". a.c.
Sono inescusabili se risalgono al Massimo Fattor prima del tempo: prima,
cioè, di aver capito davvero da Natura. Di Dio si potrà parlare forse
tra qualche secolo.

a.
a.cignini
2011-09-27 16:44:41 UTC
Permalink
A un lettore di S. Paolo come te, ricordo il passo della Lettera ai
Romani, dove si dichiarano inescusabili coloro che dalle meraviglie della
natura non risalgono al Massimo Fattor che volle in lei del creator suo
spirito qualche vasta orma stampar. L'imperativo categorico è in
quell'aggettivo "inescusabili". a.c.
Concordo, se finché ci sono spiegazioni naturali, prendono
la stolida scorciatoia delle soprannaturali. Il rasoio di fra Guglielmo
è stato mandato in onda appunto da uno che conosceva entrambi
i tipi di ricerca causarum.
prima, cioè, di aver capito davvero da Natura.
Sono ancora vichiano: l'unico scienziato è Dio, perché "verum est
ipsum factum" e conoscere è fare. L'intelletto umano non ha fatto la
Natura, ma la trova bell'e fatta. A tentoni è riuscito a capirci varie
cosettine. Ma il "capirLa davvero" che se lo scordi". Come un
selvaggio davanti a un aereo che fosse caduto nella sua foresta.
A meno che non vada laggiù nella foresta l'ingegnere che
l'ha progettato a spiegarglielo.
Di Dio si potrà parlare forse tra qualche secolo.
Nella storia non c'è stato un secolo in cui non se Ne sia
parlato.

a.c.
Naciketas
2011-09-27 17:55:55 UTC
Permalink
Post by a.cignini
Sono ancora vichiano: l'unico scienziato è Dio, perché "verum est
ipsum factum" e conoscere è fare. L'intelletto umano non ha fatto la
Natura, ma la trova bell'e fatta. A tentoni è riuscito a capirci varie
cosettine. Ma il "capirLa davvero" che se lo scordi". Come un
selvaggio davanti a un aereo che fosse caduto nella sua foresta. A
meno che non vada laggiù nella foresta l'ingegnere che l'ha progettato
a spiegarglielo.
Se avesse ragione Vico, la società dovrebbe essere la cosa più facile da
comprendere: e invece la sociologia è scienza molto meno solida della
fisica. Forse comprendiamo a fondo solo ciò che *non* abbiamo fatto noi.
E resta il problema: se l'uomo non può comprendere la natura, come può
osare anche solo nominare Dio?
Post by a.cignini
Nella storia non c'è stato un secolo in cui non se Ne sia parlato. a.c.
Sì, ma a volte era il Dio degli Eserciti, a volte una ipostatizzazione
del proprio io, il più delle volte il Tappabuchi di Bonhoeffer.

a.
fuzzy
2011-09-26 15:55:53 UTC
Permalink
Post by a.cignini
Post by a.cignini
Ci sono stati e ci sono ancora due tipi di sconfinamenti opposti e
simmetrici: 1) la fede che vuole ipotecare anche la ricerca scientifica
(es. caso Galieli evoluzione..)
Ma dire che l'universo stato fatto da Dio, non vuol dire gi includere
nella fede una cosmologia, vale a dire sconfinare?
Dipende dai con-fini che il cercatore di spiegazioni si traccia e si
pre-scrive nella sua ricerca sul micro e sul macro-cosmo.
Oggi ai fisici non interessa chiedersi "chi ha fatto e perch "
le cose e le leggi che ne regolano la struttura e i comportamenti.
Chiederselo e tentare di rispondersi fare meta-fisica, cio
perdere tempo con le favole e la fantascienza.
E' per una convenzione recente e costituisce un pre-giudizio
che ha il vantaggio di risparmiare perdite di tempo nella ricerca
di cause o comunque spiegazioni nell'ambito im-manente e
perci controllabile.
Ma l'assumere un ambito circo-scritto e de-finito non implica
la negazione di un oltre meta-fisico. Sarebbe disonesto.
Se invece la ricerca aperta e s-confinata si
passa alla metafisica, cosa legittima. La cosa illegittima
dichiararla superstizione.
Il filosofo non si accontenta di constatare 'che' ci sono costanti
e leggi. Cerca una spiegazione che dia loro un solido fondamento.
I massimi sistemi metafisici credo che siano 2: a) la spiegazione
dentro il sistema osservato, da questo inscindibile e della stessa
pasta (grossolanamente immanentismo materialista); b) fuori e diverso
come un ingegnere dalla sua opera, ma che ci capisce della sua
opera e la spiega soddisfacentemente. Nous, Logos.
a.c.
io mi ricordo di te... un po' di anni fa.... discutemmo di kant,
possibile?

fuzzy
a.cignini
2011-09-26 17:00:47 UTC
Permalink
Post by fuzzy
Post by a.cignini
Ci sono stati e ci sono ancora due tipi di sconfinamenti opposti e
simmetrici: 1) la fede che vuole ipotecare anche la ricerca scientifica
(es. caso Galieli evoluzione..)
Ma dire che l'universo stato fatto da Dio, non vuol dire gi includere
nella fede una cosmologia, vale a dire sconfinare?
Il filosofo non si accontenta di constatare 'che' ci sono costanti
e leggi. Cerca una spiegazione che dia loro un solido fondamento.
I massimi sistemi metafisici credo che siano 2: a) la spiegazione
dentro il sistema osservato, da questo inscindibile e della stessa
pasta (grossolanamente immanentismo materialista); b) fuori e diverso
come un ingegnere dalla sua opera, ma che ci capisce della sua
opera e la spiega soddisfacentemente. Nous, Logos.
io mi ricordo di te... un po' di anni fa.... discutemmo di kant,
possibile?
Sono sempre io. Mi ricordo vagamente. Non ricordo però su quale ng.
Se era it.scienza, ero interessato a "questioni di confine" tra fisica
e metafisica, filosofia e scienza, scienza ed etica, storia e scienza..
Confini netti non ci sono. Il sapere è un sistema reticolare e a mio
parere si può virtualmente collegare tutto a checché e a chicchessia.

Dentro la stessa persona possono coabitare e interfacciarsi lo scienziato,
il credente, il filosofo. Dentro l'io di Marconi e in quello di Enrico Medi
(per non dire dei secoli di Galilei, di Cartesio, di Pascal, di Newton)
non c'erano soluzioni di continuità tra lo scienziato e il credente.


Cordialmente
a.c.
fuzzy
2011-09-26 20:49:23 UTC
Permalink
Post by a.cignini
Post by fuzzy
Post by a.cignini
Ci sono stati e ci sono ancora due tipi di sconfinamenti opposti e
simmetrici: 1) la fede che vuole ipotecare anche la ricerca scientifica
(es. caso Galieli evoluzione..)
Ma dire che l'universo stato fatto da Dio, non vuol dire gi includere
nella fede una cosmologia, vale a dire sconfinare?
Il filosofo non si accontenta di constatare 'che' ci sono costanti
e leggi. Cerca una spiegazione che dia loro un solido fondamento.
I massimi sistemi metafisici credo che siano 2: a) la spiegazione
dentro il sistema osservato, da questo inscindibile e della stessa
pasta (grossolanamente immanentismo materialista); b) fuori e diverso
come un ingegnere dalla sua opera, ma che ci capisce della sua
opera e la spiega soddisfacentemente. Nous, Logos.
io mi ricordo di te... un po' di anni fa.... discutemmo di kant,
possibile?
Sono sempre io. Mi ricordo vagamente. Non ricordo però su quale ng.
Se era it.scienza, ero interessato a "questioni di confine" tra fisica
e metafisica, filosofia e scienza, scienza ed etica, storia e scienza..
Confini netti non ci sono. Il sapere è un sistema reticolare e a mio
parere si può virtualmente collegare tutto a checché e a chicchessia.
Dentro la stessa persona possono coabitare e interfacciarsi lo scienziato,
il credente, il filosofo.
sono assolutamente d'accordo, lo dico da ateo, e da amante della
scienza.

mi pare che discutemmo di kant e della critica della ragion pratica.
ma mi pare che fossero parecchi anni fa, forse fuori usenet...
in archivio devo avere qualcosa.
Post by a.cignini
Cordialmente
a.c.
ricambio
fuzzy
Arkannen
2011-09-25 17:41:33 UTC
Permalink
Post by Naciketas
Concordo. Il problema è che in genere quelli che ragionano così sono gli
stessi che hanno la pretesa di sapere che questo universo, che nemmeno
riusciamo a comprendere, 1) è stato creato,
In un modo che non riusciamo a comprendere.
Post by Naciketas
2) è stato creato da uno che
Riusciamo a comprendere.

