Discussione:
definiamo il razzismo
(troppo vecchio per rispondere)
r***@libero.it
2004-01-02 22:37:34 UTC
Permalink
Gianantonio Valli
Semantica del razzismo
Opuscolo tratto dal fascicolo numero 37 della rivista "L'Uomo
Libero"-casella postale 1658-20123 Milano- sito: http://www.uomolibero.com
"razzismo" e' un termine, vagamente dispregiativo inventato
da chi razzista non e'.
Per razzismo si intende una dottrina che neghi l' uguaglianza di tutti
gli uomini, che li divida in gruppi a seconda delle caratteristiche
fisiche e che, constatate le differenze in abilita' tra i diversi
gruppi faccia una graduatoria tra i diversi gruppi.

Dato che :
- gli uomini sono TUTTI diversi.
- ogni uomo differisce grandemente in abilita' rispetto agli altri
- le differenze fisiche esistono e sono evidenti
- le differenze in abilita' tra gruppi razziali sono evidenti e
provate

Ritengo che l' uso della parola "razzismo" sia superfluo, potendo
usarsi termini come "logica" o "scienza".

Per la dottrina "antirazzista", che sostiene, contro ogni evidenza
che gli uomini siano tutti uguali (sic), che non esista un uomo
piu' o meno intelligente di un altro, che le differenze intellettuali
non esistano, o se, apparentemente esistono siano dovute a
differenze di ceto sociale (Leonardo o Gauss erano figli di papa'
e non di operai),che tutte le culture siano uguali, e che le statue
di fango degli aborigeni siano uguali all statua di Giove di Fidia
o alla Gioconda, che tutte le immense differenze di evoluzione
storica, culturale e sociale delle diverse razze umane non si
possano spiegare, logicamente e _COERENTEMENTE_
con differenze intellettuali, ma con una serie infinita di
strampalatissime ipotesi ad hoc, invece i termini piu'
adatti possono essere "sproloquio" o "delirio" .
SILVEA
2004-01-04 20:03:30 UTC
Permalink
Ebbene si', lo ammetto: anche io sono razzista, perche'
consideri i razzisti degli essere inferiori.

Saluti

PS: e sentire le stronzate che dice Caudan non fa
altro che rafforzare la mia convinzione.
pang
2004-01-09 18:03:59 UTC
Permalink
Il razzismo non è scienza, è pregiudizio. Può essere scienza riconoscere le
differenze statistiche tra gruppi etnici. Ma il razzista è quello che pur
essendo un mentecatto privo di risorse, si sente superiore a persone molto
più intelligenti di lui in quanto appartenente ad un preciso gruppo etnico o
culturale.
Post by r***@libero.it
Per la dottrina "antirazzista", che sostiene, contro ogni evidenza
che gli uomini siano tutti uguali (sic), che non esista un uomo
piu' o meno intelligente di un altro,
ma tu sogni! Io non ho mai sentito dire la scemenza che gli uomini sono
tutti uguali, forse confondi l'uguaglianza con la "pari dignità".
Personalmente sono convinto che le persone debbano essere rispettate a
prescindere dal loro q.i. o dal tempo che ottengono nella mezza maratona
Post by r***@libero.it
che le differenze intellettuali
non esistano, o se, apparentemente esistono siano dovute a
differenze di ceto sociale (Leonardo o Gauss erano figli di papa'
e non di operai),che tutte le culture siano uguali, e che le statue
di fango degli aborigeni siano uguali all statua di Giove di Fidia
o alla Gioconda, che tutte le immense differenze di evoluzione
storica, culturale e sociale delle diverse razze umane non si
possano spiegare, logicamente e _COERENTEMENTE_
con differenze intellettuali, ma con una serie infinita di
strampalatissime ipotesi ad hoc, invece i termini piu'
adatti possono essere "sproloquio" o "delirio" .
Spero che tu abbia torto, perchè non so tu, ma io sono italiano, e come tale
appartengo ad uno dei gruppi etnici più bersagliati dai razzisti nel mondo
occidentale, insieme a turchi ed ispanici. Speriamo che la nostra
"inferiorità" sia dovuta solo a fattori culturali o climatici o che almeno
sia solo statistica!
SILVEA
2004-01-10 12:34:28 UTC
Permalink
Post by pang
Personalmente sono convinto che le persone debbano essere rispettate a
prescindere dal loro q.i. o dal tempo che ottengono nella mezza maratona
Non sono d'accordo: i razzisti sono esseri inferiori e
come tali devono essere considerati!!!
Ci mancherebbe pure che un mentecatto come Romeo
Caudan dovesse essere rispettato come un essere umano
normale!!!!

Saluti
r***@libero.it
2004-01-18 00:07:54 UTC
Permalink
Post by SILVEA
Non sono d'accordo: i razzisti sono esseri inferiori e
come tali devono essere considerati!!!
Ci mancherebbe pure che un mentecatto come Romeo
Caudan dovesse essere rispettato come un essere umano
normale!!!!
i sgangherati insulti e le rosicate di un ridicolo troll come Shitvea
sono come complimenti per me !
SILVEA
2004-01-18 13:11:12 UTC
Permalink
i sgangherati insulti ...
Mentecatto, se non vuoi fare certe figure di merda, almeno
cerca di essere furbo e fatti correggere i messaggi da
qualcuno meno ignorante di te!!!
Qui vicino a me ci sono tre negri, che sono "esseri
inferiori" e che l'italiano l'hanno imparato da poco, ma
lo conoscono sufficientemente bene da
scompisciarsi dalle risate a leggere certe bestialita'!!!!!

Saluti, imbecille
Valeria Dal Monte
2004-01-10 13:29:18 UTC
Permalink
Post by pang
Spero che tu abbia torto, perchè non so tu, ma io sono italiano, e come tale
appartengo ad uno dei gruppi etnici più bersagliati dai razzisti nel mondo
occidentale, insieme a turchi ed ispanici. Speriamo che la nostra
"inferiorità" sia dovuta solo a fattori culturali o climatici o che almeno
sia solo statistica!
Potresti cortesemente spiegare che cosa intendi per essere italiano
e quale sarebbe il gruppo etnico a cui appartieni?
Perche' un conto e' la nazionalita' italiana, un altro e' parlare di
un ipotetico gruppo etnico italiano come era in voga 70 anni fa.
Quanto alla inferiorita' italiana, intesa come civilta', essa e' reale
e quantificabile, e deriva dal modo in cui e' stata gestita fino ad
oggi una nazione che e' tale solo sulla carta.
r***@libero.it
2004-01-18 00:07:54 UTC
Permalink
Il razzismo non e scienza, e pregiudizio.
e' un tuo giudizio
Puo essere scienza riconoscere le differenze statistiche tra gruppi etnici.
i razzisti non fanno altro
Ma il razzista e quello che pur
essendo un mentecatto privo di risorse, si sente superiore a persone molto
piu intelligenti di lui in quanto appartenente ad un preciso gruppo etnico o
culturale.
ridicoli insulti, naturalmente senza fondamento
Post by r***@libero.it
Per la dottrina "antirazzista", che sostiene, contro ogni evidenza
che gli uomini siano tutti uguali (sic), che non esista un uomo
piu' o meno intelligente di un altro,
ma tu sogni! Io non ho mai sentito dire la scemenza che gli uomini sono
tutti uguali, forse confondi l'uguaglianza con la "pari dignita".
veramente ho sempre sentito parlare di uguaglianza, da voi sinistrati
Personalmente sono convinto che le persone debbano essere rispettate a
prescindere dal loro q.i. o dal tempo che ottengono nella mezza maratona
questo non pregiudica la validita' delle idee scientifiche razziali.
Spero che tu abbia torto, perche non so tu, ma io sono italiano, e come tale
appartengo ad uno dei gruppi etnici piu bersagliati dai razzisti nel mondo
occidentale, insieme a turchi ed ispanici. Speriamo che la nostra
irrilevante.
comunque gli italiani discendono dai romani, creatori di una grande
civilta' ed hanno prodotto un' enorme massa di opere di intelletto,
arte, ingegneria e tecnica.
Ogni paragone con razze meticce e selvaggi e' ridicolo.
"inferiorita" sia dovuta solo a fattori culturali o climatici o che almeno
sia solo statistica!
deliri
mamotati
2004-01-18 12:39:51 UTC
Permalink
Post by r***@libero.it
Il razzismo non e scienza, e pregiudizio.
e' un tuo giudizio
No, è stato dimostrato che le razze non esistono.
Post by r***@libero.it
Puo essere scienza riconoscere le differenze statistiche tra gruppi etnici.
i razzisti non fanno altro
Ma il razzista e quello che pur
essendo un mentecatto privo di risorse, si sente superiore a persone molto
piu intelligenti di lui in quanto appartenente ad un preciso gruppo etnico o
culturale.
ridicoli insulti, naturalmente senza fondamento
Post by r***@libero.it
Per la dottrina "antirazzista", che sostiene, contro ogni evidenza
che gli uomini siano tutti uguali (sic), che non esista un uomo
piu' o meno intelligente di un altro,
ma tu sogni! Io non ho mai sentito dire la scemenza che gli uomini sono
tutti uguali, forse confondi l'uguaglianza con la "pari dignita".
veramente ho sempre sentito parlare di uguaglianza, da voi sinistrati
Forse non hai ascoltato. Perchè si è parlato sempre di pari dignità. Dai
tempi di Martin Luther King. Ugualianza di fronte ai diritti civili, in
qualche caso a questo o quel Dio. Ma non ugualianza interpersonale e basta.
Post by r***@libero.it
Personalmente sono convinto che le persone debbano essere rispettate a
prescindere dal loro q.i. o dal tempo che ottengono nella mezza maratona
questo non pregiudica la validita' delle idee scientifiche razziali.
Spero che tu abbia torto, perche non so tu, ma io sono italiano, e come tale
appartengo ad uno dei gruppi etnici piu bersagliati dai razzisti nel mondo
occidentale, insieme a turchi ed ispanici. Speriamo che la nostra
irrilevante.
comunque gli italiani discendono dai romani, creatori di una grande
civilta' ed hanno prodotto un' enorme massa di opere di intelletto,
arte, ingegneria e tecnica.
Ogni paragone con razze meticce e selvaggi e' ridicolo.
No. Non esiste. Gli italiani derivano da un sacco di cose, perchè l'Italia,
nella storia è stata invasa da persone di diverse etnie, che si sono
mescolate, spesso, con popolazioni locali in matrimoni. Gli stessi romani
facevano spesso matrimoni misti.
Non esiste una "razza" italiana, forse un etnia, ma se si gira un pò
l'Italia è discutibile anche questo. A mio avviso esiste forse la nazione
Italia.
gp75it
2004-01-18 21:02:35 UTC
Permalink
<rcau-***@libero.it> ha scritto nel messaggio news:***@powernews.libero.it...
[cut]
Post by r***@libero.it
Puo essere scienza riconoscere le differenze statistiche tra gruppi etnici.
i razzisti non fanno altro
E' qui che continui a sbagliare: i razzisti sostengono che le differenze
intellettive tra i gruppi etnici siano legate a differenze genetiche. Questa
supposizione non ha alcun riscontro scientifico (e non ritornare sui triti e
ritriti test del QI che ti ho già demolito a suo tempo).
Inoltre i razzisti affermano, sulla base di quanto sopra, che sia lecito
presupporre le caratteristiche intellettive di ogni singolo individuo sulla
base di caratteri morfologici secondari che, nella migliore delle ipotesi,
hanno una *correlazione infima* con la presunta inferiorità intellettiva,
che dovrebbe essere il vero parametro giustificativo della discriminazione.
Infine, appunto, considerano la capacità intellettiva dell'individuo un
giustificato motivo di discriminazione.
Vuoi togliere il diritto di voto a un gruppo etnico perchè ritieni che siano
intellettualmente meno dotati (come *insinuavi* in un tuo vecchio post che
non ho voglia di andare a cercarti)? Bene! Allora prendiamo il toro per le
corna! Poniamo come condizione per il diritto di voto direttamente il QI,
invece di un carattere che ha, come ho già scritto, tuttalpiù un'infima
correlazione con esso... ma se lo facessimo davvero, tu, accetteresti il
rischio di essere tagliato fuori e di vedere un gran numero di asiatici,
ispanici, negroidi eccetera che invece questo diritto ce l'hanno?

[cut]
Post by r***@libero.it
comunque gli italiani discendono dai romani, creatori di una grande
civilta' ed hanno prodotto un' enorme massa di opere di intelletto,
arte, ingegneria e tecnica.
Ogni paragone con razze meticce e selvaggi e' ridicolo.
[cut]

[da un altro tuo post:]
Post by r***@libero.it
....peccato che [le popolazioni che hanno creato grandi civiltà] si siano
tutte imbastardite grazie agli schiavisti,
Post by r***@libero.it
che importavano continuamente meticci nel loro territorio
Dunque, fammi capire. Se una civiltà di un ceppo che consideri
intellettualmente inferiore ha sviluppato una qualche forma di civiltà
evuluta è merito dei meticciamenti con i ceppi che consideri superiori.
Questi stessi meticciamenti (nemmeno tu puoi sostenere che in Italia non ci
siano stati meticciamenti), però, non indeboliscono i ceppi che tu consideri
superiori, che hanno creato civiltà proprio perchè ad essere superiori erano
loro.
Erano meticciati + sono ceppi inferiori + hanno creato civiltà = è perchè
erano meticci
Erano meticciati + erano ceppi superiori + hanno creato civiltà = è perchè
erano ceppi superiori
Non ti sembra di avere formulato una teoria iperprotetta?

Siccome sono dotato di chiaroveggenza, e sono in grado di prevedere le tue
risposte (Turing direbbe che possiedo un'automa che comprende il tuo), a
scanso di ripetere sempre gli stessi argomenti in modo circolare ti
inserisco un paio di frasi apparentemente slegate dal contesto.
- I metticciamenti sono avvenuti e avvengono in tutte le popolazioni in modo
indipendente dalle fasi di ascesa e discesa delle loro civiltà.
- Per tutte le popolazioni è ipotizzabile in un qualche periodo storico, o
no, un qualche fenomeno di meticciamento (il che dovrebbe farti
riflettere... )
Attento a come rispondi!
(L'ultima volta che ti ho avvertito di un tranello, hai mangiato esca, amo e
lenza... )
Post by r***@libero.it
Tutti quelli che hanno cercato di contraddirmi sono finiti triturati e
ridotti in poltiglia : controlla con la Caudan Library, nel mio sito.
Non so che impressione si abbia leggendo la tua Caudan Library, ma da qui
l'impressione è sempre stata esattemente l'opposto.
Post by r***@libero.it
La dimostrazione e' che nessuno discute piu' con me, vengo boicottato
e "plonkato",
Vero.
Post by r***@libero.it
semplicemente perche' anche i peggiori troll sinistorsi,
pur detestandomi hanno paura e mi evitano come una scarica di
lacrimogeni !
Non è l'unica spiegazione, sai? Prova a sforzarti, che forse ne trovi
qualcun'altra...

Giò

--
«Sol chi di gentil schiatta è membro degno
può con fatica posseder quel premio
a cui pervengon sol d'Ermete i figli
che ben sanno seguire i suoi consigli.»

Per risposte private leggere l'e-mail al contrario
For private replay read the e-address backward
€rnesto
2004-01-20 18:12:44 UTC
Permalink
Post by gp75it
E' qui che continui a sbagliare: i razzisti sostengono che le differenze
intellettive tra i gruppi etnici siano legate a differenze genetiche. Questa
supposizione non ha alcun riscontro scientifico (e non ritornare sui triti e
ritriti test del QI che ti ho già demolito a suo tempo).
Ho amici brasiliani che ridevano come matti davanti alle domande del
test I.Q., pensa, dicevano, se nel test ci fosse la capacità di
distinguere un frutto buono da uno velenoso o interpretare il vento!
Post by gp75it
Inoltre i razzisti affermano, sulla base di quanto sopra, che sia lecito
presupporre le caratteristiche intellettive di ogni singolo individuo sulla
base di caratteri morfologici secondari che, nella migliore delle ipotesi,
hanno una *correlazione infima* con la presunta inferiorità intellettiva,
che dovrebbe essere il vero parametro giustificativo della discriminazione.
Infine, appunto, considerano la capacità intellettiva dell'individuo un
giustificato motivo di discriminazione.
Oggi i razzisti sono sempre dei poveri stupidi, ignoranti e spaventati
dall'invasione di altre culyure. Sentono la prorpia inferiore, debole
e in pericolo.
Sono sciocchezze: culture che si incontrano generano culture più
forti.

€
r***@libero.it
2004-01-24 17:58:15 UTC
Permalink
Post by €rnesto
Ho amici brasiliani che ridevano come matti davanti alle domande del
test I.Q., pensa, dicevano, se nel test ci fosse la capacita di
distinguere un frutto buono da uno velenoso o interpretare il vento!
quelle sono abilita' ACQUISITE, necessarie per vivere in un ambiente
selvaggio, ed anche gli europei, quando era necessario ne erano ben
forniti.

Perche' nessuno dei tuoi amici antropofaghi, per esempio ha mai
inventato un tessuto o ha imparato a conciare una pelle ?
Post by €rnesto
Oggi i razzisti sono sempre dei poveri stupidi, ignoranti e spaventati
dall'invasione di altre culyure. Sentono la prorpia inferiore, debole
e in pericolo.
le culture complesse e raffinate sono sempre piu' delicate.
Tante' che e' proprio la civilta' bianca a vacillare quando invasa da
antropoidi selvaggi lasciati liberi, come accade negli Usa. dove i
quartieri neri sono veri e propri inferni, rassomiglianti in tutto e
per tutto a qugli immondezzai di nazioni africane da cui questi mezzi
scimmioni provengono.
Post by €rnesto
Sono sciocchezze: culture che si incontrano generano culture piu
forti.
Come in Sudafrica oggi.

http://members.odinsrage.com/prometheus/
r***@libero.it
2004-01-24 17:58:15 UTC
Permalink
Post by gp75it
E' qui che continui a sbagliare: i razzisti sostengono che le differenze
intellettive tra i gruppi etnici siano legate a differenze genetiche. Questa
supposizione non ha alcun riscontro scientifico (e non ritornare sui triti e
ritriti test del QI che ti ho gia demolito a suo tempo).
??? cosa avresti "demolito" ?

La scienza, per misurare l' intelligenza utilizza il QI.
Se questo non vi va bene chiedete al mago Oronzo di inventare
qualcosa di astrologico o parapsicologico I bianchi hanno un QI
medio superiore alle altre razze, e, guarda caso sono i
piu' ricchi e progrediti, e quelli con una civilta piu' antica;
quindi sono la razza umana superiore a tutte le altre.
punto e basta, i vostri contorcimenti per cercare di negare questo
semplice fatto si chiamano IPOTESI AD HOC, e sono tipiche delle
pseudoscienze e dei ragionamenti fallaci in genere.
so che la realta' cozza con le tue illusioni e le tue fantasie, ma non
ci puoi fare niente : la realta' e la realta' e devi abituartici !
Post by gp75it
Inoltre i razzisti affermano, sulla base di quanto sopra, che sia lecito
presupporre le caratteristiche intellettive di ogni singolo individuo sulla
base di caratteri morfologici secondari che, nella migliore delle ipotesi,
hanno una *correlazione infima* con la presunta inferiorita intellettiva,
caratteri "secondari" ? e quali sarebbero quelli principali allora ?
l' "analisi dei geni,, , quella tanto cara ad Ernesto ?
Quella che da' gli scimpanze' uguali agli uomini ?
Post by gp75it
che dovrebbe essere il vero parametro giustificativo della discriminazione.
Infine, appunto, considerano la capacita intellettiva dell'individuo un
giustificato motivo di discriminazione.
certo che e' un motivo valido
Post by gp75it
Vuoi togliere il diritto di voto a un gruppo etnico perche ritieni che siano
intellettualmente meno dotati (come *insinuavi* in un tuo vecchio post che
non ho voglia di andare a cercarti)? Bene! Allora prendiamo il toro per le
documentato e brillante come al solito
Post by gp75it
corna! Poniamo come condizione per il diritto di voto direttamente il QI,
invece di un carattere che ha, come ho gia scritto, tuttalpiu un'infima
correlazione con esso... ma se lo facessimo davvero, tu, accetteresti il
rischio di essere tagliato fuori e di vedere un gran numero di asiatici,
ispanici, negroidi eccetera che invece questo diritto ce l'hanno?
Cerchi, come e' tipico di voi sinistrati di prendere di mira me
personalmente.
Ti faccio notare, poi che io. in questo caso non correrei rischi, a
differenza dei tuoi amici meticci.
Post by gp75it
Dunque, fammi capire. Se una civilta di un ceppo che consideri
intellettualmente inferiore ha sviluppato una qualche forma di civilta
evuluta e merito dei meticciamenti con i ceppi che consideri superiori.
si'. e' il caso, per esempio del Sudamerica.
Post by gp75it
Questi stessi meticciamenti (nemmeno tu puoi sostenere che in Italia non ci
siano stati meticciamenti),
difatti, l' impero romano e' caduto proprio per quello
http://www.stormfront.org/whitehistory/hwr16.htm
http://www.stormfront.org/whitehistory/hwr19.htm
Post by gp75it
pero, non indeboliscono i ceppi che tu consideri
superiori, che hanno creato civilta proprio perche ad essere superiori erano
loro.
non li indeboliscono se non si fanno contaminare.

I Longobardi o gli Svevi,invadendo l' Italia, diventata un calderone
multirazziale apportarono un enorme beneficio al nostro paese, che,
difatti, durante e dopo il medioevo divenne il centro mondiale della
cultura, della scienza e dell' arte.
Viceversa Egizi, Greci e gli stessi Romani, che, divenuti ormai
benestanti inportarono enormi masse di schiavi iniziarono ad
incrociarsi con loro e, man mano che il meticciamento avanzava
vedevano tramontare la loro civilta'.
Post by gp75it
Erano meticciati + sono ceppi inferiori + hanno creato civilta = e perche
erano meticci
Erano meticciati + erano ceppi superiori + hanno creato civilta = e perche
erano ceppi superiori
Non ti sembra di avere formulato una teoria iperprotetta?
non ti sembra di aver formulato uno sproloquio illeggibile ?
Post by gp75it
Siccome sono dotato di chiaroveggenza, e sono in grado di prevedere le tue
risposte (Turing direbbe che possiedo un'automa che comprende il tuo), a
sei svitato
Post by gp75it
scanso di ripetere sempre gli stessi argomenti in modo circolare ti
inserisco un paio di frasi apparentemente slegate dal contesto.
- I metticciamenti sono avvenuti e avvengono in tutte le popolazioni in modo
indipendente dalle fasi di ascesa e discesa delle loro civilta.
no.
le mescolanze razziali hanno sempre avuto effetti funesti.
citami un caso contrario.
Post by gp75it
- Per tutte le popolazioni e ipotizzabile in un qualche periodo storico, o
no, un qualche fenomeno di meticciamento (il che dovrebbe farti
riflettere... )
difatti mi fa riflettere eccome, difatti non voglio che il fenomeno si
ripeta, anche per colpa di sinistrati malati di mente come te.
Post by gp75it
Attento a come rispondi!
(L'ultima volta che ti ho avvertito di un tranello, hai mangiato esca, amo e
lenza... )
?????
sei un mitomane allucinato
Post by gp75it
Post by r***@libero.it
Tutti quelli che hanno cercato di contraddirmi sono finiti triturati e
ridotti in poltiglia : controlla con la Caudan Library, nel mio sito.
difatti
Post by gp75it
Non so che impressione si abbia leggendo la tua Caudan Library, ma da qui
l'impressione e sempre stata esattemente l'opposto.
parli a vanvera
Post by gp75it
Post by r***@libero.it
La dimostrazione e' che nessuno discute piu' con me, vengo boicottato
e "plonkato",
semplicemente perche' anche i peggiori troll sinistorsi,
pur detestandomi hanno paura e mi evitano come una scarica di
lacrimogeni !
Non e l'unica spiegazione, sai? Prova a sforzarti, che forse ne trovi
qualcun'altra...
sono un rullo compressore, ed ho schiacciato tanti di quei palloni
gonfiati che per affrontare altre discussioni mi tocchera' morpharmi
con un altro nome come stai facendo tu, perche' i sinistrati come mi
vedono scappano !

http://members.odinsrage.com/prometheus/
danilo
2004-01-24 18:07:31 UTC
Permalink
Post by r***@libero.it
sono un rullo compressore,
Sì, hai le prestazioni intellettuali di un rullo compressore. Di razza,
però.

Danilo

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
SR
2004-01-24 18:09:43 UTC
Permalink
Post by r***@libero.it
le mescolanze razziali hanno sempre avuto effetti funesti.
citami un caso contrario.
Le mescolanze *culturali* hanno sempre avuto effetto funesto, e non
*razziali*

Ad esempio in Francia, che viene dall'Africa nera ed è molto più "diverso"
per colore della pelle ecc. è molto più integrato dei tunisini, quasi
bianchi, perché questi ultimi sono musulmani.

P.S.: Non sono di sinistra, quindi non argomentare su questo aspetto
€rnesto
2004-01-25 01:51:00 UTC
Permalink
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
E' qui che continui a sbagliare: i razzisti sostengono che le differenze
intellettive tra i gruppi etnici siano legate a differenze genetiche. Questa
supposizione non ha alcun riscontro scientifico (e non ritornare sui triti e
ritriti test del QI che ti ho gia demolito a suo tempo).
??? cosa avresti "demolito" ?
La scienza, per misurare l' intelligenza utilizza il QI.
ahahaah!!!! La scienza di 50 anni fa! Oggi è un po' come l'oroscopo:
vale solo per i "credenti".

Temo anche col giochetto che si fa qui, ma se poi il test avvenisse
nella foresta amazzonica con domande adeguate all'ambiente, tu
appariresti come UN PERFETTO CRETINO.



e


I prezzi aumentano per colpa dell'euro? Come a dire che gli inglesi passando dalle yarde
ai metri vedranno AUMENTARE LE DISTANZE!
r***@libero.it
2004-01-30 00:14:38 UTC
Permalink
Post by €rnesto
Post by r***@libero.it
La scienza, per misurare l' intelligenza utilizza il QI.
vale solo per i "credenti".
perche' non porti dei dati a sostengno di quello che affermi ?


questo invece e' il manifesto a sostegno del concetto scientifico di
intelligenza, firmato da cinquanta scienziati americani

http://members.odinsrage.com/prometheus/mainstre.html


Establishment Science of Intelligence

Wow! Look what appeared in the Wall Street Journal!

Fifty professors at Universities throughout the U.S., Canada, and
Britain have signed the following statement concerning the generally
accepted science of intelligence and inter-race differences in
intelligence.

You will be surprised at many of the conclusions and at the number
and identity of the signers, all of whom are listed at the end of the
article.

Yggdrasil



Dec. 13, 1994 Wall Street Journal p A18

Mainstream Science on Intelligence

Since the publication of The Bell Curve, many commentators have
offered opinions about human intelligence that misstate current
scientific evidence. Some conclusions dismissed in the media as
discredited are actually firmly supported.

This statement outlines conclusions regarded as mainstream among
researchers on intelligence, in particular, on the nature, origins,
and practical consequences of individual and group differences in
intelligence. Its aim is to promote more reasoned discussion of the
vexing phenomenon that the research has revealed in recent decades.
The following conclusions are fully described in the major textbooks,
professional journals and encyclopedias in intelligence.

The Meaning and Measurement of Intelligence

1. Intelligence is a very general mental capability that, among other
things, involves the ability to reason, plan, solve problems, think
abstractly, comprehend complex ideas, learn quickly and learn from
experience. It is not merely book learning, a narrow academic skill,
or test-taking smarts. Rather, it reflects a broader and deeper
capability for comprehending our surroundings--"catching on," "making
sense" of things, or "figuring out" what to do.