..
Naciketas
2011-09-25 18:43:49 UTC
Permalink
Riusciamo a comprendere. ..
Quindi non riusciamo a comprendere l'universo, ma riusciamo a
comprendere chi lo ha fatto.

a.
not1xor1
2011-09-25 18:13:00 UTC
Permalink
Post by Arkannen
Post by Naciketas
Mi illuminate? Quali sono le bestialità di quell'articolo?
Nessuna bestialità, quell'articolo dice quello che tutti sanno.
sono in totale disaccordo: è un condensato di bestialità!

sostanzialmente l'autore proietta su quello che lui crede sia scienza
il dogmatismo tipico del fedele cristiano

nessuno scienziato degno di tal nome considera la teoria della
relatività (come del resto qualsiasi altra teoria scientifica) come
qualcosa di definitivo e immutabile - a differenza di qualsiasi
dottrina religiosa, quindi ammesso e non concesso che ci sia stato
questo "colpo alla relatività" il colpo a quello che l'autore chiama
scientismo è tutto nella sua fantasia malata

analizzando l'articolo si nota:

-1) un accostamento assolutamente fuori luogo dell'astrologia alla
scienza (un semplice trucco psicologico per screditare la scienza
attraverso la critica all'astrologia)

-2) "La scienza dei nostri giorni ha la "S" maiuscola e ci regala
certezze assolute, sulle quali si sono incardinati interi
sistemi di vita"

La scienza sperimentale non ha un cazzo a che vedere con le certezze
assolute - la pretesa delle certezze assolute c'è solo nelle religioni
si veda ad esempio questo magistrale scritto di Isaac Asimov:
<http://chem.tufts.edu/AnswersInScience/RelativityofWrong.htm>

-3) "Il marxismo era la "scienza" ultima dell’organizzazione
sociale, e ha dato quel che s’è visto in tante parti del
mondo, in tanti decenni di lacrime."

- il marxismo non è "scienza dei nostri giorni"
- va bene che questo è il paese in cui si spaccia quella boiata di
voyager per informazione scientifica, ma non basta associare il
termine scienza ad un qualcosa per cui questo qualcosa possa essere
considerato scientifico, anche le scienze occulte sono scienza???
- poi c'è da dire proprio "da che pulpito"... con tutti i morti
causati dalle guerre di religione (e dopo i finanziamenti occulti del
vaticano alla croazia per l'acquisto di armamenti che poi hanno
contribuito a scatenare la guerra dei balcani) questi stanno ancora a
predicare...

-4) "Il trionfante liberismo è oggi la "scienza" sopraffina che fa del
campo etereo dell’economia un labirinto di certezze

- le scienze economiche come le scienze occulte non hanno niente a che
vedere con la scienza sperimentale
- negli ultimi anni ci sono stati diversi tentativi di portare un po'
di scienza sperimentale nel campo economico (studi di psicologia
sperimentale, neurologia, teoria dei giochi, ecc.) e questi hanno
tutti ampiamente smentito i principi su cui sono basate le teorie
liberiste
- fin dai tempi del club di roma e degli studi sui limiti dello
sviluppo c'è un certo attrito tra il mondo scientifico e quello di
studi economici specialmente di orientamento liberista con i suoi
dogmi dei mercati infiniti e dello sviluppo infinito

-5) "Ma regina tra tutte è la fisica, scienza per eccellenza,
fondandosi sulla quale ogni tanto esperti vari (Margherita Hack,
tanto per dire) propinano sul proscenio massmediatico urbi et
orbi lezioni cosmologiche parlando del momento in cui è
cominciato l’universo con la stessa olimpica sicurezza con
cui si riferirebbe di un certificato di nascita."

ancora proiezioni del proprio dogmatismo inferendo intenzioni
inesistenti alle azioni e parole di altre persone

-6) "La teoria di Einstein è, appunto, una "teoria": ovvero un
insieme organizzato fondato su ipotesi." e sproloquio successivo

balle spaziali!!!

"insieme organizzato fondato su ipotesi" non ha niente a che vedere
con la scienza, magari molto più con le religioni, specialmente se ad
ipotesi si sostituisce "superstizioni"

per "teoria scientifica" si intende un'ipotesi che è stata largamente
provata sperimentalmente, accettata quindi come valida dal mondo
scientifico, niente a che vedere con il significato comunemente
attribuito al termine "teoria" (ovvero contrario di "pratica")

mentre una ipotesi è scientificamente ammissibile solo se è
falsificabile (nel senso di confutabile)
per esempio "esistono gli unicorni" non è un'ipotesi scientificamente
valida perché non è concettualmente possibile dimostrare la
non-esistenza, al contrario "non esistono gli unicorni" è un'ipotesi
confutabile nel momento in cui si produce la prova dell'esistenza
degli stessi

-7) "chi non crede in Dio non è vero che non crede in niente,
perché comincia a credere a tutto. Soprattutto alle certezze
preconfezionate offerte col sigillo dell’autorità."

ancora patetiche proiezioni (veramente da ricovero)
lo scienziato non crede in alcun dogma, ma solo nella scienza
sperimentale come metodo in grado di produrre risultati concreti!

è la scienza che ci ha permesso di estendere la durata delle nostre
vite, di liberarci di terribili malattie, di usare questo mezzo per
comunicare, di avere acqua calda, gas, elettricità in casa, di
viaggiare in poche ore da un continente ad un altro! Le religioni nei
millenni che hanno infestato l'umanità non hanno prodotto un cazzo di
utile, solo guerre e persecuzioni e continuano a propagandare ignoranza

-8) "Oggi l’arrembaggio dei neutrini al castello di carte della
fisica einsteiniana offre la grande opportunità di ripensare
a questo meccanismo del confezionare certezze basate sulla
facile consuetudine"

ancora proiezioni... quali certezze? quale facile consuetudine?
(ammesso e non concesso che venga confermato questo superamento di C)
la scienza si basa solo su prove sperimentali, con la consapevolezza
che i risultati raggiunti sono validi solo fino a quando non vengano
fatte successive scoperte che ne ridefiniscano i termini o più
raramente li smentiscano tout-court
le facili consuetudini sono solo quelle delle religioni dove niente
viene messo in dubbio ma viene solo ritrasmessa la dottrina elaborata
dalle generazioni precedenti

-9) "Perché la scienza in realtà è un’altra cosa e nasce dal
coraggio del dubbio unito all’ottimismo della fede"

ricovero immediato e coatto
la fede non ha niente a che vedere con la scienza, la scienza è basata
sullo scetticismo altro che sulle cazzate che gli attribuisce questo
vomitevole demente
--
bye
!(!1|1)
Soviet_Mario
2011-09-25 18:24:12 UTC
Permalink
Post by not1xor1
Post by Arkannen
Post by Naciketas
Mi illuminate? Quali sono le bestialità di quell'articolo?
Nessuna bestialità, quell'articolo dice quello che tutti sanno.
sono in totale disaccordo: è un condensato di bestialità!
sostanzialmente l'autore proietta su quello che lui crede sia scienza il
dogmatismo tipico del fedele cristiano
nessuno scienziato degno di tal nome considera la teoria della
relatività (come del resto qualsiasi altra teoria scientifica) come
qualcosa di definitivo e immutabile - a differenza di qualsiasi dottrina
religiosa, quindi ammesso e non concesso che ci sia stato questo "colpo
alla relatività" il colpo a quello che l'autore chiama scientismo è
tutto nella sua fantasia malata
-1) un accostamento assolutamente fuori luogo dell'astrologia alla
scienza (un semplice trucco psicologico per screditare la scienza
attraverso la critica all'astrologia)
ciao ... sei nuovo di questo NG (parlo di IIS, non di
scienza). Ebbene, da astrologo, prevedo che non più tardi di
5 post il tuo killfile conterrà un nominativo in più.
Detto con altre parole il tuo post (che mi son letto con
gran piacere) è l'archetipo della perla ... ai porci, e più
che grugniti non riceverai in risposta :)

Ciao
Soviet
not1xor1
2011-09-25 18:31:15 UTC
Permalink
ciao ... sei nuovo di questo NG (parlo di IIS, non di scienza).
ciao mario... è solo una questione di crosspost... io seguo it.scienza...
Detto con altre parole il tuo post (che mi son letto con gran piacere)
è l'archetipo della perla ... ai porci, e più che grugniti non
riceverai in risposta :)
non mi aspetto altro :-)
--
bye
!(!1|1)
Arkannen
2011-09-25 19:08:39 UTC
Permalink
Post by not1xor1
sostanzialmente l'autore proietta su quello che lui crede sia scienza il
dogmatismo tipico del fedele cristiano
Questo è un film che ti sei fatto tutto tu.
Post by not1xor1
- va bene che questo è il paese in cui si spaccia quella boiata di voyager
per informazione scientifica, ma non basta associare il
E questo è il secondo tempo del film.
Post by not1xor1
- poi c'è da dire proprio "da che pulpito"... con tutti i morti
Ah ecco.
Post by not1xor1
- le scienze economiche come le scienze occulte non hanno niente a che
vedere con la scienza sperimentale
Ma non è assolutamente vero, al contrario esiste un forte movimento che
vuole trattare le scienze economiche (sociali) allo stesso modo delle
scienze per così dire esatte.
Post by not1xor1
- negli ultimi anni ci sono stati diversi tentativi di portare un po' di
scienza sperimentale nel campo economico (studi di psicologia sperimentale,
neurologia, teoria dei giochi, ecc.) e questi hanno tutti ampiamente
smentito i principi su cui sono basate le teorie liberiste
Ah ecco lo sai allora.
E che cosa concludiamo?
Che le cose degli uomini sono cose che stanno al di fuori della scienza?
Post by not1xor1
ancora patetiche proiezioni (veramente da ricovero)
lo scienziato non crede in alcun dogma, ma solo nella scienza sperimentale
come metodo in grado di produrre risultati concreti!
Tranne che nelle cose relative agli uomini...
Ma la Scienza non doveva comprendere tutto?
Come è che non comprende l'uomo?
Post by not1xor1
è la scienza che ci ha permesso di estendere la durata delle nostre
Embe'?