2. Intelligence, so defined, can be measured, and intelligence tests
measure it well. They are among the most accurate (in technical terms,
reliable and valid) of all psychological tests and assessments. They
do not measure creativity, character personality, or other important
differences among individuals, nor are they intended to.

3. While there are different types of intelligence tests, they all
measure the same intelligence. Some use words or numbers and require
specific cultural knowledge (like vocabulary). Others do not, and
instead use shapes or designs and require knowledge of only simple,
universal concepts (many/few, open/closed, up/down).

4. The spread of people along the IQ continuum, from low to high, can
be represented well by the bell curve (in statistical jargon, the
"normal curve"). Most people cluster around the average (IQ 100). Few
are either very bright or very dull: About 3% of Americans score above
IQ 130 (often considered the threshold for "giftedness"), with about
the same percentage below IQ 70 (IQ 70-75 often being considered the
threshold for mental retardation).

5. Intelligence tests are not culturally biased against American
blacks or other native-born, English-speaking peoples in the U.S.
Rather, IQ scores predict equally accurately for all such Americans,
regardless of race and social class. Individuals who do not understand
English well can be given either a nonverbal test or one in their
native language.

6. The brain processes underlying intelligence are still little
understood. Current research looks, for example, at speed of neural
transmission, glucose (energy) uptake, and electrical activity of the
brain, uptake, and electrical activity of the brain.

Group Differences

7. Members of all racial-ethnic groups can be found at every IQ
level. The bell curves of different groups overlap considerably, but
groups often differ in where their members tend to cluster along the
IQ line. The bell curves for some groups (Jews and East Asians) are
centered somewhat higher than for whites in general. Other groups
(blacks and Hispanics) ale centered somewhat lower than non-Hispanic
whites.

8. The bell curve for whites is centered roughly around IQ 100; the
bell curve for American blacks roughly around 85; and those for
different subgroups of Hispanics roughly midway between those for
whites and blacks. The evidence is less definitive for exactly where
above IQ 100 the bell curves for Jews and Asians are centered.

Practical Importance

9. IQ is strongly related, probably more so than any other single
measurable human trait, to many important educational, occupational,
economic, and social outcomes. Its relation to the welfare and
performance of individuals is very strong in some arenas in life
(education, military training), moderate but robust in others (social
competence), and modest but consistent in others (law-abidingness).
Whatever IQ tests measure, it is of great practical and social
importance.

10. A high IQ is an advantage in life because virtually all
activities require some reasoning and decision-making. Conversely, a
low IQ is often a disadvantage, especially in disorganized
environments. Of course, a high IQ no more guarantees success than a
low IQ guarantees failure in life. There are many exceptions, but the
odds for success in our society greatly favor individuals with higher
IQs.

11. The practical advantages of having a higher IQ increase as life
settings become more complex (novel, ambiguous, changing,
unpredictable, or multifaceted). For example, a high IQ is generally
necessary to perform well in highly complex or fluid jobs (the
professions, management): it is a considerable advantage in moderately
complex jobs (crafts, clerical and police work); but it provides less
advantage in settings that require only routine decision making or
simple problem solving (unskilled work).

12. Differences in intelligence certainly are not the only factor
affecting performance in education, training, and highly complex jobs
(no one claims they are), but intelligence is often the most
important. When individuals have already been selected for high (or
low) intelligence and so do not differ as much in IQ, as in graduate
school (or special education), other influences on performance loom
larger in comparison.

13. Certain personality traits, special talents, aptitudes, physical
capabilities, experience, and the like are important (sometimes
essential) for successful performance in many jobs, but they have
narrower (or unknown) applicability or "transferability" across tasks
and settings compared with general intelligence. Some scholars choose
to refer to these other human traits as other "intelligences."

Source and Stability of Within-Group Differences

14. Individuals differ in intelligence due to differences in both
their environments and genetic heritage. Heritability estimates range
from 0.4 to 0.8 (on a scale from 0 to 1), most thereby indicating that
genetics plays a bigger role than does environment in creating IQ
differences among individuals. (Heritability is the squared
correlation of phenotype with genotype.) If all environments were to
become equal for everyone, heritability would rise to 100% because all
remaining differences in IQ would necessarily be genetic in origin.

15. Members of the same family also tend to differ substantially in
intelligence (by an average of about 12 IQ points) for both genetic
and environmental reasons. They differ genetically because biological
brothers and sisters share exactly half their genes with each parent
and, on the average, only half with each other. They also differ in IQ
because they experience different environments within the same family.


16. That IQ may be highly heritable does not mean that it is not
affected by the environment. Individuals are not born with fixed,
unchangeable levels of intelligence (no one claims they are). IQs do
gradually stabilize during childhood, however, and generally change
little thereafter.

17. Although the environment is important in creating IQ differences,
we do not know yet how to manipulate it to raise low IQs permanently.
Whether recent attempts show promise is still a matter of considerable
scientific debate.

18. Genetically caused differences are not necessarily irremediable
(consider diabetes, poor vision, and phenal keton uria), nor are
environmentally caused ones necessarily remediable (consider injuries,
poisons, severe neglect, and some diseases). Both may be preventable
to some extent.

Source and Stability of Between-Group Differences

19. There is no persuasive evidence that the IQ bell curves for
different racial-ethnic groups are converging. Surveys in some years
show that gaps in academic achievement have narrowed a bit for some
races, ages, school subjects and skill levels, but this picture seems
too mixed to reflect a general shift in IQ levels themselves.

20. Racial-ethnic differences in IQ bell curves are essentially the
same when youngsters leave high school as when they enter first grade.
However, because bright youngsters learn faster than slow learners,
these same IQ differences lead to growing disparities in amount
learned as youngsters progress from grades one to 12. As large
national surveys continue to show, black 17- year-olds perform, on the
average, more like white 13-year-olds in reading, math, and science,
with Hispanics in between.

21. The reasons that blacks differ among themselves in intelligence
appear to be basically the same as those for why whites (or Asians or
Hispanics) differ among themselves. Both environment and genetic
heredity are involved.

22. There is no definitive answer to why IQ bell curves differ across
racial-ethnic groups. The reasons for these IQ differences between
groups may be markedly different from the reasons for why individuals
differ among themselves within any particular group (whites or blacks
or Asians). In fact, it is wrong to assume, as many do, that the
reason why some individuals in a population have high IQs but others
have low IQs must be the same reason why some populations contain more
such high (or low) IQ individuals than others. Most experts believe
that environment is important in pushing the bell curves apart, but
that genetics could be involved too.

23. Racial-ethnic differences are somewhat smaller but still
substantial for individuals from the same socioeconomic backgrounds.
To illustrate, black students from prosperous families tend to score
higher in IQ than blacks from poor families, but they score no higher,
on average, than whites from poor families.

24. Almost all Americans who identify themselves as black have white
ancestors-the white admixture is about 20%, on average--and many
self-designated whites, Hispanics, and others likewise have mixed
ancestry. Because research on intelligence relies on self-
classification into distinct racial categories, as does most other
social-science research, its findings likewise relate to some unclear
mixture of social and biological distinctions among groups (no one
claims otherwise).

Implications for Social Policy

25. The research findings neither dictate nor preclude any particular
social policy, because they can never determine our goals. They can,
however, help us estimate the likely success and side-effects of
pursuing those goals via different means.

* * * * * * *

The following professors-all experts in intelligence an allied
fields-have signed this statement:



Richard D. Arvey, University of Minnesota
Thomas J. Bouchard, Jr., University of Minnesota
John B. Carroll, U.N.C. at Chapel Hill
Raymond B. Cattell, University of Hawaii
David B. Cohen, U.T. at Austin
Rene W. Dawis, University of Minnesota
Douglas K. Detterman, Case Western Reserve U.
Marvin Dunnette, University of Minnesota
Hans Eysenck, University of London
Jack Feldman, Georgia Institute of Technology
Edwin A. Fleishman, George Mason University
Grover C. Gilmore, Case Western Reserve U.
Robert A. Gordon, Johns Hopkins University
Linda S. Gottfredsen, University of Delaware
Richard J. Haier, U.C. Irvine
Garrett Hardin, U.C. Berkeley
Robert Hogan, University of Tulsa
Joseph M. Horn, U.T. at Austin
Lloyd G. Humphreys, U.Ill. at Champaign-Urbana
John E. Hunter, Michigan State University
Seymour W. Itzkoff, Smith College
Douglas N. Jackson, U. of Western Ontario
James J. Jenkins, U. of South Florida
Arthur R. Jensen, U.C. Berkeley
Alan S. Kaufman, University of Alabama
Nadeen L. Kaufman, Cal. School of Prof. Pshch., S.D.
Timothy Z. Keith, Alfred University
Nadine Lambert, U.C. Berkeley
John C. Loehlin, U.T. at Austin
David Lubinski, Iowa State University
David T. Lykken, University of Minnesota
Richard Lynn, University of Ulster at Coleraine
Paul E. Meehl, University of Minnesota
R. Travis Osborne, University of Georgia
Robert Perloff, University of Pittsburg
Robert Plomin, Institute of Psychiatry, London
Cecil R. Reynolds, Texas A&M University
David C. Rowe, University of Arizona
J. Philippe, Rushton U. of Western Ontario
Vincent Sarich, U.C. Berkeley
Sandra Scarr, University of Virginia
Frank L. Schmidt University of Iowa
Lyle F. Schoenfeldt, Texas A&M University
James C. Sharf, George Washington University
Julian C. Stanley, Johns Hopkins University
Del Theissen, U.T. at Austin
Lee A. Thompson, Case Western Reserve U.
Robert M. Thorndike, Western Washington University
Philip Anthony Vernon, U. of Western Ontario
Lee Willerman, U.T. at Austin
€rnesto
2004-01-30 23:07:53 UTC
Permalink
Post by r***@libero.it
Post by €rnesto
Post by r***@libero.it
La scienza, per misurare l' intelligenza utilizza il QI.
vale solo per i "credenti".
perche' non porti dei dati a sostengno di quello che affermi ?
Dati??????
Sul fatto che esiatno moltissimi tipi di versi di intelligenza oltre a
quella analitica e quella sintetica, ma che ci sa un'intelligenza
musicale, pittorica, orientativa, semantica, perfino ecologica è da
decenni patrimonio della culture comune anche a livello di seconda
media.
Il QI misurava solo un tipo di intelligenza, tralasciando tutte le
altre.

Sulle differenze etniche nel campo dell'intelligenza ormai le
discussioni sono cessate tra gli scienziati seri, anche perchè i
migliori scienziati sono ormai cinesi, i migliori matematici
pakistani, e i neri sono nello staff del presidente degli USA e
dirigono l'ONU!

Gli ignoranti pallidi che temono la concorrenza alzano ancora barriere
di pura chiacchiera al bar.

€

I prezzi aumentano per colpa dell'euro? Come a dire che gli inglesi passando dalle yarde
ai metri vedranno AUMENTARE LE DISTANZE!
Riccardomustodario
2004-02-06 12:43:50 UTC
Permalink
Post by €rnesto
Dati??????
Sul fatto che esiatno moltissimi tipi di versi di intelligenza oltre a
quella analitica e quella sintetica, ma che ci sa un'intelligenza
musicale, pittorica, orientativa, semantica, perfino ecologica è da
decenni patrimonio della culture comune anche a livello di seconda
media.
Cultura comune?!
Trovo difficile annusarla anche nella multietnia in cui sono immerso,
così come mi capitava con gli Ufarai.
La verità è che nell'evoluzione, dove i percorsi culturali che
c'influenzano sono infiniti, ognuno fa parte di cultura a se stante.
Tu per esempio, checche ti sforzi, non mi somigli neanche un poco,
così come Luigino Ferrari è totalmente diverso da te.

face&Bene
rimudaSirePope
AdoremusComputerLuceInTerraStellare una real†à per far rinascere i
morti 'Nhuè 'nhuè voglio a mammà & papà 'Nhuè 'nhuè DNA
danilo
2004-01-25 12:47:37 UTC
Permalink
Post by r***@libero.it
I Longobardi o gli Svevi,invadendo l' Italia, diventata un calderone
multirazziale apportarono un enorme beneficio al nostro paese, che,
difatti, durante e dopo il medioevo divenne il centro mondiale della
cultura, della scienza e dell' arte.
Beh, verrebbe da chiedersi: se gli italiani "meticciati" (che razza di
parola) con i longobardi e gli svevi, hanno potuto fare tutto ciò, i
longobardi e gli svevi puri, cosa mai avranno fatto?
Cos'hanno fatto, che io non so?
Sui libri di storia (vabbè, riscritti dai comunisti, che ci governano
occultamente, nonostante i geni inferiori) non mi risulta gran che.

Ciao bello.

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
gp75it
2004-01-25 21:42:09 UTC
Permalink
<rcau-***@libero.it> ha scritto nel messaggio news:***@powernews.libero.it...
[cut]
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
(e non ritornare sui triti e
ritriti test del QI che ti ho gia demolito a suo tempo).
??? cosa avresti "demolito" ?
La scienza, per misurare l' intelligenza utilizza il QI.
Ma va là! Eccoti il post che iniziava il nostro thread, omuncolo dalla
memoria selettivamente corta...
http://groups.google.it/groups?q=g:thl897471154d&dq=&hl=it&lr=&ie=UTF-8&selm
=pNgq9.25888%24RO.637461%40twister1.libero.it
Era il thread "il progresso ha aiutato i paesi poveri?" su it.scienza.
Correva l'anno 2002, e qualche post google comincia a perderselo...
se ti va, riprendiamo da lì. Altrimenti io non ho intenzione di
_ricominciare_

[cut]
Post by r***@libero.it
la realta' e la realta' e devi abituartici !
Questo vale soprattutto per te.
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
Inoltre i razzisti affermano, sulla base di quanto sopra, che sia lecito
presupporre le caratteristiche intellettive di ogni singolo individuo sulla
base di caratteri morfologici secondari che, nella migliore delle ipotesi,
hanno una *correlazione infima* con la presunta inferiorita intellettiva,
caratteri "secondari" ? e quali sarebbero quelli principali allora ?
l' "analisi dei geni,, , quella tanto cara ad Ernesto ?
Quella che da' gli scimpanze' uguali agli uomini ?
Perchè ti ostini a non leggerti un libro di genetica come ti avevo suggerito
anni fa (te l'ho ricordato anche nel messaggio indicato sopra)?
Nella nostra discussione il carattere principale è quello per cui vuoi
discriminare (l'intelligenza), quelli secondari sono i caratteri che usi
(colore della pelle, forma del naso ecc...) per presumere il carattere
principale senza determinarlo direttamente.