..
not1xor1
2011-09-26 18:48:47 UTC
Permalink
Post by Arkannen
Post by not1xor1
sostanzialmente l'autore proietta su quello che lui crede sia scienza il
dogmatismo tipico del fedele cristiano
Questo è un film che ti sei fatto tutto tu.
mentre il motivo della mia affermazione era spiegato dettagliatamente
nel resto del messaggio, la tua obiezione è del tutto immotivata
Post by Arkannen
Post by not1xor1
- le scienze economiche come le scienze occulte non hanno niente a che
vedere con la scienza sperimentale
Ma non è assolutamente vero, al contrario esiste un forte movimento che
vuole trattare le scienze economiche (sociali) allo stesso modo delle
scienze per così dire esatte.
scienze esatte è in un certo senso un ossimoro visto che la certezza
della scienza (intesa come scienza sperimentale) è in continuo
divenire (per esempio i valori delle cosiddette costanti fondamentali
vengono corretti periodicamente)

questa caratteristica *fondamentale* della scienza, a quanto pare è
del tutto ignota sia a te che all'autore dell'articolo, che appunto,
attribuendo erroneamente alla scienza la assolutezza dei dogmi
religiosi e delle ideologie, vedeva nel superamento (tutto ancora da
confermare) di C da parte del neutrino il crollo di un castello di
certezze scientifiche che esiste solo nella sua fantasia

la condizione del continuo divenire e trasformarsi è connaturata nella
scienza sperimentale visto che si tratta essenzialmente di un sistema
ricorsivo a retroazione (osservazione->ipotesi->verifica sperimentale
che è essa stessa osservazione->nuove ipotesi(una o più)->ecc.)

parlare di "forte movimento" per quanto riguarda la sperimentazione
nelle scienze economiche (e a ancor più sociali) mi pare alquanto
improprio

leggo da anni riviste scientifiche e ormai da diversi anni scorro
quotidianamente su diversi siti liste delle ricerche pubblicate per il
mondo e a quanto mi risulta il ricorso alla pratica sperimentale nei
suddetti campi è ancora qualcosa di relativamente poco comune

in particolare, nell'articolo si parlava esplicitamente di liberismo
come scienza economica, il fatto che gli assiomi di base del liberismo
siano stati confutati proprio dalla sperimentazione dimostra
semplicemente che il liberismo (come le altre teorie economiche) non
ha basi scientifiche
Post by Arkannen
Post by not1xor1
- negli ultimi anni ci sono stati diversi tentativi di portare un po' di
scienza sperimentale nel campo economico (studi di psicologia sperimentale,
neurologia, teoria dei giochi, ecc.) e questi hanno tutti ampiamente
smentito i principi su cui sono basate le teorie liberiste
Ah ecco lo sai allora.
E che cosa concludiamo?
Che le cose degli uomini sono cose che stanno al di fuori della scienza?
quale sarebbe il nesso logico che ti porta a questa demenziale
affermazione?
il liberismo fallisce le previsioni perché non è scienza sperimentale!
questo non significa che un modello economico basato sulla
sperimentazione (per quanto non banale vista la quantità di variabili
in gioco) non sia in grado di fare meglio

c'è semplicemente bisogno di rifondare la scienza economica (ma anche
le scienze sociali e politiche) come scienze sperimentali, quella che
proponi tu invece è la strada già intrapresa dai liberisti, dai
marxisti, ecc.

non basta cambiare gli assiomi alla base delle ideologie, bisogna
cambiare il metodo!

bisogna liberarsi totalmente da idee preconcette e limitarsi ad
osservare la realtà, chiedendosi sempre se quanto dedotto
dall'osservazione sia valido e mettendo continuamente in discussione
le proprie conclusioni con nuove osservazioni, con la consapevolezza
che tali conclusioni possono essere del tutto sbagliate o che si
possono sempre migliorare
Post by Arkannen
Post by not1xor1
ancora patetiche proiezioni (veramente da ricovero)
lo scienziato non crede in alcun dogma, ma solo nella scienza sperimentale
come metodo in grado di produrre risultati concreti!
Tranne che nelle cose relative agli uomini...
e su cosa sarebbe basata questa tua affermazione?
non si tratta solo di un'idea preconcetta?
ma anche ammesso e _non_concesso_ che fino al giorno d'oggi la scienza
non sia stata in grado di spiegare quello che definisci ambiguamente
"le cose relative agli uomini" (qualsiasi cosa possa ciò significare)
non è detto che non sarà in grado di farlo tra 5,10 o 50 anni (anche
se già adesso è possibile leggere sia pure abbastanza grossolano il
pensiero)
Post by Arkannen
Ma la Scienza non doveva comprendere tutto?
Come è che non comprende l'uomo?
veramente non è la scienza che non comprende, ma sei tu che non hai la
minima idea di quanto sia vasta la portata delle cose che ignori e che
- da quanto scrivi - sicuramente neanche comprenderesti
--
bye
!(!1|1)
Arkannen
2011-09-26 21:52:30 UTC
Permalink
questa caratteristica *fondamentale* della scienza, a quanto pare è del
tutto ignota sia a te che all'autore dell'articolo, che appunto,
Credo che tu abbia una preparazione dogmatica e obsoleta tra l'altro.
attribuendo erroneamente alla scienza la assolutezza dei dogmi religiosi e
delle ideologie, vedeva nel superamento (tutto ancora da confermare) di C
da parte del neutrino il crollo di un castello di certezze scientifiche
che esiste solo nella sua fantasia
Non c'entra nulla la religione, ce la vuoi mettere perché cerchi qualcosa
con cui confrontarti da una posizione che è generalmente considerata
vincente.
Nessuno parla di religione, solo tu ce la metti in mezzo.
"tutti i concetti e le categorie, i principi e le ipotesi di cui si
avvalgono le scienze e la filosofia sono finzioni, prive di validità
teoretica, spesso intimamente contraddittorie , che sono accettate e
mantenute solo in quanto utili"
Indovina un po' chi lo ha detto?
la condizione del continuo divenire e trasformarsi è connaturata nella
scienza sperimentale visto che si tratta essenzialmente di un sistema
ricorsivo a retroazione (osservazione->ipotesi->verifica sperimentale che
è essa stessa osservazione->nuove ipotesi(una o più)->ecc.)
E con questo?
Osservo, ipotizzo e verifico... ma la verifica non sarà mai completa e io
mai potrò sapere quali sono i limiti entro cui quello che ipotizzo ha
valore.
Salvo i limiti dettati da quello che posso vedere, ma quelli non sono i
limiti del fenomeno che osservo, quello è il limite della mia cecità.
parlare di "forte movimento" per quanto riguarda la sperimentazione nelle
scienze economiche (e a ancor più sociali) mi pare alquanto improprio
Cazzo... mi tocca buttare via una trentina di libri.
E pensare che a me le scienze sociali nemmeno piacciono.
leggo da anni riviste scientifiche e ormai da diversi anni scorro
quotidianamente su diversi siti liste delle ricerche pubblicate per il
mondo e a quanto mi risulta il ricorso alla pratica sperimentale nei
suddetti campi è ancora qualcosa di relativamente poco comune
Psicologia sperimentale... pedagogia sperimentale... scienze cognitive...
Ma cosa leggi? Topolino?
in particolare, nell'articolo si parlava esplicitamente di liberismo
Ah... ne hai letto uno solo.
come scienza economica, il fatto che gli assiomi di base del liberismo
siano stati confutati proprio dalla sperimentazione dimostra semplicemente
che il liberismo (come le altre teorie economiche) non ha basi
scientifiche
E' che metodo è questo che stai usando?
Il metodo blabluttivo?
Siccome hai letto un articolo che sostiene che il liberismo non ha basi
scientifiche, allora le scienze sociali non hanno basi scientifiche.
Ora... a prescindere dal fatto che abbiano o meno basi scientifiche.
Torna la mia obiezione di partenza.
Che valore di assolutezza può avere la Scienza, come la descrivi tu, se
questa non riesce a includere l'uomo?
Post by Arkannen
E che cosa concludiamo?
Che le cose degli uomini sono cose che stanno al di fuori della scienza?
quale sarebbe il nesso logico che ti porta a questa demenziale
affermazione?
Sei tu che dici che il metodo sperimentale che è alla base del metodo
scientifico confuta (e già qua trovo paradossale la cosa) la scientificità
della scienza sociale.
In pratica stai dicendo che usando un metro che non misura hai determinato
che la misura è sbagliata.
il liberismo fallisce le previsioni perché non è scienza sperimentale!
questo non significa che un modello economico basato sulla sperimentazione
(per quanto non banale vista la quantità di variabili in gioco) non sia in
grado di fare meglio
Beh! Ti svelo una cosa allora.
La quantità di variabili in gioco è sempre non banale.
Ti suggerisco la lettura di Prigogine "Le leggi del caos" di cui ti cito
solo la conclusione.
"La scienza inizia a essere in grado di descrivere la creatività della
natura, e il tempo, oggi, è anche il tempo che non parla più di solitudine,
ma dell'alleanza dell'uomo con la natura che egli descrive"
c'è semplicemente bisogno di rifondare la scienza economica (ma anche le
scienze sociali e politiche) come scienze sperimentali, quella che proponi
tu invece è la strada già intrapresa dai liberisti, dai marxisti, ecc.
Io non ho proposto nessuna strada, così come non ho mai parlato di aspetti
religiosi.
Continui a cantartela e a suonartela da solo.

Abbi pazienza... ma mi sono annoiato di starti a leggere.
Non dici nulla di interessante e quel poco che dici è un poutpurri di
cagnolinerie.

..
not1xor1
2011-09-27 13:11:02 UTC
Permalink
Post by Arkannen
Osservo, ipotizzo e verifico... ma la verifica non sarà mai completa e io
mai potrò sapere quali sono i limiti entro cui quello che ipotizzo ha
valore.
la scienza tende a migliorarsi continuamente, ma anche in questa sua
provvisorietà ha infinite applicazioni pratiche che permettono di non
preoccuparsi più della poliomelite, del vaiolo, della peste, della
lebbra, di poter conservare le cose da mangiare in frigorifero, di non
dover usare ancora la pietra focaia e la lampada ad olio, ecc.

la pretesa di verità assolute che hanno, in alternativa della scienza,
religioni e ideologie, in migliaia di anni non ha prodotto niente di
materiale

certo, in mancanza di soluzioni concrete, illudersi di trovare una
cura nella preghiera, di trovare una condizione migliore oltre la
morte, ecc. ha offerto un conforto psicologico e il fanatismo di
ideologie e religioni se da un lato ha provocato tante morti,
dall'altro ha funzionato da cemento per creare unità sociali più
estese della tribù

ma in un mondo sempre più complesso, con mezzi che usati nel modo
sbagliato possono causare danni devastanti, se non risolutivi, per
quanto riguarda la specie umana, queste illusioni non solo risultano
insufficienti, ma estremamente pericolose
Post by Arkannen
Cazzo... mi tocca buttare via una trentina di libri.
E pensare che a me le scienze sociali nemmeno piacciono.
ci sono 4 possibilità (in ordine di probabilità):
- un insieme delle possibilità che seguono
- non li hai letti
- non hai capito niente di quello che hai letto
- non avevano niente a che vedere con la scienza
:-)
Post by Arkannen
Psicologia sperimentale... pedagogia sperimentale... scienze cognitive...
Ma cosa leggi? Topolino?
quando non sapete cosa rispondere citate sempre cose mai scritte...
chi ha parlato mai di pedagogia sperimentale, scienze cognitive?
Post by Arkannen
Post by not1xor1
in particolare, nell'articolo si parlava esplicitamente di liberismo
Ah... ne hai letto uno solo.
ma sei veramente così stupido?
il mio messaggio era di critica all' *articolo* apparso sull'avvenire
quindi la frase che hai quotato si riferiva ad *un* articolo
o forse l'articolo in questione era uno e trino ? :-D
Post by Arkannen
Siccome hai letto un articolo che sostiene che il liberismo non ha basi
scientifiche, allora le scienze sociali non hanno basi scientifiche.
avevo scritto che leggo da anni in proposito, quindi non articoli di
quantità *UNO* sugli argomenti in questione e gli articoli che ho
letto non si limitano certo ad affermare dei concetti, ma riportano
fatti, esperimenti, dati

ma a questo punto è inutile perdere altro tempo...
--
bye
!(!1|1)
Arkannen
2011-09-27 13:58:33 UTC
Permalink
Post by not1xor1
Post by Arkannen
Osservo, ipotizzo e verifico... ma la verifica non sarà mai completa e io
mai potrò sapere quali sono i limiti entro cui quello che ipotizzo ha
valore.
la scienza tende a migliorarsi continuamente,
E due... ecco un altro che ritiene il progresso un cammino lineare fatto di
piccolo sforzi quotidiani.
Post by not1xor1
ma anche in questa sua provvisorietà ha infinite applicazioni pratiche che
permettono di non preoccuparsi più della poliomelite, del vaiolo, della
peste, della lebbra, di poter conservare le cose da mangiare in
frigorifero, di non dover usare ancora la pietra focaia e la lampada ad
olio, ecc.
Ti avevo giusto citato un passo in cui si diceva che le convinzioni le si
conservava perché erano utili.
Post by not1xor1
la pretesa di verità assolute che hanno, in alternativa della scienza,
religioni e ideologie, in migliaia di anni non ha prodotto niente di
materiale
Che palle con questa religione... ma sempre là vai a battere?
Da piccolo ti molestavano i preti?
Post by not1xor1
- un insieme delle possibilità che seguono
- non li hai letti
- non hai capito niente di quello che hai letto
- non avevano niente a che vedere con la scienza
:-)
Non sei tu quello che dice che le scienze sociali non sono scientifiche?
Post by not1xor1
quando non sapete cosa rispondere citate sempre cose mai scritte...
chi ha parlato mai di pedagogia sperimentale, scienze cognitive?
Tu quando hai detto che le scienze sociali non sono scienze in quanto
estranee al metodo scientifico.
Post by not1xor1
ma sei veramente così stupido?
il mio messaggio era di critica all' *articolo* apparso sull'avvenire
quindi la frase che hai quotato si riferiva ad *un* articolo
o forse l'articolo in questione era uno e trino ? :-D
Ho capito... sei così banalmente logorroico da scordarti persino a cosa ti
riferisci.
L'articolo che citavi era quello che parlava del liberismo eccetera
eccetera.

Ok basta.... è seccante stare dietro alle tuo sciocchezze, neanche sai di
cosa parli
Post by not1xor1
ma a questo punto è inutile perdere altro tempo...
Sono pienamente d'accordo con te.

..
Naciketas
2011-09-27 18:00:24 UTC
Permalink
Post by not1xor1
ma sei veramente così stupido?
No, è che quando sta alle strette la butta in caciara.

a.
Arkannen
2011-09-27 18:22:00 UTC
Permalink
Post by Naciketas
Post by not1xor1
ma sei veramente così stupido?
No, è che quando sta alle strette la butta in caciara.
No, solo quando giungo alla conclusione che l'altrui altro spara noiose
cazzate oppure mena il can per l'aia.
Il mio tempo, anche se ludico, è troppo importante per stare dietro alle
idiozie.

..
Naciketas
2011-09-27 18:38:53 UTC
Permalink
Post by Arkannen
No, solo quando giungo alla conclusione che l'altrui altro spara
noiose cazzate oppure mena il can per l'aia. Il mio tempo, anche se
ludico, è troppo importante per stare dietro alle idiozie. ..
Questo è più o meno quello che si agita nella tua mente mentre gli altri
pensano: "Ecco, Arkannen ha fatto un'altra figura di merda".

a.
Arkannen
2011-09-27 18:40:07 UTC
Permalink
Post by Naciketas
Post by Arkannen
No, solo quando giungo alla conclusione che l'altrui altro spara noiose
cazzate oppure mena il can per l'aia. Il mio tempo, anche se ludico, è
troppo importante per stare dietro alle idiozie. ..
Questo è più o meno quello che si agita nella tua mente mentre gli altri
pensano: "Ecco, Arkannen ha fatto un'altra figura di merda".
Ah, le proiezioni.

..
uniposta
2011-09-25 20:39:40 UTC
Permalink
22:39

- Dom 25 Set 2011, 20:13, not1xor1 <" "*libero.it>
in risposta a 17:10 Arkannen, citando l'articolo
Post by not1xor1
-5) "Ma regina tra tutte è la fisica, scienza per eccellenza,
fondandosi sulla quale ogni tanto esperti vari (Margherita Hack,
tanto per dire) propinano sul proscenio massmediatico urbi et
orbi lezioni cosmologiche parlando del momento in cui è
cominciato l’universo con la stessa olimpica sicurezza
con cui si riferirebbe di un certificato di nascita."
ancora proiezioni del proprio dogmatismo inferendo intenzioni
inesistenti alle azioni e parole di altre persone
- Be'... che la hack, così come altri (compreso l'amato
zichichi, nevvero?) di tanto in tanto si mettesse a fare
insopportabili lezioncine spicce per il popolino, è vero.
Post by not1xor1
ovvero un insieme organizzato fondato su ipotesi."[..]
balle spaziali!!!
"insieme organizzato fondato su ipotesi" non ha niente a
che vedere con la scienza, magari molto più con le religioni,
specialmente se ad ipotesi si sostituisce "superstizioni"
per "teoria scientifica" si intende un'ipotesi che è stata
largamente provata sperimentalmente, accettata quindi come
- E' successo dopo, questo. Einstein che ne sapeva?

Se una teoria viene confermata sperimentalmente, significa
che era già giusta quando venne elaborata, senza esperimenti.
Un umano, per conto suo, aveva pensato la cosa giusta.