[cut]
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
Infine, appunto, considerano la capacita intellettiva dell'individuo un
giustificato motivo di discriminazione.
certo che e' un motivo valido
Perchè?
Non sto scherzando.
Spiega perchè l'intelligenza dovrebbe essere un giusto motivo di
discriminazione.
(Attento! E' una trappola!)

[cut]
Post by r***@libero.it
Cerchi, come e' tipico di voi sinistrati
E chi ti ha detto che sono di sinistra? Lascia stare la politica. Qui stiamo
parlando di scienza, o almeno ci si prova.
Post by r***@libero.it
di prendere di mira me
personalmente.
Ti faccio notare, poi che io. in questo caso non correrei rischi, a
differenza dei tuoi amici meticci.
Davvero? Leggi il seguito...
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
Dunque, fammi capire. Se una civilta di un ceppo che consideri
intellettualmente inferiore ha sviluppato una qualche forma di civilta
evuluta e merito dei meticciamenti con i ceppi che consideri superiori.
si'. e' il caso, per esempio del Sudamerica.
Ok. Ci sto. Proseguiamo.
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
Questi stessi meticciamenti (nemmeno tu puoi sostenere che in Italia non ci
siano stati meticciamenti),
difatti, l' impero romano e' caduto proprio per quello
http://www.stormfront.org/whitehistory/hwr16.htm
http://www.stormfront.org/whitehistory/hwr19.htm
Perfetto. Questo è un esempio di "meticciamento negativo". Proprio quello
che mi serve. Andiamo avanti.
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
pero, non indeboliscono i ceppi che tu consideri
superiori, che hanno creato civilta proprio perche ad essere superiori erano
loro.
non li indeboliscono se non si fanno contaminare.
Contaminare?
Cosa vuol dire contaminare?
Se avviene il meticciamento avviene anche lo scambio di geni. Non esistono
meticciamenti che contaminano e altri che non lo fanno.
Cosa fai, cominci a rimangiarti quanto hai scritto sopra?
Credo di sì, e il seguito lo dimostra chiaramente...
Post by r***@libero.it
I Longobardi o gli Svevi,invadendo l' Italia, diventata un calderone
multirazziale apportarono un enorme beneficio al nostro paese, che,
difatti, durante e dopo il medioevo divenne il centro mondiale della
cultura, della scienza e dell' arte.
Ecco un'altro esempio di "meticciamento positivo". Non chiedo di meglio!
Proseguiamo.
Post by r***@libero.it
Viceversa Egizi, Greci e gli stessi Romani, che, divenuti ormai
benestanti inportarono enormi masse di schiavi iniziarono ad
incrociarsi con loro e, man mano che il meticciamento avanzava
vedevano tramontare la loro civilta'.
Perfetto! Un nuovo esempio di "meticciamento negativo".
Non hai ancora spiegato però come fare a determinare se un meticciamento
sarà positivo per la razza inferiore o negativo per quella superiore. A
seconda dei casi storici applichi quello che ti fa più comodo, che è proprio
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
Erano meticciati + sono ceppi inferiori + hanno creato civilta = e perche
erano meticci
Erano meticciati + erano ceppi superiori + hanno creato civilta = e perche
erano ceppi superiori
Non ti sembra di avere formulato una teoria iperprotetta?
non ti sembra di aver formulato uno sproloquio illeggibile ?
No. Lo "sproloquio" l'hai creato tu.
E' la sintesi del tuo modo di pensare, e le tue osservazioni precedenti lo
confermano ampiamente.
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
Siccome sono dotato di chiaroveggenza, e sono in grado di prevedere le tue
risposte (Turing direbbe che possiedo un'automa che comprende il tuo), a
sei svitato
Davvero? Vediamo un po' chi è svitato di noi due... adesso viene il bello!

[cut]
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
- I metticciamenti sono avvenuti e avvengono in tutte le popolazioni in modo
indipendente dalle fasi di ascesa e discesa delle loro civilta.
no.
Ecco che scatta la trappola numero 1:
Sei tu stesso a giustificare tutti gli eventi storici che citi in base a
fenomeni di meticciamento che, a seconda di come ti fa comodo, hanno dato
effetti positivi o negativi. I tuoi stessi innumerevoli esempi confermano
che i meticciamenti ci sono stati sia in civiltà in evoluzione che in
civiltà in declino.
Post by r***@libero.it
le mescolanze razziali hanno sempre avuto effetti funesti.
citami un caso contrario.
Incredibilmente, considerando quello che hai scritto sopra, scatta _anche_
la trappola numero 2:
Tu stesso mi hai postato più sopra due esempi di meticciamenti positivi (Sud
America e Rinascimento italiano)!

Ammetto che il mio post era studiato apposta per portarti in contraddizione
ma, perdinci! Sei andato oltre ogni previsione postando le tue
contraddizioni tutte insieme a poche righe di distanza una dall'altra! E ti
avevo anche avvertito di fare attenzione a come rispondevi... non ho parole.
Sei ancora del parere che sia io lo svitato?
Ma, soprattutto, sei ancora così sicuro di non rimanere escluso da
un'eventuale discriminazione basata sull'intelligenza?

[cut]
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
Attento a come rispondi!
(L'ultima volta che ti ho avvertito di un tranello, hai mangiato esca, amo e
lenza... )
Ecco infatti il mio avvertimento...
Post by r***@libero.it
?????
sei un mitomane allucinato
:-D
Ammettilo! Questa volta, oltre ad esca, amo e lenza, ti sei ingoiato anche
il mulinello e un pezzo della barca...

[cut]
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
Post by r***@libero.it
Tutti quelli che hanno cercato di contraddirmi sono finiti triturati e
ridotti in poltiglia : controlla con la Caudan Library, nel mio sito.
difatti
eh, sì... abbiamo proprio visto... :-D
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
Non so che impressione si abbia leggendo la tua Caudan Library, ma da qui
l'impressione e sempre stata esattemente l'opposto.
parli a vanvera
Sei tu che parli a vanvera. Ti rendi conto che hai scritto una cosa e il suo
esatto contrario venti righe dopo????
Non ho neppure dovuto andare a cercare altri tuoi post per farti notare le
tue contraddizioni. E' stato troppo facile...

[cut]
Post by r***@libero.it
sono un rullo compressore, ed ho schiacciato tanti di quei palloni
gonfiati che per affrontare altre discussioni mi tocchera' morpharmi
con un altro nome come stai facendo tu, perche' i sinistrati come mi
vedono scappano !
Guarda che io da quando uso i ng non ho mai cambiato nik o altro. Ho solo
girato al contrario la mia mail (come ho scritto nella firma) per evitare lo
spam.
Sei tu che hai già cambiato un bel po' di nik e indirizzi e-mail...
I veri motivi per cui raramente ti rispondiamo sono essenzialmente due:
- non posti mai niente di nuovo. Sempre i soliti argomenti circolari
demoliti più e più volte.
- Le nostre risposte ti danno la possibiltà di inserire nel tuo sito un
bricolage di messaggi fatto apposta per far credere alla gente che sei tu ad
avere l'ultima parola.

Inoltre, per dirla tutta, la tua tesi, per quanto indifendibile, potrebbe
essere sostenuta con maggiore intelligenza e preparazione di come fai tu.
Non c'è quasi neanche gusto a smontarti da tanto è stato facile farti cadere
in contraddizione... mi ero divertito di più l'altra volta.

Giò

--
«Sol chi di gentil schiatta è membro degno
può con fatica posseder quel premio
a cui pervengon sol d'Ermete i figli
che ben sanno seguire i suoi consigli.»

Per risposte private leggere l'e-mail al contrario
For private replay read the e-address backward
r***@libero.it
2004-01-30 00:14:40 UTC
Permalink
Perche ti ostini a non leggerti un libro di genetica come ti avevo suggerito
anni fa (te l'ho ricordato anche nel messaggio indicato sopra)?
Nella nostra discussione il carattere principale e quello per cui vuoi
discriminare (l'intelligenza), quelli secondari sono i caratteri che usi
(colore della pelle, forma del naso ecc...) per presumere il carattere
principale senza determinarlo direttamente.
la discussione e' proprio riguardo se questi caratteri siano comuni o
no. l' evidenza dei fatti dimostrerebbe che lo siano
Perche?
Non sto scherzando.
Spiega perche l'intelligenza dovrebbe essere un giusto motivo di
discriminazione.
(Attento! E' una trappola!)
perche' e' auspicabile che una persona stupida, come lo sono, per
esempio i negri in sudafrica non voti, lasciando l' impegno a chi sia
piu' capace di farlo, come i bianchi.
La dimostrazione di questo e' arrivata dai fatti :
Oggi il Sudafrica, con i negri al potere sta diventando l' ennesimo
inferno terzomondiale
Post by r***@libero.it
difatti, l' impero romano e' caduto proprio per quello
http://www.stormfront.org/whitehistory/hwr16.htm
http://www.stormfront.org/whitehistory/hwr19.htm
Perfetto. Questo e un esempio di "meticciamento negativo". Proprio quello
che mi serve. Andiamo avanti.
cioe' di razze inferiori introdotte nel territorio di bianchi nordici.
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
pero, non indeboliscono i ceppi che tu consideri
superiori, che hanno creato civilta proprio perche ad essere superiori
erano>> >loro.>> non li indeboliscono se non si fanno contaminare.
cosa vorrebbe dire ?
Contaminare?
Cosa vuol dire contaminare?
Se avviene il meticciamento avviene anche lo scambio di geni. Non esistono
meticciamenti che contaminano e altri che non lo fanno.
Cosa fai, cominci a rimangiarti quanto hai scritto sopra?
Credo di si, e il seguito lo dimostra chiaramente...
I longobardi vennero in Italia, generando figli con gli italiani dell'
epoca, ma il pool genetico tedesco rimase intatto perche' non vi
furono invasioni di levantini in Germania.
Post by r***@libero.it
I Longobardi o gli Svevi,invadendo l' Italia, diventata un calderone
multirazziale apportarono un enorme beneficio al nostro paese, che,
difatti, durante e dopo il medioevo divenne il centro mondiale della
cultura, della scienza e dell' arte.
Ecco un'altro esempio di "meticciamento positivo". Non chiedo di meglio!
Proseguiamo.
se vuoi farti male...
Post by r***@libero.it
Viceversa Egizi, Greci e gli stessi Romani, che, divenuti ormai
benestanti inportarono enormi masse di schiavi iniziarono ad
incrociarsi con loro e, man mano che il meticciamento avanzava
vedevano tramontare la loro civilta'.
Perfetto! Un nuovo esempio di "meticciamento negativo".
Non hai ancora spiegato pero come fare a determinare se un meticciamento
sara positivo per la razza inferiore o negativo per quella superiore. A
succedono entrambe le cose.
Un brasiliano mulatto sara' meglio di un negro e peggio di un bianco
lo capisce anche un bambino
seconda dei casi storici applichi quello che ti fa piu comodo, che e proprio
stai farneticando
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
Erano meticciati + sono ceppi inferiori + hanno creato civilta = e perche
erano meticci
Erano meticciati + erano ceppi superiori + hanno creato civilta = e
perche
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
erano ceppi superiori
Non ti sembra di avere formulato una teoria iperprotetta?
non ti sembra di aver formulato uno sproloquio illeggibile ?
No. Lo "sproloquio" l'hai creato tu.
E' la sintesi del tuo modo di pensare, e le tue osservazioni precedenti lo
confermano ampiamente.
purntualmente cerchi la "contraddizione" in quello che dico, senza
nemmeno entrare nel merito della discussione e senza nemmeno sognarsi
di esporre un argomento
Sei tu stesso a giustificare tutti gli eventi storici che citi in base a
fenomeni di meticciamento che, a seconda di come ti fa comodo, hanno dato
effetti positivi o negativi. I tuoi stessi innumerevoli esempi confermano
che i meticciamenti ci sono stati sia in civilta in evoluzione che in
civilta in declino.
:o?
Post by r***@libero.it
le mescolanze razziali hanno sempre avuto effetti funesti.
citami un caso contrario.
Incredibilmente, considerando quello che hai scritto sopra, scatta _anche_
Tu stesso mi hai postato piu sopra due esempi di meticciamenti positivi (Sud
America e Rinascimento italiano)!
e' chiaro che mi riferivo alla degenerazione delle razze superiori.
Che quelle inferiori potessero essere migliorate e' un fatto poco
rilevante.
Ammetto che il mio post era studiato apposta per portarti in contraddizione
diciamo che era il solito sproloquio fatto per MANIPOLARE quello che
dico e cercare di distorcerlo.
ma, perdinci! Sei andato oltre ogni previsione postando le tue
contraddizioni tutte insieme a poche righe di distanza una dall'altra! E ti
sei un ridicolo azzeccagarbugli che, non avendo idee cerca di
distorcere e travisare quelle degli altri
avevo anche avvertito di fare attenzione a come rispondevi... non ho parole.
Sei ancora del parere che sia io lo svitato?
sei un pazzoide, perso nei suoi deliri


http://members.odinsrage.com/prometheus/
gp75it
2004-01-31 22:46:55 UTC
Permalink
<rc-***@libero.it> ha scritto nel messaggio news:***@powernews.libero.it...
[cut]
Post by r***@libero.it
la discussione e' proprio riguardo se questi caratteri siano comuni o
no. l' evidenza dei fatti dimostrerebbe che lo siano
Cosa c'entra il fatto di essere comuni oppure no?
Qui si stava discutendo di correlazione, ma mi accorgo che sei già in
fuga...