Se invece non supera la prova, era già sbagliata all'origine
(un umano, per conto suo, aveva preso lucciole per lanterne)
Post by not1xor1
-7) "chi non crede in Dio non è vero che non crede in niente,
perché comincia a credere a tutto. Soprattutto alle certezze
preconfezionate offerte col sigillo dell’autorità."
ancora patetiche proiezioni (veramente da ricovero)
lo scienziato non crede in alcun dogma, ma solo nella scienza
sperimentale come metodo in grado di produrre risultati concreti!
- Scusa... ha scritto "chi non crede in dio",
non "scienziato". Non ti sei accorto, che l'articolo parla
della gente e della società di oggi nel suo insieme?

O per te, chi non crede in dio è automaticamente uno scienziato?
Post by not1xor1
è la scienza che ci ha permesso di estendere la durata delle nostre
vite, di liberarci di terribili malattie, di usare questo mezzo per
comunicare, di avere acqua calda, gas, elettricità in casa, di
viaggiare in poche ore da un continente ad un altro! Le religioni nei
- Minchia ma sei proprio un invasato, eh. Con che faccia,
dai contro ai religiosi, quando tu sei a questi livelli
(col punto esclamativo, pure!)

---


-*_ uniposta(at)yahoo.it
-*_ uniposta(at)gmail.com
--
If his chest had been a cannon, he would have shot his heart upon it.
Se il suo petto fosse stato un cannone, gli avrebbe sparato contro
il suo cuore. (Herman Melville, Moby Dick; Patrick Stewart,
Capt. Jean-Luc Picard, Star Trek - The Next Generation)
not1xor1
2011-09-26 19:00:13 UTC
Permalink
Post by uniposta
Post by not1xor1
per "teoria scientifica" si intende un'ipotesi che è stata
largamente provata sperimentalmente, accettata quindi come
- E' successo dopo, questo. Einstein che ne sapeva?
Se una teoria viene confermata sperimentalmente, significa
che era già giusta quando venne elaborata, senza esperimenti.
Un umano, per conto suo, aveva pensato la cosa giusta.
Se invece non supera la prova, era già sbagliata all'origine
(un umano, per conto suo, aveva preso lucciole per lanterne)
confondi il significato di "ipotesi" con quello di "teoria
scientifica", gli scienziati formulano ipotesi, non teorie

la relatività è diventata "teoria scientifica" solo dopo le prove
sperimentali

si tratta di banale terminologia spiegata di solito nelle pagine
iniziali di molti testi di biologia o di fisica, dove si tratta del
metodo scientifico in genere
Post by uniposta
- Scusa... ha scritto "chi non crede in dio",
non "scienziato". Non ti sei accorto, che l'articolo parla
della gente e della società di oggi nel suo insieme?
a parte il titolo (Un colpo alla relatività ma soprattutto allo
scientismo) è tutta un apoteosi di argomentazioni (infondate) volte a
demonizzare la scienza

il particolare periodo di cui hai citato l'inizio ("chi non crede in
dio") era la conclusione di un paragrafo che parlava in termini
spregiativi della teoria della relatività - dimostrando inoltre di
ignorare completamente il significato del termine "teoria" in ambito
Post by uniposta
La teoria di Einstein è, appunto, una "teoria": ovvero un insieme
organizzato fondato su ipotesi. [1]
Ma per tutto quel tempestoso secolo che ci siamo lasciati alle
spalle è stata tanto citata e riciclata in ogni salsa, e il suo
linguaggio (lo "spaziotempo") è tanto entrato nell’eloquio comune
(all’epoca di Dante si diceva "volgare"), da trasferirsi ipso
facto nei ranghi delle certezze, come per i marxisti fu
l’organizzazione marxiana della società e per i liberisti è il
mostro sacro dell’economia di mercato (e quale mercato, e come
organizzato, da che leggi regolato, è argomento sempre lasciato un
po’ da parte...). Di simili certezze s’è fatta lunga esperienza
nella storia, dal sistema tolemaico alla teoria del flogisto.[2]
Perché non ne siamo ancora vaccinati ai nostri giorni? Come
notava Chesterton: chi non crede in Dio non è vero che non
crede in niente, perché comincia a credere a tutto.
Soprattutto alle certezze preconfezionate offerte col
sigillo dell’autorità.[3]
[1]
sbagliato!
come già scritto gli scienziati formulano ipotesi
il termine di teoria scientifica significa che quella che in
precedenza era un'ipotesi è già stata provata sperimentalmente più e
più volte: la teoria della relatività è un'ipotesi comprovata da
innumerevoli esperimenti e utilizzata per applicazioni pratiche: senza
l'applicazione della teoria della relatività (nella correzione dei
calcoli di triangolazione delle posizioni) il GPS non funzionerebbe

nella scienza non esistono "teorie" come insieme organizzato di
ipotesi (anche se esistono teorie scientifiche non provate - perché
non provabili - in modo diretto sperimentalmente nel campo
dell'astrofisica - in altre parole non è che possiamo ricreare
sperimentalmente il big-bang - ma queste sono eccezioni)


[2]
qui c'è poco da commentare: si tratta di puro delirio

che colpa ha einstein se le implicazioni della teoria della relatività
sono entrate nell'immaginario collettivo magari generando, anche
grazie a tanti film di fantascienza, tutta una serie di
fraintendimenti ed equivoci

a parte questo ci vuole una bella fantasia per trovare un nesso tra la
teoria della relatività il marxismo, il liberismo, tolomeo, ecc.

ma il bello è che è ancora tutto da confermare se i neutrini abbiano o
meno superato C e ancor di più se questo comporti veramente una
modifica della teoria della relatività o ancor meno la sua
confutazione come pretenderebbe sto servadio

infine la teoria della relatività non è una certezza *assoluta*: come
tutte le conoscenze scientifiche è per sua natura una certezza temporanea

chissà poi cosa crede che sia la teoria della relatività questo signor
servadio... da quanto scrive verrebbe da pensare che il povero tapino
confonda la teoria della relatività con il relativismo...


[3]
la scienza è l'antitesi delle certezze preconfezionate (chissà quale
autorità dovrebbe poi apporre 'sto fantomatico sigillo)...
non è che si confonde con le bolle papali?

si tratta di affermazioni semplicemente demenziali
questo signore non ha la benché minima idea di cosa sia e come
funzioni la scienza
Post by uniposta
O per te, chi non crede in dio è automaticamente uno scienziato?
la risposta è nel paragrafo completo riportato testualmente: l'autore
si riferisce evidentemente a chi ha fiducia nella scienza non agli
atei in genere
al limite è lui a porre l'equazione atei<=>scientisti (patetico
termine dispregiativo)
Post by uniposta
Post by not1xor1
è la scienza che ci ha permesso di estendere la durata delle nostre
vite, di liberarci di terribili malattie, di usare questo mezzo per
comunicare, di avere acqua calda, gas, elettricità in casa, di
viaggiare in poche ore da un continente ad un altro! Le religioni nei
- Minchia ma sei proprio un invasato, eh. Con che faccia,
dai contro ai religiosi, quando tu sei a questi livelli
(col punto esclamativo, pure!)
se sono io l'invasato spiegami cosa c'è di sbagliato in quanto ho scritto

non ho idee preconcette e se dimostri che sbaglio sono pronto a ricredermi
--
bye
!(!1|1)
uniposta
2011-09-26 21:32:24 UTC
Permalink
23:32

- Lun 26 Set 2011, 21:00,
Post by not1xor1
confondi il significato di "ipotesi" con quello di "teoria
scientifica", gli scienziati formulano ipotesi, non teorie
la relatività è diventata "teoria scientifica"
solo dopo le prove sperimentali
si tratta di banale terminologia spiegata di solito nelle
pagine iniziali di molti testi di biologia o di fisica,
dove si tratta del metodo scientifico in genere
- Ripeto cosa intendevo... era già giusta quando venne
scritta. Quello della verifica sperimentale diventa quindi
solo un passaggio che consente agli altri (oltre a dare
conferma a chi l'ha formulata) di sapere che è giusta.

Se qualcuno avesse voluto tentare la fortuna e applicare
subito la teoria non verificata (l'ipotesi) a qualche cosa,
avrebbe funzionato. Perché era già giusta
Post by not1xor1
[..]ha scritto "chi non crede in dio", non "scienziato"[..]
parla della gente e della società di oggi nel suo insieme?
a parte il titolo (Un colpo alla relatività ma soprattutto
allo scientismo) è tutta un apoteosi di argomentazioni
(infondate) volte a demonizzare la scienza[...]
- Si rivolge appunto alla gente comune, e fa esempi che riguardano
la gente comune. Quando dice "tanto entrato nell'eloquio comune"
si riferisce appunto all'uso popolare e familiare, non a quello
scientifico. Anche per questo dice scientismo e non scienza, perché
si riferisce a chi si rivolge alla scienza per simpatia di parte
e non per altro - o meglio, per antipatia della religione. Sta
parlando delle tifoserie scientiste, non della scienza. Sta
parlando degli stereotipi grossolani costruiti nei decenni
attorno all'idea che alla gente è stata trasmessa dai media
su certe teorie scientifiche molto chiacchierate. Null'altro
Post by not1xor1
ma il bello è che è ancora tutto da confermare se i neutrini
abbiano o meno superato C e ancor di più se questo comporti
veramente una modifica della teoria della relatività o ancor
meno la sua confutazione come pretenderebbe sto servadio
- E' stato incauto e frettoloso, ma si rivolge appunto
al popolino delle tifoserie e non alla scienza.
Come del resto stai facendo tu : non credo proprio
che gli scienziati abbisognino di quanto scrivi
Post by not1xor1
infine la teoria della relatività non è una certezza *assoluta*: come
tutte le conoscenze scientifiche è per sua natura una certezza temporanea
- Ma non per certa parte di tifoseria. Del resto, c'è
gente che abbraccia certe idee importate dalla scienza
proprio per fede in qualcosa di definitivamente finito
Post by not1xor1
O per te, chi non crede in dio è automaticamente uno scienziato?
l'autore si riferisce evidentemente a chi ha
fiducia nella scienza non agli atei in genere
- Nella scienza, nell'economia capitalistica... si riferiva a
quegli stereotipi che hanno successo presso la maggioranza di
un certo tipo di gente. Ci sono anche atei che non sono fatti in
quel modo, ma non sono quelli che fanno chiasso e che militano
Post by not1xor1
al limite è lui a porre l'equazione atei<=>scientisti
(patetico termine dispregiativo)
- scientisti, non scienziati : in italiano ha altro significato
Post by not1xor1
se sono io l'invasato spiegami cosa c'è di sbagliato in quanto ho scritto
- Sei un esagitato, stai militando. Ma quanti anni hai?

---


-*_ uniposta(at)yahoo.it
-*_ uniposta(at)gmail.com
--
If his chest had been a cannon, he would have shot his heart upon it.
Se il suo petto fosse stato un cannone, gli avrebbe sparato contro
il suo cuore. (Herman Melville, Moby Dick; Patrick Stewart,
Capt. Jean-Luc Picard, Star Trek - The Next Generation)
not1xor1
2011-09-27 12:51:21 UTC
Permalink
Post by uniposta
- Si rivolge appunto alla gente comune, e fa esempi che riguardano
la gente comune. Quando dice "tanto entrato nell'eloquio comune"
si riferisce appunto all'uso popolare e familiare, non a quello
scientifico. Anche per questo dice scientismo e non scienza, perché
si riferisce a chi si rivolge alla scienza per simpatia di parte
e non per altro - o meglio, per antipatia della religione. Sta
parlando delle tifoserie scientiste, non della scienza. Sta
parlando degli stereotipi grossolani costruiti nei decenni
attorno all'idea che alla gente è stata trasmessa dai media
su certe teorie scientifiche molto chiacchierate. Null'altro
e lo fa introducendo stereotipi ancora peggiori:
La teoria di Einstein è, appunto, una "teoria": ovvero
un insieme organizzato fondato su ipotesi.

mi pare contraddica la tua conclusione sopra sostenuta:
se si rivolge alla gente comune, per teoria e ipotesi intende il
significato comune: idee non provate (tanto più che era il seguito del
paragrafo in cui attaccava la Hack e i relativi discorsi sull'origine
dell'universo "con la stessa olimpica sicurezza con cui si riferirebbe
di un certificato di nascita")
Post by uniposta
Post by not1xor1
ma il bello è che è ancora tutto da confermare se i neutrini
abbiano o meno superato C e ancor di più se questo comporti
veramente una modifica della teoria della relatività o ancor
meno la sua confutazione come pretenderebbe sto servadio
- E' stato incauto e frettoloso, ma si rivolge appunto
al popolino delle tifoserie e non alla scienza.
Come del resto stai facendo tu : non credo proprio
che gli scienziati abbisognino di quanto scrivi
anche ammesso (e non concesso) che sia come sostieni tu, è ancora una
volta il caso di dire: "da che pulpito..." visto che gli argomenti
usati sono dello stesso tenore: tifoseria religiosa antiscientifica

la sicurezza della Hack ha delle basi scientifiche, quella dei
religiosi niente a parte tradizione di ignoranze, superstizioni e
suggestioni
Post by uniposta
- Ma non per certa parte di tifoseria. Del resto, c'è
gente che abbraccia certe idee importate dalla scienza
proprio per fede in qualcosa di definitivamente finito
anche se fosse così sarebbe sempre più opportuna la fede in qualcosa
di validità temporanea che in qualcosa completamente priva di fondamento
Post by uniposta
- Nella scienza, nell'economia capitalistica... si riferiva a
quegli stereotipi che hanno successo presso la maggioranza di
un certo tipo di gente. Ci sono anche atei che non sono fatti in
quel modo, ma non sono quelli che fanno chiasso e che militano
già quei cattivoni di atei il chiasso dovrebbero lasciarlo ai
religiosi, lasciandoli liberi di pontificare su cose di cui non hanno
la minima comprensione (come dimostra l'articolo in questione
nonostante la tua forzata e risibile interpretazione), di pretendere
di sindacare su cosa sia giusto o sbagliato in base ai propri dogmi
(aborto, fecondazione assistita, convivenza, ricerca sulle staminali,
ecc), liberi di continuare a influenzare la politica usufruendo di
sgravi fiscali (procedura di infrazione da parte dell'unione europea),
inducendo i politici a far sì che il voto di religione faccia media e
a continuare ad assumere professori di religione mentre vengono
tagliati i posti agli altri insegnanti e il numero degli alunni di
religione diminuisce...

tanto gli atei andanno all'inferno, non vi basta questo come consolazione?
devono anche stare zitti e magari scodinzolare ubbidienti davanti al
santo papi?
Post by uniposta
Post by not1xor1
se sono io l'invasato spiegami cosa c'è di sbagliato in quanto ho
scritto
- Sei un esagitato, stai militando. Ma quanti anni hai?
è un argomento privo di sostanza che potrebbe valere anche per le cose
che scrivi tu
--
bye
!(!1|1)
uniposta
2011-09-27 13:44:36 UTC
Permalink
15:44

- Mar 27 Set 2011, 14:51,
Post by not1xor1
se si rivolge alla gente comune,
- e a chi si rivolge, agli scienziati?

Quando la Chiesa vuole rivolgersi a degli scienziati lo fa tramite
degli esponenti che hanno studiato scienza, mica attraverso un
Servadio che fa un comizietto di livello un po' così sull'Avvenire
Post by not1xor1
(tanto più che era il seguito del paragrafo in cui attaccava la Hack e
i relativi discorsi sull'origine dell'universo "con la stessa olimpica
sicurezza con cui si riferirebbe di un certificato di nascita")
- il fatto è che la bottegaia hack dei bei tempi ebbi
modo di sentirla, ed era insopportabile. Ultimamente
s'era smorzata, anzi diceva cose che...
Post by not1xor1
la sicurezza della Hack ha delle basi scientifiche, quella dei religiosi
niente a parte tradizione di ignoranze, superstizioni e suggestioni
- insopportabili cazzate le può dire chiunque, e poi capita
magari un Odifreddi che dice cose interessanti sulla teologia
o sulla storia delle religioni. Tra una hack bottegaia dei bei
tempi e un'immersione fra le righe della storia, preferisco la
seconda. Ma anche la recitazione di una bella poesia, per dire.

Per esempio, tu scrivi in maniera alquanto petulante e noiosa.
No, sinceramente : quanti anni hai? Sembri un ragazzo
Post by not1xor1
già quei cattivoni di atei il chiasso dovrebbero lasciarlo ai religiosi,
- quanto a chiasso, fate una bella accoppiata. Mah, a dire il
vero di gente che fa chiasso ce n'è tanta, politici e non solo
Post by not1xor1
è un argomento privo di sostanza che potrebbe
valere anche per le cose che scrivi tu
- Ma, io non mi agito e la faccio molto breve, non mi serve
scrivere decine di righe per cercare di dimostrare qualcosa

---


-*_ uniposta(at)yahoo.it
-*_ uniposta(at)gmail.com
--
If his chest had been a cannon, he would have shot his heart upon it.
Se il suo petto fosse stato un cannone, gli avrebbe sparato contro
il suo cuore. (Herman Melville, Moby Dick; Patrick Stewart,
Capt. Jean-Luc Picard, Star Trek - The Next Generation)
not1xor1
2011-09-27 19:35:38 UTC
Permalink
Post by uniposta
Post by not1xor1
se si rivolge alla gente comune,
- e a chi si rivolge, agli scienziati?
distorcere quanto scritto dal tuo interlocutore citando una frase
fuori dal contesto (contesto che dimostrava l'inconsistenza dei tuoi
argomenti) dimostra solo che non hai niente da controbattere
Post by uniposta
Quando la Chiesa vuole rivolgersi a degli scienziati lo fa tramite
degli esponenti che hanno studiato scienza, mica attraverso un
Servadio che fa un comizietto di livello un po' così sull'Avvenire
la mia critica era in origine rivolta esclusivamente agli argomenti
sostenuti nell'articolo, quindi questo direi che è irrilevante a chi
si rivolga la chiesa
Post by uniposta
- il fatto è che la bottegaia hack dei bei tempi ebbi
modo di sentirla, ed era insopportabile.
hai presente la differenza tra fatti e opinioni?
Post by uniposta
Per esempio, tu scrivi in maniera alquanto petulante e noiosa.
No, sinceramente : quanti anni hai? Sembri un ragazzo
non essendo in grado di contrapporre argomenti validi pensi di
risolvere tutto con queste ridicole insinuazioni sull'età o giudizi
personali e opinabili sullo stile di scrittura del tuo interlocutore

nonostante sia ben più vecchio di te, non ho problemi di alzheimer
visto che ricordo perfettamente la sicurezza con cui poco più di un
anno fa sostenevi su it.scienza.chimica una certa cosa riguardo dei
vassoi in polipropilene, mentre io piuttosto che sostenere il
contrario dicevo che non si poteva avere certezza senza prova sperimentale

quando poi alla fine è venuto fuori che qualcuno aveva fatto la prova
sperimentale e che questa contraddiceva completamente quanto da te
sostenuto con tanta sicumera ti sei molto opportunamente dileguato
Post by uniposta
- Ma, io non mi agito e la faccio molto breve, non mi serve
scrivere decine di righe per cercare di dimostrare qualcosa
considerando che non sei in grado di dimostrare niente, quello che
scrivi è anche troppo :-)
--
bye
!(!1|1)
uniposta
2011-09-27 20:07:36 UTC
Permalink
22:07 ah ma eri quello, ci sono ricascato
(eppure il nick dovrebbe essere rivelatore)