[cut]
Post by r***@libero.it
perche' e' auspicabile che una persona stupida, [cut] non voti,
[cut]

E quale sarebbe il QI minimo per votare?
Perchè vedi, il problema casomai è il QI, non la razza, come ti avevo già
detto.
Vebbè, non c'è gusto... sei fuori forma.

[cut]
Post by r***@libero.it
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
pero, non indeboliscono i ceppi che tu consideri
superiori, che hanno creato civilta proprio perche ad essere superiori
erano>> >loro.>> non li indeboliscono se non si fanno contaminare.
cosa vorrebbe dire ?
L'hai scritto tu...
e io ti ho chiesto lumi... mi hai anche quotato...

[cut]
Post by r***@libero.it
I longobardi vennero in Italia, generando figli con gli italiani dell'
epoca, ma il pool genetico tedesco rimase intatto perche' non vi
furono invasioni di levantini in Germania.
Cosa c'entra la Germania? Hai parlato del Rinascimento italiano dicendo che
era stato innescato dal meticciamento con le popolazioni germaniche (chissà
perchè, però, a iniziare il Rinascimento sono stati i meticci e non i
germanici puri: questa toppa è peggio dello strappo...)
E pensare che più sotto, nella tua fuga disordinata, mi hai scritto che il
miglioramento di ceppi inferiori è irrilevante...

[cut]
Post by r***@libero.it
Proseguiamo.
se vuoi farti male...
Ti sei fatto un gran male tu, sai? Sei riuscito a perdere il filo dei tuoi
stessi discorsi, hai chiesto a me spiegazioni su quello che hai scritto tu,
hai ribadito le tue contraddizioni, ne hai aggiunte di nuove. E per di più,
non hai capito una mazza di quello che ho scritto io. Il tutto condito da
impietosi tagli a tutti i miei commenti cui non hai saputo ribattere, giusto
per saltar fuori poi con frasi tipo "non hai portato argomenti" e "non sei
entrato nel merito", per tralasciare quelle esclusivamente offensive.
Mi sembra di stare a Caporetto. Dalla parte degli Austriaci, però...

[cut]
Post by r***@libero.it
Non hai ancora spiegato pero come fare a determinare se un meticciamento
sara positivo per la razza inferiore o negativo per quella superiore. A
succedono entrambe le cose.
Un brasiliano mulatto sara' meglio di un negro e peggio di un bianco
lo capisce anche un bambino
Non scappare di nuovo!
Il problema qui è stabilire se e quando questi meticciamenti indeboliscono o
rinforzano...
I meticci sono abbastanza intelligenti da creare un Rinascimento o
sufficientemente idioti da affondare l'Impero Romano?
Era questo il problema...
...ma già, io non ho portato argomenti...
Post by r***@libero.it
seconda dei casi storici applichi quello che ti fa piu comodo, che e proprio
stai farneticando
Se non riesci a seguire il filo dei tuoi stessi discorsi non è colpa mia.

[cut]
Post by r***@libero.it
purntualmente cerchi la "contraddizione" in quello che dico, senza
nemmeno entrare nel merito della discussione e senza nemmeno sognarsi
di esporre un argomento
1) La contraddizione interna di una teoria è sufficiente a invalidarla
2) Evidenziare le incongruenze è entrare nel merito
3) Gli argomenti da te esposti sono stati sufficienti a dimostrare
l'incongruenza, non ho avuto la necessità di aggiungere altro.
4) Non ti sei neanche accorto degli argomenti da me esposti, o li hai
addirittura tagliati ignorandoli...

[cut]
Post by r***@libero.it
I tuoi stessi innumerevoli esempi confermano
che i meticciamenti ci sono stati sia in civilta in evoluzione che in
civilta in declino.
:o?
Allora ti spiego:
Io ho scritto che i meticciamenti avvengono sempre, indipendentemente dalle
fasi di ascesa o declino di una civiltà (ecco un argomento da me esposto)
Tu, prima hai infilato una serie di esempi di meticciamenti in civiltà sia
in ascesa che in declino, poi mi hai detto che tutto ciò non era vero...
Capito adesso?
Post by r***@libero.it
Post by r***@libero.it
le mescolanze razziali hanno sempre avuto effetti funesti.
citami un caso contrario.
[cut]
Post by r***@libero.it
Tu stesso mi hai postato piu sopra due esempi di meticciamenti positivi (Sud
America e Rinascimento italiano)!
e' chiaro che mi riferivo alla degenerazione delle razze superiori.
...certo, certo...
Post by r***@libero.it
Che quelle inferiori potessero essere migliorate e' un fatto poco
rilevante.
Anche il Rinascimento è poco rilevante?
Post by r***@libero.it
Ammetto che il mio post era studiato apposta per portarti in
contraddizione
Post by r***@libero.it
diciamo che era il solito sproloquio fatto per MANIPOLARE quello che
dico e cercare di distorcerlo.
No, affatto. Lo sproloquio, ripeto, è il tuo, perchè pieno di
contraddizioni.
Il fatto che io abbia volutamente cercato di portarti in contraddizione non
cambia nulla nella sostanza delle cose: la tua teoria fa acqua da tutte le
parti.

[cut]
Post by r***@libero.it
sei un ridicolo azzeccagarbugli che, non avendo idee cerca di
distorcere e travisare quelle degli altri
Vedo che non riesci proprio a seguirmi, e ho come l'impressione che tu non
riesca a capire neppure i tuoi stessi ragionamenti...
...massì... rimangiati pure quello che ti fa comodo, quando ti fa comodo,
per il tempo che ti fa comodo...
...contento tu...

[cut]
Post by r***@libero.it
sei un pazzoide, perso nei suoi deliri
La stessa identica fuga che hai fatto quando si è parlato del test del QI...
vabbè... alla prossima.
Se avrò voglia di divertirmi.
Ma cerca di impegnarti un po' di più che questa volta sei stato davvero
scarsino.

Giò

--
«Sol chi di gentil schiatta è membro degno
può con fatica posseder quel premio
a cui pervengon sol d'Ermete i figli
che ben sanno seguire i suoi consigli.»

Per risposte private leggere l'e-mail al contrario
For private replay read the e-address backward
r***@libero.it
2004-02-04 01:14:58 UTC
Permalink
Post by gp75it
Post by r***@libero.it
la discussione e' proprio riguardo se questi caratteri siano comuni o
no. l' evidenza dei fatti dimostrerebbe che lo siano
Cosa c'entra il fatto di essere comuni oppure no?
Qui si stava discutendo di correlazione, ma mi accorgo che sei gia in>fuga...
"caratteri comuni" significa appunto correlati.
puntualmente giochi sulle parole per fare delle infinite ed
inconcludenti polemiche
Post by gp75it
Post by r***@libero.it
perche' e' auspicabile che una persona stupida, [cut] non voti,
E quale sarebbe il QI minimo per votare?
Perche vedi, il problema casomai e il QI, non la razza, come ti avevo gia
detto.>Vebbe, non c'e gusto... sei fuori forma.
il problema e' appunto correlare razza e QI, ancora una volta parli a
vuoto
Post by gp75it
Post by r***@libero.it
I longobardi vennero in Italia, generando figli con gli italiani dell'
epoca, ma il pool genetico tedesco rimase intatto perche' non vi
furono invasioni di levantini in Germania.
Cosa c'entra la Germania? Hai parlato del Rinascimento italiano dicendo che
era il luogo di origine dei Longobardi, imbecille !
Post by gp75it
era stato innescato dal meticciamento con le popolazioni germaniche (chissa
perche, pero, a iniziare il Rinascimento sono stati i meticci e non i
germanici puri: questa toppa e peggio dello strappo...)
i germanici puri, usciti dal medioevo hanno creato nazioni ben piu'
ricche e progredite dell' Italia, CVD.
Post by gp75it
E pensare che piu sotto, nella tua fuga disordinata, mi hai scritto che il
miglioramento di ceppi inferiori e irrilevante...
ROTFL !!!
stai proprio tagliuzzando e ricucendo quello che ho scritto,
fregandotene dei significati !
Sei specializzato nelle frasi fuori dal contesto !
Post by gp75it
Ti sei fatto un gran male tu, sai? Sei riuscito a perdere il filo dei tuoi
stessi discorsi, hai chiesto a me spiegazioni su quello che hai scritto tu,
questo e' uno dei classici discorsi DELIRANTI
che fate voi sinistrati, dandovi ragione
l' un l' altro senza curarvi delle assurdita' che dite.
Post by gp75it
hai ribadito le tue contraddizioni, ne hai aggiunte di nuove. E per di piu,
non hai capito una mazza di quello che ho scritto io. Il tutto condito da
sei solo una bertuccia disturbatrice che saltella qua e la', cercando
di molestarmi, cercando la famosa "contraddizione" in quello che dico
e che non dico, senza nemmeno citare un fatto reale.
Post by gp75it
impietosi tagli a tutti i miei commenti cui non hai saputo ribattere, giusto
"non so ribattere" : sei chiaramente di formazione culturale
umanistica, una specie di ciarlatano azzeccagarbugli, un imbroglione
parolaio che pensa di riuscire a gabbare tutti coprendo le proprie
fumose farnticazioni con la sua parlantina arrogante.
Post by gp75it
per saltar fuori poi con frasi tipo "non hai portato argomenti" e "non sei
entrato nel merito", per tralasciare quelle esclusivamente offensive.
Mi sembra di stare a Caporetto. Dalla parte degli Austriaci, pero...
nei tuoi, allucinati viaggi puoi stare dove vuoi.
Post by gp75it
Post by r***@libero.it
Un brasiliano mulatto sara' meglio di un negro e peggio di un bianco
lo capisce anche un bambino
Non scappare di nuovo!
Il problema qui e stabilire se e quando questi meticciamenti indeboliscono o
rinforzano...
solo un idiota potrebbe porsi un problema del genere.....

la carta della poverta' e' sovrapponibile alla carta
della popolazione di colore.
Ed e' singolare che i negri, in ogni societa', puntualmente occupano
lo strato sociale piu' basso.

la REALTA' dei fatti conferma quello che dico io.
Tu, puntualmente perso nei tuoi sogni da "umanista" puoi sognarti
quante realta' vuoi, sproloquiando di "contraddizioni" contro chi
cerca di riportarti alla realta' .
so che la realta' cozza con le tue illusioni e le tue fantasie, ma non
ci puoi fare niente : la realta' e la realta' e devi abituartici !
Post by gp75it
I meticci sono abbastanza intelligenti da creare un Rinascimento o
sufficientemente idioti da affondare l'Impero Romano?
Era questo il problema...
puntualmente punti ad un botta e risposta, ad una polemica, nel vostro
stile di allucinati e faneticanti sinistrati, staccati dalla realta'.
In realta' voi sinistrati NON SIETE CAPACI di fare un discorso che
fili piu' lungo di due righe, o due minuti, per quello, puntualmente
puntate a fare polemiche, dove dite tutto ed il contrario di tutto.
Post by gp75it
...ma gia, io non ho portato argomenti...
non ne hai
Post by gp75it
Post by r***@libero.it
purntualmente cerchi la "contraddizione" in quello che dico, senza
nemmeno entrare nel merito della discussione e senza nemmeno sognarsi
di esporre un argomento
1) La contraddizione interna di una teoria e sufficiente a invalidarla
?? questa famosa "contraddizione" esiste solo nella tua mente malata
Post by gp75it
2) Evidenziare le incongruenze e entrare nel merito
NO
Post by gp75it
3) Gli argomenti da te esposti sono stati sufficienti a dimostrare
l'incongruenza, non ho avuto la necessita di aggiungere altro.
diciamo che, al di fuori del tuo ambito umanistico-filosofico sei un
SOMARO e ti sei limitato a distorcere quello che dicevo, non sapendo
che pesci pigliare
Post by gp75it
4) Non ti sei neanche accorto degli argomenti da me esposti, o li hai
addirittura tagliati ignorandoli...
e quali sarebbero ? :o)
Post by gp75it
Io ho scritto che i meticciamenti avvengono sempre, indipendentemente dalle
fasi di ascesa o declino di una civilta (ecco un argomento da me esposto)
NO
i meticciamenti hanno SEMPRE come conseguenza la decadenza della
civilta' superiore
Post by gp75it
Tu, prima hai infilato una serie di esempi di meticciamenti in civilta sia
in ascesa che in declino, poi mi hai detto che tutto cio non era vero...
tue manipolazioni, da imbroglioncello da strapazzo


http://www.stormfront.org/whitehistory/hwr8.htm
http://www.stormfront.org/whitehistory/hwr16.htm
http://www.stormfront.org/whitehistory/hwr19.htm
Post by gp75it
Capito adesso?
Post by r***@libero.it
Post by r***@libero.it
le mescolanze razziali hanno sempre avuto effetti funesti.
citami un caso contrario.
e non l' hai fatto
Post by gp75it
Post by r***@libero.it
Tu stesso mi hai postato piu sopra due esempi di meticciamenti positivi
(Sud>> >America e Rinascimento italiano)!
Post by r***@libero.it
e' chiaro che mi riferivo alla degenerazione delle razze superiori.
aggiungere una virgola e la parola "idiota" dopo l' ultima frase.
Post by gp75it
Post by r***@libero.it
Che quelle inferiori potessero essere migliorate e' un fatto poco
rilevante.
Anche il Rinascimento e poco rilevante?
tipica frase fuori dal contesto
Post by gp75it
Post by r***@libero.it
Ammetto che il mio post era studiato apposta per portarti in
contraddizione
Post by r***@libero.it
diciamo che era il solito sproloquio fatto per MANIPOLARE quello che
dico e cercare di distorcerlo.
No, affatto. Lo sproloquio, ripeto, e il tuo, perche pieno di
contraddizioni.
idiozie
Post by gp75it
Il fatto che io abbia volutamente cercato di portarti in contraddizione non
non ci sei riuscito ed hai dovuto manipolare quello che ho detto.
Post by gp75it
cambia nulla nella sostanza delle cose: la tua teoria fa acqua da tutte le>parti.
La stessa identica fuga che hai fatto quando si e parlato del test del QI...
vabbe... alla prossima.
Se avro voglia di divertirmi.
la fuga la fai tu, insomma
Post by gp75it
Ma cerca di impegnarti un po' di piu che questa volta sei stato davvero
scarsino.
Sempre a tua disposizione per ridicolizzare i tuoi assurdi
funambolismi , asinerie e non-sequitur.