- Mar 27 Set 2011, 21:35,
Il 27/09/2011 15:44, uniposta[..]
Post by uniposta
- e a chi si rivolge, agli scienziati?
distorcere quanto scritto dal tuo interlocutore citando una frase
fuori dal contesto (contesto che dimostrava l'inconsistenza dei
tuoi argomenti) dimostra solo che non hai niente da controbattere
- ma che cazzo dimostrava, dai da bravo... o sei rincoglionito o
sei un troll. Adesso il comizietto della mutua sull'Avvenire
era per gli scienziati. Ma ammazzati, fai un favore al mondo
la mia critica era in origine rivolta esclusivamente
agli argomenti sostenuti nell'articolo, quindi questo
direi che è irrilevante a chi si rivolga la chiesa
- Se l'articolo è rivolto al popolino e alle tifoserie,
non è assolutamente irrilevante, anzi è fondamentale
Post by uniposta
- il fatto è che la bottegaia hack dei bei tempi
ebbi modo di sentirla, ed era insopportabile.
hai presente la differenza tra fatti e opinioni?
- Le sue lezioncine spicce in TV per il popolino
erano bottegaie e insopportabili, mortificanti
nonostante sia ben più vecchio di te,
- Eh ma guarda che è grave, se davvero sei anziano ma
scrivi come un ragazzino scemo. Ma renditene conto
non ho problemi di alzheimer visto che ricordo perfettamente
la sicurezza con cui poco più di un anno fa sostenevi su
it.scienza.chimica una certa cosa riguardo dei vassoi in
polipropilene, mentre io piuttosto che sostenere il contrario
dicevo che non si poteva avere certezza senza prova sperimentale
- Ah ma eri quello stracciapalle che non la finiva più con i
giochetti e voleva far quadrare a tutti i costi una stronzata,
eri lo stesso? O sei un malato o sei un troll
quando poi alla fine è venuto fuori che qualcuno aveva fatto la prova
sperimentale e che questa contraddiceva completamente quanto da te
sostenuto con tanta sicumera ti sei molto opportunamente dileguato
- quel thread ("Ancora plastica") si chiuse l'8 maggio 2010 con un
mio post : quindi io fui l'ultimo a scrivere, altro che dileguato
considerando che non sei in grado di dimostrare niente,
- bugiardino da quattro soldi e grandissimo stracciapalle
- malato oppure troll (ma io direi la seconda. E ragazzino)

---


-*_ uniposta(at)yahoo.it
-*_ uniposta(at)gmail.com
--
If his chest had been a cannon, he would have shot his heart upon it.
Se il suo petto fosse stato un cannone, gli avrebbe sparato contro
il suo cuore. (Herman Melville, Moby Dick; Patrick Stewart,
Capt. Jean-Luc Picard, Star Trek - The Next Generation)
not1xor1
2011-09-28 12:03:59 UTC
Permalink
Post by uniposta
- ma che cazzo dimostrava, dai da bravo... o sei rincoglionito o
sei un troll. Adesso il comizietto della mutua sull'Avvenire
era per gli scienziati. Ma ammazzati, fai un favore al mondo
purtroppo do troppo spesso per scontato che le persone siano in grado
di capire le cose più ovvie

ovviamente servadio non è uno scienziato, l'avvenire non è una rivista
scientifica e chi legge certe stupidaggini è solitamente "gente comune"

solo nella tua immaginazione ho contestato questa ovvietà

ed è proprio questa ovvietà, da te inutilmente sottolineata, ad
implicare che l'articolista per "teoria della relatività" intenda
appunto "teoria" nel senso comune e per "ipotesi" congetture non
dimostrate

pertanto non è verosimile sostenere che "Sta parlando delle tifoserie
scientiste, non della scienza", tanto più che ha citato la Hack che,
ti piaccia o no è una scienziata non una tifosa (ammesso che possa
davvero esistere questa fantomatica categoria)

la posizione dell'articolista è del resto piuttosto comune tra gli
integralisti religiosi a partire da quel ridicolo personaggio nominato
dal governo attuale ai vertici del cnr

l'intento è ovvio: ribadire la presunta superiorità degli arbitrari
assoluti della religione, sulle verità relative della scienza

al contrario direi che sono le tue penose forzature, nel vano
tentativo di giustificare un articolo indifendibile, un patetico
esempio di "tifoseria"
Post by uniposta
Post by not1xor1
Post by uniposta
- il fatto è che la bottegaia hack dei bei tempi
ebbi modo di sentirla, ed era insopportabile.
hai presente la differenza tra fatti e opinioni?
- Le sue lezioncine spicce in TV per il popolino
erano bottegaie e insopportabili, mortificanti
alla dottoressa Hack non sei degno neanche di lustrare le scarpe
Post by uniposta
- Eh ma guarda che è grave, se davvero sei anziano ma
scrivi come un ragazzino scemo. Ma renditene conto
l'insulto ultima risorsa di chi non ha argomenti...
Post by uniposta
- Ah ma eri quello stracciapalle che non la finiva più con i
giochetti e voleva far quadrare a tutti i costi una stronzata,
eri lo stesso? O sei un malato o sei un troll
puoi inventarti quello che vuoi: chi ha seguito il thread ha visto chi
è stato smentito dai fatti
--
bye
!(!1|1)
not1xor1
2011-09-25 17:18:15 UTC
Permalink
Post by gargan
Post by Nicola Bortolotti
http://www.avvenire.it/Commenti/Pagine/un-colpo-alla-relativita.aspx
però devi ammetterlo...nel suo genere è un capolavoro di indecenza e
di stronzate tutte messe assieme!
sembra un articolo scritto dal capitano cric (asps) a bordo della sua
entrappolaprise di balsa :-)
--
bye
!(!1|1)
feynman
2011-09-25 20:00:41 UTC
Permalink
Post by Nicola Bortolotti
Post by Father McKenzie
In USA o in Inghilterra i giornali avrebbero divorato in un
battibaleno un ministro dimostratosi così sfacciatamente ignorante,
per di più se il
ma chi vuoi che divorino i giornali quando scrivono articoli IMHO
indecenti come questo?
http://www.avvenire.it/Commenti/Pagine/un-colpo-alla-relativita.aspx
incredibile.
Sono le stesse elucubrazioni usate dai "fuffari" [maghi, paranormalisti
et similia] nei newsgoups "malfamati" che frequento :-)