--
Romeo Caudan
the #1 racist in the italian usenet
============================================
Tutti quelli che hanno cercato di contraddirmi sono finiti triturati e
ridotti in poltiglia : controlla con la Caudan Library, nel mio sito.

La dimostrazione e' che nessuno discute piu' con me, vengo boicottato
e "plonkato", semplicemente perche' anche i peggiori troll sinistorsi,
pur detestandomi hanno paura e mi evitano come una scarica di
lacrimogeni !

Eugenetica e razza. Solo per menti forti.
http://members.odinsrage.com/prometheus/

Perche' esistono stati piu' e meno ricchi ?
(presto sara' tradotto per intero)
http://www.rlynn.247e.info/

Integrita' razziale europea
http://www.legioneuropa.org/
(sito eccellente)

La biblioteca razziale di David Duke
http://www.duke.org/library/
€rnesto
2004-02-04 18:46:59 UTC
Permalink
Post by r***@libero.it
il problema e' appunto correlare razza e QI, ancora una volta parli a
vuoto
No: il problema è correlare i QI con la razza di ignoranti pari tuo.

e
PS:
"NON ESISTONO RAZZE UMANE"
Cavalli-Sforza.
Joe Panther
2004-02-06 08:41:02 UTC
Permalink
Post by €rnesto
Post by r***@libero.it
il problema e' appunto correlare razza e QI, ancora una volta parli a
vuoto
No: il problema è correlare i QI con la razza di ignoranti pari tuo.
e
"NON ESISTONO RAZZE UMANE"
Cavalli-Sforza.
i cani sono diversi da noi nella riproduzione? mi sembra di no, eppure
perchè esistono le RAZZE di cani? perche tutti sanno che un maltese
non sarà mai aggressivo quanto un pitbull? Risp: perchè tutti sanno
che per arrivare al maltese sono stati selezionati sempre i cani più
mansueti che hanno trasmesso e impresso questo carattere a tutta la
discendenza, ora non è plausibile che a livello inconsio o conscio le
femmine di alcune popolazioni umane abbiano operato una selezione sui
partner e quindi sui figli? guardate gli Inuit, sono tarchiati,
piccoli e grassi: è lo standard di bellezza da quelle parti, le donne
scelgono come partner i più tarchiati e grassottelli perchè sanno che
sono i più adatti all'ambiente e quindi avranno più probabilità di
svezzare i bambini, ora è possibile che non esistano anche tratti
caratteriali o intellettuali che appartengano ai canoni di bellezza di
alcune culture e che quindi fissano gli stessi nella discendenza?
danilo
2004-02-06 09:24:39 UTC
Permalink
Post by Joe Panther
è possibile che non esistano anche tratti
caratteriali o intellettuali che appartengano ai canoni di bellezza di
alcune culture e che quindi fissano gli stessi nella discendenza?
Beh, per parlare di razze in questo senso, dovresti prima dimostrare che i
tratti caratteriali o intellettuali sono determinati geneticamente, e non
culturalmente (e temo sia di gran lunga più agevole dimostrare il
contrario).
E poi dovresti dimostrare che determinate prestazioni intellettuali, o
determinati comportamenti, sono correlati con altre caratteristiche fisiche,
il che anche non è facilissimo.
Che tu dica che, all'interno di una cultura, alcuni comportamenti saranno
preferiti ad altri, è ragionevole. Ma se dici che questa preferenza porta
conseguenze genetiche, che è indice di un'omogeneità allelica tale che dalla
bassa statura, o dalla conformazione della mascella, si possano inferire
tutti gli altri caratteri, beh, dovresti dimostrarlo.

Comunque, se non hai voglia di informarti, puoi almeno notare il fatto che
l'esistenza delle razze umane è negata da tutti i genetisti,
argomentatamente, ed è invece affermata da Bossi e Caudan, a botte di ciarle
da bar.
Poi, vedi tu a chi credere...

Danilo

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
r***@libero.it
2004-02-08 23:26:43 UTC
Permalink
Post by danilo
Beh, per parlare di razze in questo senso, dovresti prima dimostrare che i
tratti caratteriali o intellettuali sono determinati geneticamente, e non
culturalmente (e temo sia di gran lunga piu agevole dimostrare il
contrario).
a me sembra che le differenze su base razziale spieghino TUTTO E
MEGLIO, dei vostri contorcimenti :

Gli uomini non sono tutti uguali : vedete persone uguali in
circolazione ?
Dappertutto esistono persone diversissime per aspetto fisico,
intelligenza, resistenza alle malattie, tendenza alle piu' svariate
malattie eccetera.
Perche' dobbiamo credere ad una palese assurdita' come all'
uguaglianza di tutti gli esseri umani ?
I bianchi hanno costruito civilta'millenarie, creato capolavori di
architettura, arte e tecnologia.

Negri, indios, aborigeni e negroidi vari non hanno creato nulla, solo
capanne di fango e sterco, dove vivono come animali, sporchi, luridi,
pieni di croste e parassiti, accoppiandosi tra parenti, stuprando le
proprie figlie, bevendo sangue e mangiando i morti.

Non e' piu' logico pensare che non ne fossero all' altezza, invece
delle vostre contorte teorie socio-cultural-psicologiche ?

Dato che i bianchi hanno anche un quoziente d'intelligenza
SUPERIORE ai negroidi, che hanno anche caratteri scimmieschi, mi
sembra che quella razziale sia una spiegazione perfettamente logica,
oggi, purtroppo boicottata dall' estabilishment
catto-umanistico-umanitario, pesantemente influenzato dall'
ideologia comunista e dal retaggio cristiano, terrorizzato dallo
spauracchio del nazi-razzismo-olocausto ed ammaestrato da una torma
di intellettuali tutti piu' o meno venduti al regime di turno.

Impugnate il rasoio di Occam, e fate a pezzetti le favolette
umanistiche dei cazzari venduti al regime !!
Post by danilo
Comunque, se non hai voglia di informarti, puoi almeno notare il fatto che
l'esistenza delle razze umane e negata da tutti i genetisti,
argomentatamente, ed e invece affermata da Bossi e Caudan, a botte di ciarle
da bar.>Poi, vedi tu a chi credere...
Pfffffff...... le solite, trite e ritrite bugie dei mentekatti
falsari mitomani komunisti !!!


The Reality of Race by Thomas Jackson From American Renaissance
magazine November, 1993
http://www.duke.org/library/innate/baker_jackson.html

Traduzione di Romeo Caudan ottobre 2000

"Race e' una vera montagna di prove, che portano tutte alla
conclusione che le razze differiscano in abilita' ".Comunque il Dr.
Baker e' strettamente uno scienziato. Egli non va alle conclusioni e
non si fa suggestionare dalla politica sociale. Non ci sono
dubbi nella sua mente che l' ortodossia corrente su questo soggetto
sia assurda, ma limita la sua interpretazione alla lettura dei
dati.
John R. Baker, Race, Foundation for Human Understanding (original
publisher: Oxford Univ. Press), 1974
Lo studio appropriato del genere umano - Razza e colore - Uguali od
Ineguali ? - Una montagna di prove.

Introduzione


Race, di John Baker,e' un libro rimarchevole. Probabilmente non ci
sono altri trattati di biologia e antropologia fisica delle
razze che vi si avvicinino in larghezza, dettaglio, erudizione o
stile. Perfino piu' notevole e' il punto di vista del libro. Evitando
di cercare di evadere il problema delle differenze razziali in
abilita', e' stato scritto con lo scopo di investigare e chiarire
queste
differenze.
Il dr. Baker, oggi deceduto, fu l' autore ideale per un libro come
questo. Fu professore emerito di citologia all' Universita' di
Oxford, un membro della Royal Society, e presidente della Royal
Microscopical Society. A queste qualifiche professionali
egli aggiunse un continuo interesse per quella che chiamo' "il
problema etnico", cioe' l' intera gamma di modi in cui le razze
differiscono.

Scritto tardi nella sua vita, Race, fu l' affermazione definitiva di
quella che considerava uno dei piu' importanti argomenti del
nostro tempo. Dall' inizio alla fine il libro e' imbottito di fatti
poco conosciuti che aprono gli occhi, ed e' una lettura
affascinanante ed essenziale per chiunque abbia un interesse serio
nella razza.E' accompagnato da 80 illustrazioni, e alcuni
degli schizzi piu' semplici sono riprodotti qui.

Race e' organizzato in quattro parti. La prima e' un sommario delle
opinioni sulle differenze razziali, fino alla fine del 1920,
quando, come il Dr. Baker riporta "il sipario calo'" sulla discussione
aperta. La seconda e' un introduzione alla biologia ed alla
tassonomia, o classificazione, incluso un trattato di come le razze e
le specie sono identificate. Il terzo e' un dettagliato
inventario delle differenze biologiche che distinguono le maggiori
razze e sottorazze. In questa sezione il Dr. Baker effettua
uno studio particolare sui bianchi, o europidi, e degli africani
(negridi), sinidi (mongoli) , aborigeni australiani (australidi),
celti
ed ebrei. In questa sezione finale il dr. Baker si esprime su quello
che considera essere il criterio essenziale per determinare
quello che, improvvisamente chiama superiorita' ed inferiorita'. Non
sorprendentemente, le sue conclusioni sono differenti dal
dogma corrente.
I riferimenti storici del Dr. Baker su quello che e' stato scritto
sulle differenze etniche includono un introduzione al pensiero del
conte di Gobineau, Houston Stewart Chamberlain, Nietzsche, Francis
Galton, e perfino Hitler.Il Dr. Baker descrive anche il
lavoro pionieristico, ma non piu' riconosciuto lavoro di uomini come
Johann Blumenbach (1752-1840) e Samuel Sommerring
(1755-1830).

Altri famosi uomini si sono pronunciati sulla questione delle
differenze razziali e, fino ai nostri giorni pochi avevano simpatia
per la nozione di eguaglianza.Rousseau, per esempio, pensava che lo
scimpanze' fosse una primitiva forma di essere umano, e
Kant, Voltaire ed Hume pensavano che il negro fosse fortemente
inferiore agli europei. Il Dr. Baker ricorda che perfino la
Bibbia e' silenziosa sul problema etnico.I figli di Israele,
abitualmente sterminavano i loro nemici, che loro consideravano
inferiori, e nel decimo libro di Joshua, schiavizzarono l' intero
popolo degli Hiviti.

Un appropriato studio del genere umano.

In una sezione tecnica che seguira', il Dr. Baker tratta l' homo
sapiens come un qualsiasi membro del regno animale.
"Nessuno conosce l' uomo, se conosce unicamente l' uomo", osserva.
Egli vuole dirci che, senza una grossa base scientifica in
biologia e tassonomia e' impossibile vedere l' uomo con il distacco
che la scienza richiede.Il Dr. Baker ha scritto, ci spiega
con lo spirito che ha inspirato T.H. Huxley per concludere che "l'
antropologia e' una sezione della zoologia, e che i problemi
dell' etnologia sono, semplicemente quelli che sono presentati allo
zoologo dagli animali che egli studia." In questo il Dr.
Baker e' fuori passo dagli altri scienziati sociali contemporanei, che
sembrano credere che gli umani siano gli unici esentati
dalle leggi dell' ereditarieta' e dal tipo di esami cui gli altri
animali sono soggetti.

Il Dr. Baker ci fa tornare alla biologia con una descrizione di come
l' evoluzione sviluppo' le differenti specie, come le specie
sono classificate, la natura dell' ibridita', e le circostanze sotto
cui alcuni animali possono nascere dall' accoppiamento tra
diverse specie. Antropologia, infatti diventa una branca della
zoologia. Comunque, nella discussione diventa chiaro che l'
uomo differisce dagli animali almeno per un motivo importante : gli
umani sono assolutamente non selettivi nelle loro abitudini
di accoppiamento, e copulano con individui oltre la linea razziale,
con indivui che sono fisicamente assai differenti.

La differenza tra sette tipi di zanzara europea, per esempio puo'non
essere notevole. le loro uova possono essere distinte le
une dalle altre per leggere differenze, ma gli adulti sono cosi'
simili che nemmeno gli esperti possono distinguerli sotto un
microscopio. Quello che gli esperti non riescono a fare le zanzare
fanno, senza sbagliare; loro non si incrociano.

Il Dr. Baker riporta che, similmente la gazzella di Grant e di
Thompson vivono assieme, in branchi misti, e sono cosi' simili, in
apparenza che solo un occhio esperto le puo' distinguere. Anche loro,
pero' non si incrociano.Solo in cattivita' alcuni animali
selvatici possono superare la ripugnanza per l' accoppiamento con
razze diverse e produrre muli o leoponi (incroci tra tigri e
leopardi). I cani addomesticati si incrociano indiscriminatamente con
razze differenti, ma canidi selvatici come lupi, volpi e
coyote si accoppiano solo con membri della stessa razza.

L' uomo e' il piu' addomesticato tra gli animali, ed il meno esclusivo
nei suoi amori, ma la sua promiscuita' varia enormemente
tra i gruppi e gli individui. Come il Dr. Baker sottoline, il sistema
indiano delle caste ha, con successo prevenuto la
promiscuita' intrerrazziale addirittura tra individui razzialmente
simili. Allo stesso tempo ci sono individui la cui attrazione per
gli animali e' cosi' grande che la bestialita' fu specificatamente
proibita sin dai tempi biblici.
Le razze e sottorazze umane si sono evolute principalmente a causa
della separazione geografica, ma il Dr. Baker riferisce
anche di quelle che chiama le "razze ecologiche", che si evolvettero
per riempire nicchie differenti. La bassa statura dei pigmei
africani, per esempio, li rende adatti alla vita entro le foreste,
mentre i piu' alti negridi vivono nelle radure.

Se gli umani avessero continuato ad evolversi in isolamento, o se
avessero, come gli animali, effettuato distinzioni nella loro
scelta di accoppiamento, le differenze razziali avrebbero portato alla
creazione di specie mutualmente infertili.Questa sarebbe
una diversita' veramente rimarchevole.

L' inurbazione ed i viaggi portarono ad aumento la mescolanza
razziale, ma il Dr. Baker compie delle speculazioni su un' altra
possibile ragione. Il teschio dei nostri remoti antenati dimostra che
il loro organi olfattori erano molto piu' sviluppati dei nostri.
E' quindi probabile che l' uomo primitivo avesse un odorato piu' forte
dell' uomo moderno, e, dato che le abitudini sessuali dei
nostri antenati erano, probabilmente governate dall' olfatto, come in
tutti gli animali, questo scoraggiasse l' accoppiamento con
elementi non familiari. Perfino oggi le razze umane hanno differenti
odori.

Il Dr. Baker nota seccamente che, anche se l' uomo moderno e'
scrupoloso nel selezionare esclusivamente gli elementi
migliori nella riproduzione dei suoi animali domestici, quasi mai
rivolge la stessa attenzione nella riproduzione dei suoi figli.
"Come risultato", aggiunge, "noi non possiamo osservare alcun
progresso nell' avanzamento dell' intelligenza nei nuovi nati"

Razza e colore

Dr. Baker scrive a proposito del colore della pelle, ma solo perche'
la razza ed il colore sono, qualche volta confusi. Lui
stesso ritiene che il soggetto sia triviale, difatti, perfino all'
epoca di Darwin gli scienziati si erano resi conto che il colore non
ha importanza nella distinzione di forme biologiche. Il Dr. Baker
sottolinea che fare del colore la pietra di paragone per
distinguere le razze sia stupido come pensare che una rosa rossa sia
piu' strettamente relata ad una petunia rossa che ad una
rosa bianca.
Gli aborigeni australiani sono simili in colore ai boscimani, per
esempio, ma sarebbe difficile pensare a due gruppi razziali che
siano piu' differenti biologicamente. Similmente il Dr. Baker spiega
anche che alcuni abitanti dell' India settentrionale hanno
una pelle relativamente scura, ma, razzialmente sono molto vicini agli
europidi.
Il colore della pelle e' influenzato dal colore del sangue,ma la
ragione principale per le variazioni nel colore della pelle e' la
presenza di differenti quantita' del pigmento melanina. Tutti gli
umani producono la stessa melanina, ed hanno lo stesso
numero di melanociti, la differenza e' in quanta melanina viene
prodotta. Gli africani piu' scuri hanno una concentrazione
visibile di melanina perfino nel bianco degli occhi e nella lingua. La
melanina colora i capelli come la pelle, assieme ad una
sostanza leggermente differente, chiamata phaeomelanina, che causa il
capello rosso.

Il Dr. Baker spiega che gli occhi azzurri non sono causati da un
pigmento blu, ma dall' assenza di pigmento. Gli occhi
appaiono blu per la stessa ragione per cui una cima innevata puo'
apparire blu " : la luce visibile vi passa attraverso, ma solo
la frazione blu, a lunghezza d' onda minore viene riflessa e dispersa,
ed una parte viene riflessa in avanti verso l' osservatore.

La gente di pelle chiara e' probabilmente discendente da popolazioni
di pelle scura che migrarono dai tropici. La pelle degli
europei lascia passare una quantita' di luce solare tre volte e mezza
maggiore di quella degli africani, e i raggi ultravioletti
convertono l' ergosterolo del corpo nella vitamina D. Le persone di
pelle scura, la cui pelle e' adattata a latitudini assolate
potrebbero quindi divenire rachitici, a causa della deficienza di
vitamina D, se iniziassero a vivere in climi freddi.

La terza sezione di Race, in cui il Dr. Baker descrive le miriadi di
modi in cui le razze differscono le une dalle altre fisicamente
e' la piu' tecnica. Include una descrizione generale di chimica del
sangue, fisiologia e struttura scheletrica, con una speciale
enfasi sulle caratteristiche del cranio. Introduce concetti come
brachicefalia, pedomorfismo, e l' indice cranico.

E' utile, per il lettore avere qualche istruzione in fisiologia, ma
non e' necessario. Perfino il passaggio piu' classico puo'essere
compreso da un non specialista che abbia prestato attenzione alle
spiegazioni precedenti, ed il Dott. Baker ha inserito i
passaggi piu' difficili in caratteri piccoli come segnale per il
profano, che puo' cosi' saltarli senza problemi.

In questa sezione il Dr. Baker spiega perche' alcune razze mantengono
i tratti di remoti antenati, e la pedomorfia, la
ritenzione, da adulti dei caratteri infantili.

Per esempio, e' indisputabile che gli australidi siano piu' primitivi
delle altre razze. Come i pitecantropi, i loro denti e la
mascella inferiore sono sorprendentemente larghi, ed i loro teschi
sono spessi il doppio di quelli di ogni altra razza. La fronte
e' fortemente sfuggente, e le bozze palpebrali sono cosi' sviluppate
da ricordare il pitecantropo e le altre grosse scimmie. Il
cervello e' solo l' 85 percento del volume degli europidi, e la parte
posteriore ha delle pieghe lunate non reperibili in altre
razze umane, ma simili a quelle trovate negli orangutang. Similmente,
l' apertura nasale e' simile, in qualche aspetto, a quella
degli orangutang.

I pigmei mostrano egualmente prova di pedomorfia. I loro maschi di
piccole dimensioni sono spesso non piu' alti di 4'9", o
117 cm, ed e' la piu' ovvia caratteristica giovanile ritenuta dagli
adulti.I loro teschi sono notevolmente corti e massicci, come
quelli di infanti europidi, ed i loro occhi sono distanziati, come nei
neonati. La peluria facciale e del corpo e' sviluppata in
maniera molto debole,e ricorda i bambini. Tra i maschi lo scroto e'
come quello di un preadolescente : cosi' piccolo e teso
che sembrerebbe che solo un testicolo sia disceso.

Per i negridi, a parte il cervello, che e' alquanto piu' piccolo degli
europidi e nord asiatici il Dr. Baker non trova caratteristiche
che possano essere chiamate primitive o pedomorfe. i negridi
differiscono nella biochimica del sangue dalle altre razze, ed
hanno spalle piu' larghe e polpacci piu' sottili. Certe tribu', come
gli ottentotti, mostrano un estrema steatopigia, o glutei
allargati. in qualche caso il posteriore si estende orrizzontalmente,
come una mensola.

Francis Galton, che studio' gli ottentotti nel 1850 ed 1851 scrisse di
una di queste donne che fosse "spaventato da questo
sviluppo". Egli cerco' di misurare le sue dimensioni, ma non ebbe il
coraggio di farlo. Invece egli prese le misure tramite il suo
sestante ed egli disse "lavorai sul risultato di trigonometria e
logarimi".

Uguali o diseguali ?

Il prblema sul fatto che gli africani, in media siano o no uguali in
intelligenza ai bianchi e' importante sia negli Stati Uniti che in
Inghilterra. Il Dr. Baker, quindi, riserva uno spazio considerevole
alle considerazione della societa' del 19^ secolo sulle
societa' africane fino a quando vennero in contatto con stranieri,
dato che questo e' l' unico modo per sapere quanto queste
societa' fossero in grado di evolversi senza influenza esterna.

Ogni esploratore trovo' una notevole poverta' di sviluppo. Nessuna
societa' africana ha un linguaggio scritto od un calendario.
Nessuna uso' la ruota, pratico' la falegnameria, o costrui' edifici a
piu' piani. La fusione del ferro fu comune, ma nessun
africano negro costrui' qualcosa che possa essere definito un
apparecchio meccanico, nemmeno uno semplice come un
cardine. Gli africani non addomesticarono nessun animale da soli, ma
ricevettero cani e bestiame gia' addomesticati dal nord
del Sahara. Non usarono animali da soma, nonostante la presenza di
grandi mammiferi che avrebbero potuto essere
addomesticati.

Anche se le societa' africane sono oggi descritte come con una "ricca
tradizione storica orale", questo non significa storia
universale. Poche tribu' hanno membri che possano recitare le storie
dei loro re, la maggioranza e' completamente ignorante
del passato. La tribu' degli Ovaherero, per esempio, non tiene alcun
conto degli anni passati.

La schivitu' e la poligamia erano diffusi ovunque. Omicidi arbitrari
di schiavi da parte dei padroni, o di mogli dai mariti erano
comuni. Poche tribu' ancora mangiavano carne umana, anche se alcuni
membri avevano gia' rifiutato questa abitudine. Difatti,
alcuni indigeni costieri, vedendo gli schiavisti che distribuivano il
cibo ai selvaggi catturati, credevano che gli europei volessero
mangiarli.

Qualcuno ha immaginato che la ragione per cui gli africani mostrano
uno sviluppo tanto misero sia dovuta ai continui sforzi per
mantenersi in vita, troppo grandi per permettersi il lusso di un
progresso. Al contrario, missionari ed esploratori, come David
Livingstone trovarono che alcune parti del continente erano un vero
paradiso :

"Per chi ha provato la dura vita dei poveri nelle vecchie, civilizzate
nazioni lo stato in cui questi indigeni vivevano nei loro
villaggi era una vita facile e piacevole.... il cibo abbonda, e poco
lavoro era richiesto per la coltivazione, il suolo e' ricco e non
richiede concime.

Anche se il Dr. Baker non porto' avanti questa idea, egli suggeri' che
fu la vita facile in Africa ad impedire all' alta intelligenza
a divenire indispensabile per sopravvivere, come fu nei climi piu'
duri.

Nella sezione conclusiva di Race, il Dr. Baker tira l' unica
conclusione che i dati permettono : come differiscono nella loro
biologia, le razze differiscono nei tratti mentali. Non sono tutte
uguali in intelligenza o capacita' nel costruire civilta' civilizzate.

Il Dr. Baker rivede la letteratura sui test mentali e l' ereditarieta'
dell' intelligenza, e trova che questo non fa altro che
confermare le sue conclusioni.

Dopo aver esposto un interessante serie di criteri per le
civilizzazioni genuine trovo' che il primo popolo ad ottenerla furono
i
sumeri, nel quarto millennio avanti Cristo. Fisicamente e' probabile
che essi fossero piu simili agli attuali Curdi di ogni altro
popolo attuale. Anche gli europidi ed i sinidi crearono civilizzazioni
genuine, ma negridi ed australidi no.

Il Dr. Baker mette i Maya dell' America Centrale in una categoria a
parte. La loro astronomia e matematica erano
estremamente avanzate e ci fu un periodo in cui furono le piu'
avanzate del mondo. Costruirono grandi citta' ed
amministrarono grandi territori. Ma il Dr. Baker esita a chiamarle
civilizzazioni genuine, per diverse ragioni : non usarono ne'
ruota ne' unita' di misura di peso, il loro linguaggio scritto fu
scarsamente sviluppato e le loro religioni furono una massa di
superstizioni che erano spesso le basi per torture, sacrifici umani e
massacri.

Una montagna di prove.

Race e' realmente una montagna di prove, e tutte portano alla
conclusione che le razze differscono in abilita'. Ciononostante,
il Dr. Baker si attiene strettamente al ruolo di scienziato. Non tira
conclusioni e non da' indicazioni in materia di politica
sociale. Non ci sono dubbi che, in sua opinione l' ortodossia corrente
sia assurda, ma limita la sua interpretazione alla lettura
dei dati.

In questo campo, comunque, Race e'un lavoro magistrale, cui non puo'
essere fatta giustizia in una recensione. E'
probabilmente il piu' completo volume sul soggetto mai pubblicato, ed
e' sicuramente senza pari nel trattamento delle
differenze fisiche che distinguono le razze. Non e' un libro facile
(il Dr. Baker non parla a stupidi o dilettanti, ma in questi
tempi difficili e' un colpo di stupefacente buona fortuna che un uomo
di immensa cultura e capacita' possa avere scelto di
tenere un posizione sull' impopolare ma veritiero lato del "problema
etnico".
Roberto Rosoni
2004-02-08 23:32:07 UTC
Permalink
rc-***@libero.it, in data Sun, 08 Feb 2004 23:26:43 GMT, ha scritto in
"it.scienza" nel thread "Re: definiamo il razzismo":

[...]
Post by r***@libero.it
The Reality of Race by Thomas Jackson From American Renaissance
magazine November, 1993
[...]
Post by r***@libero.it
Traduzione di Romeo Caudan ottobre 2000
[...]
Post by r***@libero.it
Il dr. Baker, oggi deceduto,
Ohhh, almeno una cosa buona l'ho trovata...
--
Roberto Rosoni
<***@tisLOCKcali.it> (Remove the lock in your replies)

Sono un tollerante: l'unica cosa che non tollero è l'intolleranza.
Leonardo Serni
2004-02-09 08:36:37 UTC
Permalink
Post by r***@libero.it
civilizzazioni genuine, per diverse ragioni : non usarono ne'
ruota ne' unita' di misura di peso, il loro linguaggio scritto fu
scarsamente sviluppato e le loro religioni furono una massa di
superstizioni che erano spesso le basi per torture, sacrifici umani e
massacri.
Cosa c'entrano adesso i Celti...?