che Paese il nostro :-(

ciao
feynman
Peter11
2011-09-26 18:58:20 UTC
Permalink
Post by Nicola Bortolotti
Post by Father McKenzie
In USA o in Inghilterra i giornali avrebbero divorato in un
battibaleno un ministro dimostratosi così sfacciatamente ignorante,
per di più se il
ma chi vuoi che divorino i giornali quando scrivono articoli IMHO
indecenti come questo?
http://www.avvenire.it/Commenti/Pagine/un-colpo-alla-relativita.aspx
incredibile.
Sono le stesse elucubrazioni usate dai "fuffari" [maghi, paranormalisti et
similia] nei newsgoups "malfamati" che frequento :-)
che Paese il nostro :-(
Incredibile non direi: è l'approccio standard alla scienza del pecorone
devoto , ovvero per dogmi come da sua abitudine catechistica. Una volta
sentii un prete parlare di alcune teorie scientifiche particolarmente
problematiche per la chiesa. Il suo approccio non è stato del tipo "le
osservazioni si accordano bene alla teoria A che, allo stato attuale, è
quella che descrive meglio uno degli aspetti del mondo in cui viviamo (e
domani potremmo anche produrre una teoria diversa, che fa maggiori e
migliori previsioni dell'attuale)". No, la teoria per lui è diventata una
sorta di dogma fideistico, e al fondo del discorso c'era una considerazione
di tipo metafisico: dio ha voluto così ... :-)
Peter11
2011-09-26 18:58:20 UTC
Permalink
Post by Nicola Bortolotti
Post by Father McKenzie
In USA o in Inghilterra i giornali avrebbero divorato in un
battibaleno un ministro dimostratosi così sfacciatamente ignorante,
per di più se il
ma chi vuoi che divorino i giornali quando scrivono articoli IMHO
indecenti come questo?
http://www.avvenire.it/Commenti/Pagine/un-colpo-alla-relativita.aspx
incredibile.
Sono le stesse elucubrazioni usate dai "fuffari" [maghi, paranormalisti et
similia] nei newsgoups "malfamati" che frequento :-)
che Paese il nostro :-(
Incredibile non direi: è l'approccio standard alla scienza del pecorone
devoto , ovvero per dogmi come da sua abitudine catechistica. Una volta
sentii un prete parlare di alcune teorie scientifiche particolarmente
problematiche per la chiesa. Il suo approccio non è stato del tipo "le
osservazioni si accordano bene alla teoria A che, allo stato attuale, è
quella che descrive meglio uno degli aspetti del mondo in cui viviamo (e
domani potremmo anche produrre una teoria diversa, che fa maggiori e
migliori previsioni dell'attuale)". No, la teoria per lui è diventata una
sorta di dogma fideistico, e al fondo del discorso c'era una considerazione
di tipo metafisico: dio ha voluto così ... :-)
a.cignini
2011-09-26 22:30:30 UTC
Permalink
...è l'approccio standard alla scienza del pecorone devoto , ovvero per
dogmi come da sua abitudine catechistica. Una volta sentii un prete
parlare di alcune teorie scientifiche particolarmente problematiche per la
chiesa. Il suo approccio non è stato del tipo "le osservazioni si
accordano bene alla teoria ..
Il devoto, anche non pecorone, è preoccupato in primis di salvaguardare
le proprie verità, anzi Verità. Se accade che la scienza o altri saperi
mettano in crisi i dogmi fondamentali ricevuti è auspicabile che aggiorni
l'esegesi dei propri testi sacri. Certe confessioni cristiane
fondamentaliste
(penso ai Testimoni di Geova) continueranno a predicare che chi
sbaglia è la scienza, non la Bibbia.
Dai pulpiti cattolici, sia pure con resistenze, si è arrivati invece ad
integrare le due verità in Una. Paolo VI diceva che la Verità non
ha paura della verità. Giovanni Paolo II ha insegnato che
l'evoluzione non va considerata come una mera ipotesi; in pratica è
compatibile con la Genesi, i cui intenti sono didattici morali e religiosi
e non quelli di (proporre e tanto meno di imporre) enunciazioni
scientifiche.

a.c.
fm2766
2011-09-28 12:25:58 UTC
Permalink
ma chi vuoi che divorino i giornali quando scrivono articoli IMHO indecenti come questo?
http://www.avvenire.it/Commenti/Pagine/un-colpo-alla-relativita.aspx
Cosa non ti piace? Uno dei paradigmi del metodo scientifico è che la
scienza è una teoria utile a descrivere i fenomeni, che può essere messa
in discussione da un serio esperimento.
Lo scienziato sa che le teorie non spiegano, ma descrivono! Tant'è vero
che possono essere messe in discussione da altri esperimenti!
Se "spiegassero", allora gli esperimenti dovrebbero essere loro ad
essere ricondotti all'interno della teoria, non il contrario!
barbapapà
2011-09-25 10:52:03 UTC
Permalink
Post by Father McKenzie
Mi contraddico, ma quando ci vuole ci vuole: la colpa non è solo della
Gelmini, né del mitico collaboratore che semina errori nei comunicati del
ministero o nei quesiti delle prove d'esame.
I media del nostro paese, per esempio, hanno reagito con ritardo- per
fortuna c'è internet- e tutto sommato minimizzando, segno che i
giornalisti ne capiscono quanto la Gelmini, ovvero poco meno di una sega.
E i politici? Reazioni zero, quando per ogni sciocchezza sono avvezzi ad
accapigliarsi per mesi.
Solo a notizia sbandierata su Facebook, Twitter e newsgroups, quindi
impossibile da ignorare, i primi hanno tossicchiato qualche articolo per
poi tornare a occuparsi d'altro, i secondi hanno preferito fischiettare.
Mi sembra di vederli sfogliare nervosamente i testi di fisica del liceo
per cercare di raccaprezzarsi.
In USA o in Inghilterra i giornali avrebbero divorato in un battibaleno un
ministro dimostratosi così sfacciatamente ignorante, per di più se il suo
dicastero comprende la ricerca scientifica... Invece i nostri?
Il vero problema, però, è un altro. Il solito. Il problema di un paese in
cui la cultura scientifica è sempre stata tenuta scarsamente in conto,
confinata a scuola in un numero ridicolo di ore e umiliata dalla scarsità
dei mezzi a disposizione. Quante scuole hanno un laboratorio attrezzato di
fisica, o di chimica? Quanti insegnanti comprano di tasca propria
materiali e software per offrire qualcosa di diverso dalla solita lezione
frontale?
Pensate alla materia chiamata scienze naturali al superiore. Qualcuno dirà
non c'entra, invece c'entra perché paradigmatica della comsiderazione
dedicata alle scienze nella scuola. Scienze naturali ingloba chimica,
biologia, geologia, geografia astronomica, politica ed economica, tutto
afgfidato a un insegnante, laureato in ua sola di queste materie, ça va
sans dire, mentre ciascuna disciplina meriterebbe un proprio corso con u
numero adeguato di ore. Il ministro provvede? Macché, mette il carico,
creando "scienze integrate", insegnamento per i bienni tecnici che accorpa
fisica e chimica come si accorpano le classi trasformandole in affollati
bus all'ora di punta, invivibili e inefficaci didatticamente. Questa la
situazione da cui nascono le Gelmini.
--
Atti, 2:44-48 e 4:32-37
sicuramente da insegnante non sopporti che la scuola venga gestita in una
certa maniera, ma purtroppo viviamo in un Paese in cui sono tantissimi i
settori umiliati. Basti pensare alle forze dell'ordine che vanno in giro con
auto che hanno centinaia di migliaia di km sul groppone e spesso non hanno
la benzina nel serbatoio, oppure pensiamo agli ospedali privi di posti letto
e dei macchinari necessari per garantire un servizio decente, oppure agli
uffici dei comuni che lavorano con pc di vent'anni fa, oppure ai tribunali
in cui per carenza di personale e di strumenti la legge si ingolfa, a
discapito del cittadino. Sono tutti ambiti riguardo ai quali hanno fatto
tante trasmissioni. Pensare che in ogni scuola superiore del territorio ci
possa essere un laboratorio attrezzato è utopia. Alcune scuole non hanno i
soldi per pagare i supplenti e per aggiustare i servizi igienici :(
--
nihil magis praestandum est quam ne pecorum ritu sequamur antecedentium
gregem, pergentes non quo eundum est sed quo itur
Arkannen
2011-09-25 10:59:34 UTC
Permalink
Post by Father McKenzie
inefficaci didatticamente. Questa la situazione da cui nascono le Gelmini.
Mah! Veramente si è diplomata e laureata molto prima.
A meno che non sia un effetto quantistico anche quello.

..
not1xor1
2011-09-25 17:13:24 UTC
Permalink
Post by Father McKenzie
In USA o in Inghilterra i giornali avrebbero divorato in un
battibaleno un ministro dimostratosi così sfacciatamente ignorante,
per di più se il suo dicastero comprende la ricerca scientifica...
a parte il caso particolare della nomina di Steve Chu come US
Secretary of Energy, non è che negli USA la scienza se la passi molto
bene tra tentativi di spacciare lo intelligent design nelle lezioni di
biologia, campagne contro aborti, fecondazione artificiale, ricerche
sulle staminali embrionali, vaccinazione contro l'HPV ecc.
Post by Father McKenzie
Il vero problema, però, è un altro. Il solito. Il problema di un paese
in cui la cultura scientifica è sempre stata tenuta scarsamente in
conto, confinata a scuola in un numero ridicolo di ore e umiliata
dalla scarsità dei mezzi a disposizione. Quante scuole hanno un
un'eredità della riforma Gentile, anche se gli ultimi governi si sono
distinti nel peggiorare ulteriormente la situazione...
--
bye
!(!1|1)
Max max
2011-09-26 11:27:31 UTC
Permalink
Degne precisazioni:
http://www.mcreporter.info/lingualessa/coliva41.htm
Peter11
2011-09-26 18:22:18 UTC
Permalink
Post by Father McKenzie
Pensate alla materia chiamata scienze naturali al superiore. Qualcuno dirà
non c'entra, invece c'entra perché paradigmatica della comsiderazione
dedicata alle scienze nella scuola. Scienze naturali ingloba chimica,
biologia, geologia, geografia astronomica, politica ed economica, tutto
afgfidato a un insegnante, laureato in ua sola di queste materie, ça va
sans dire, mentre ciascuna disciplina meriterebbe un proprio corso con u
numero adeguato di ore. Il ministro provvede? Macché, mette il carico,
creando "scienze integrate", insegnamento per i bienni tecnici che accorpa
fisica e chimica come si accorpano le classi trasformandole in affollati
bus all'ora di punta, invivibili e inefficaci didatticamente. Questa la
situazione da cui nascono le Gelmini.
Roba vecchia... Oggi per scalare la piramide sociale bisogna fare un master
alla scuola di pompinologia di Cicciolina oppure prendere il phd in talent
scouting pro-trombing da Lele Mora :-(
Loading...