Leonardo
--
Nach doiligh domhsa mo chailin a mholadh
'S ni he amhain mar bhi si or
Bhi si mar gath greine a dhul in eadan na gloinne
Is bhi sceimh mhna na finne le mo cailin or
danilo
2004-02-09 19:21:28 UTC
Permalink
Post by r***@libero.it
Dato che i bianchi hanno anche un quoziente d'intelligenza
SUPERIORE ai negroidi, che hanno anche caratteri scimmieschi,
Che dici, stendiamo un velo di imbarazzato silenzio sulla straordinaria
pelosità facciale dei bianchi? :-)

Danilo

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
r***@libero.it
2004-02-11 23:55:18 UTC
Permalink
Post by danilo
Post by r***@libero.it
Dato che i bianchi hanno anche un quoziente d'intelligenza
SUPERIORE ai negroidi, che hanno anche caratteri scimmieschi,
Che dici, stendiamo un velo di imbarazzato silenzio sulla straordinaria
pelosita facciale dei bianchi? :-)
6 somaro
€rnesto
2004-02-10 00:22:49 UTC
Permalink
Post by r***@libero.it
Post by danilo
Beh, per parlare di razze in questo senso, dovresti prima dimostrare che i
tratti caratteriali o intellettuali sono determinati geneticamente, e non
culturalmente (e temo sia di gran lunga piu agevole dimostrare il
contrario).
a me sembra che le differenze su base razziale spieghino TUTTO E
Gli uomini non sono tutti uguali : vedete persone uguali in
circolazione ?
ahahahahahahahahahahahahahah!!!!!!!! Chissà che pensa questo pirla
delle... foglie! O dei fiumi? Vedete due fiumi uguali sul pianeta?
ahahahahahahahhahahhh!!!!!
Nessun uomo è uguale a un altro, neppure due gemelli omozigoti: ergo,
siamo sei miliardi ... di razze!!!!!!
ahahahahaahah!!!!! Spassoso.
Post by r***@libero.it
Dappertutto esistono persone diversissime per aspetto fisico,
intelligenza, resistenza alle malattie, tendenza alle piu' svariate
malattie eccetera.
Perche' dobbiamo credere ad una palese assurdita' come all'
uguaglianza di tutti gli esseri umani ?
I bianchi hanno costruito civilta'millenarie, creato capolavori di
architettura, arte e tecnologia.
aqhahahahahahahahahah!!!!!! L'ignorante nulla sa delle grandi civiltà
africane, nulla sa del fatto che è proprio l'Africa ad esseer la sua
culla e quella di tutti noi!!!!!

Il povero tapino ignora tutto delle grandi civiltà dell'Indo, o della
Cina, o dello Zimbawe, o degli antichi villaggi agricoli turechi, o
dei grandi Oltechi, e dei Maya, e degli Inca.... ignora tutto, il
taopino, sulla grande civiltà dei Sioux, degli Hopi e in fondo non sa
il misero che l'antico Egitto è sorto grazie a tribù sahariane, che i
Greci erano OLIVASTRI e non bianchi, che le radici semitiche della
nostra civiltà sono enormi, che la componente araba della civiltà è
immensa e che semmai sono proprio i popoli dalla pelle troppo chiara
ad aver dato scarso contributo alla civiltà umana: costretti a lottare
contro il freddo e la durezza della vita.
Post by r***@libero.it
Negri, indios, aborigeni e negroidi vari non hanno creato nulla, solo
capanne di fango e sterco, dove vivono come animali, sporchi, luridi,
pieni di croste e parassiti, accoppiandosi tra parenti, stuprando le
proprie figlie, bevendo sangue e mangiando i morti.
ahahahahahahahaah!!!! Il poverello nulla sa dei grandi FARAONI NERI,
nulla sa delle radici africane della grande civiltà egiszia, non sa il
poveretto che nel 1500 TIMBUCTU' aveva una università con decine di
facolt.
Lui certamente sarà OLIVASTRO di pelle, quindi è un COLOORATO come il
90% dell'umanità, ma è IGNORANTE, e come tutti gli ignoranti è un
presuntuoso, quello che in USA chiamano "conceited ass". Più ass che
conceited.
Post by r***@libero.it
Non e' piu' logico pensare che non ne fossero all' altezza, invece
delle vostre contorte teorie socio-cultural-psicologiche ?
Dato che i bianchi hanno anche un quoziente d'intelligenza
SUPERIORE ai negroidi, che hanno anche caratteri scimmieschi, mi
sembra che quella razziale sia una spiegazione perfettamente logica,
oggi, purtroppo boicottata dall' estabilishment
catto-umanistico-umanitario, pesantemente influenzato dall'
ideologia comunista e dal retaggio cristiano, terrorizzato dallo
spauracchio del nazi-razzismo-olocausto ed ammaestrato da una torma
di intellettuali tutti piu' o meno venduti al regime di turno.
ahahahahahahahahahhaahhaahahahahhahhahahahah entite questo derelitto
le stronzate che roiesce a inanellare in poche
righe!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Lui si crede BIANCO!!! Anzi si crede di "razza bianca"!!!!!
ahahahahha, sarà un inhuit? O un giapponese del nord? Uno yeti forse?
ahahahahahahahahahhhaahhah!!!!! Si crederà un bruto di radice celta?
Figlio di una virago vichinga dai capelli rossi? Ossia dei progenitori
di mezza Sicilia? O uno dei Mongoli invasori, degli Unni distruttori?
Certo non un figlio di Roma, la MULTIETNICA per eccellenza.
Avrà visto i dipinti minoici? Avrà notato le facce semitiche e
africane dei FARAONI?????
No, poverino, lui si crede.... più bianco del bianco! Avra la lue?
Divertente.
Post by r***@libero.it
Impugnate il rasoio di Occam, e fate a pezzetti le favolette
umanistiche dei cazzari venduti al regime !!
Col raosio di Occam, che non sai usare tapino, ti potresti tagliare i
pregidizia, ma temo siano profondaente radicati nel letame
dell'insipienza.
Post by r***@libero.it
Post by danilo
Comunque, se non hai voglia di informarti, puoi almeno notare il fatto che
l'esistenza delle razze umane e negata da tutti i genetisti,
argomentatamente, ed e invece affermata da Bossi e Caudan, a botte di ciarle
da bar.>Poi, vedi tu a chi credere...
Pfffffff...... le solite, trite e ritrite bugie dei mentekatti
falsari mitomani komunisti !!!
ahahahahaahah SEMBRA BERLUSCONIIII!!!!!!! Anzi, la caricatura di
Berlusconi!! oddio, che risate!!! ahahahahahhah!!!! ihihihih!!!!!

Certo vota Forza Italia!!!!!!

Usa le "k", i tapinotto! USA LE KAPPA!!!!! ahahahahaha!!!! Che
semplificato, che plagiato...!!!!!

Incredibile. Quasi quasi ha un po' di ragione: fa razza a parte (coi
magistrati mentecatti del piduista?)!

Uhiuhuhuhuhhuhhuh|!|||||||||||||||||

€





Cancellarsi il reato (falso in bilancio), cancellarsi le prove (rogatorie), cancellarsi i processi (lodo Schìfami):
queste le tre priorità della gang al governo.
r***@libero.it
2004-02-11 23:55:19 UTC
Permalink
Post by r***@libero.it
Perche' dobbiamo credere ad una palese assurdita' come all'
uguaglianza di tutti gli esseri umani ?
I bianchi hanno costruito civilta'millenarie, creato capolavori di
architettura, arte e tecnologia.
aqhahahahahahahahahah!!!!!! L'ignorante nulla sa delle grandi civilta
africane, nulla sa del fatto che e proprio l'Africa ad esseer la sua
culla e quella di tutti noi!!!!!
civilta' africana ?
dei selvaggi che non hanno inventato la ruota o la scrittura ?
Ecco le "civilta'" di Ernesto !
Il povero tapino ignora tutto delle grandi civilta dell'Indo, o della
Cina, o dello Zimbawe, o degli antichi villaggi agricoli turechi, o
dei grandi Oltechi, e dei Maya, e degli Inca.... ignora tutto, il
taopino, sulla grande civilta dei Sioux, degli Hopi e in fondo non sa
il misero che l'antico Egitto e sorto grazie a tribu sahariane, che i
di BIANCHI
http://www.stormfront.org/whitehistory/hwr8.htm
Greci erano OLIVASTRI e non bianchi, che le radici semitiche della
nostra civilta sono enormi,
purtroppo
che la componente araba della civilta e immensa
solite cazzate sullo zero o sulla polvere da sparo che
hanno rubacchiato agli indoeuropei
e che semmai sono proprio i popoli dalla pelle troppo chiara
ad aver dato scarso contributo alla civilta umana: costretti a lottare
contro il freddo e la durezza della vita.
ROTFL !!!!!!!
Tutta l' immensa cultura dei bianchi viene fatta sprofondare dal
cinematografaro di serie Z Ernesto Gastaldi !
Post by r***@libero.it
Negri, indios, aborigeni e negroidi vari non hanno creato nulla, solo
capanne di fango e sterco, dove vivono come animali, sporchi, luridi,
pieni di croste e parassiti, accoppiandosi tra parenti, stuprando le
proprie figlie, bevendo sangue e mangiando i morti.
ahahahahahahahaah!!!! Il poverello nulla sa dei grandi FARAONI NERI,
i faraoni neri ci furono, nella fase finale della civilta' egizia,
quando ormai tutti gli egizi si erano meticciati con gli schiavi
negri.
accadde lo stesso a Roma :
http://www.stormfront.org/whitehistory/hwr16.htm
http://www.stormfront.org/whitehistory/hwr19.htm
nulla sa delle radici africane della grande civilta egiszia, non sa il
poveretto che nel 1500 TIMBUCTU' aveva una universita con decine di
facolt.
probabilmente e' li' che ti sei laureato ! :o)
Lui certamente sara OLIVASTRO di pelle, quindi e un COLOORATO come il
bianco rosato.
Quando prendo il sole mi scotto anche facilmente.


http://members.odinsrage.com/prometheus/
€rnesto
2004-02-12 21:26:59 UTC
Permalink
Post by r***@libero.it
aqhahahahahahahahahah!!!!!! L'ignorante nulla sa delle grandi civilta
africane, nulla sa del fatto che e proprio l'Africa ad esseer la sua
culla e quella di tutti noi!!!!!
civilta' africana ?
dei selvaggi che non hanno inventato la ruota o la scrittura ?
Ecco le "civilta'" di Ernesto !
Poverino! Questo tapino crede che la scrittura l'abbiano inventata i
WASP! Chissà come ci resterà male quando scoprirà che l'nno inventata
popolazioni semitiche di un caldo color cuoio!!!!!!!!!!!!!!

E anche la ruota, il nostro ignorante olivastro di etnia mediterranea
e quindi SUPERMISTA, figlio dei grandi africani che colonizzarono il
Medio Oriente, l'Europa e l'Asia. Creando poi le Grande Civiltà
Antiche, dall'impero Ming ai grandi imperi indiani, al grande impero
del Basso e Alto Egitto, costruendo le impressionanti piramidi, non sa
tapino che essa apparve presso popolazioni COLORATE.
Post by r***@libero.it
Il povero tapino ignora tutto delle grandi civilta dell'Indo, o della
Cina, o dello Zimbawe, o degli antichi villaggi agricoli turechi, o
dei grandi Oltechi, e dei Maya, e degli Inca.... ignora tutto, il
taopino, sulla grande civilta dei Sioux, degli Hopi e in fondo non sa
il misero che l'antico Egitto e sorto grazie a tribu sahariane, che i
di BIANCHI
Greci erano OLIVASTRI e non bianchi, che le radici semitiche della
nostra civilta sono enormi,
purtroppo
La tua radice può aver prodotto un frutto marcio, ma è un caso
individuale. Noi tutti siamo molto fieri delle nostre grandi radici
umane comuni: africane prima, greco-romano-giudaiche poi.
Post by r***@libero.it
che la componente araba della civilta e immensa
solite cazzate sullo zero o sulla polvere da sparo che
hanno rubacchiato agli indoeuropei
Questo pirla non deve mi avere visitato l'Alhambra! E' probabile che
non sappia neppure il senso della parola "algoritmo", che l'algebra
sia materia a cui non è mai arrivato perchè in seconda media e negli
ultimi banchi si impara poco.
Post by r***@libero.it
e che semmai sono proprio i popoli dalla pelle troppo chiara
ad aver dato scarso contributo alla civilta umana: costretti a lottare
contro il freddo e la durezza della vita.
ROTFL !!!!!!!
Tutta l' immensa cultura dei bianchi viene fatta sprofondare dal
cinematografaro di serie Z Ernesto Gastaldi !
Bianchi?????????
Non ci sono "bianchi". In USA decisero che "bianchi" erano i WASP, i
nazisti si inventarono una razza bianca "ariana", Mussolini decise che
i nostri scurissimi siculi, sardi, calabresi, lucani, pugliesi,
abbruzzesi, romani, i semitici etruschi, i figli dei vandali, dei goti
e degli ostrogoti fossero UNA RAZZA PURA. Bian ca, naturalmente! Cos
che fece scompisciare Hitler che se vinceva meditava di sterminarci
tutti, olivastri bastardi come siamo! ;-))))
Post by r***@libero.it
Post by r***@libero.it
Negri, indios, aborigeni e negroidi vari non hanno creato nulla, solo
capanne di fango e sterco, dove vivono come animali, sporchi, luridi,
pieni di croste e parassiti, accoppiandosi tra parenti, stuprando le
proprie figlie, bevendo sangue e mangiando i morti.
ahahahahahahahaah!!!! Il poverello nulla sa dei grandi FARAONI NERI,
i faraoni neri ci furono, nella fase finale della civilta' egizia,
quando ormai tutti gli egizi si erano meticciati con gli schiavi
negri.
Ahahaah!! Cjhe ignorante! Se ti sente il grande imperatoe africano
Settimio Severo ti fa sbranare dai suoi leoni nel circo, come usava
allora!
Per non parlare del semitico Annibale Barca, grandissimo tunisimo...
;-)))
Post by r***@libero.it
nulla sa delle radici africane della grande civilta egiszia, non sa il
poveretto che nel 1500 TIMBUCTU' aveva una universita con decine di
facolt.
probabilmente e' li' che ti sei laureato ! :o)
MAcchè. Lo spolpamento del continente africano iniziato da barbari di
pelle un po' più chiara di quella delle vittime, che con orripilante
malvagità e bestialità, commisero un genocidio infame stivando uomini
e donne alti, muscolosi nerissimi e ben formati, per portarli a
lavorare nelle piantagioni americane, continuato poi con una
colonizzazione brutale e l'obbligo alle mocolture, depauperarono
quella che era stata la culla dell'Umanità.
La tragica inciviltà di queste popolazioni europee fecero quello che
nessuna nazione africana fece mai: una deportazione di massa.
Post by r***@libero.it
Lui certamente sara OLIVASTRO di pelle, quindi e un COLOORATO come il
bianco rosato.
Quando prendo il sole mi scotto anche facilmente.
O povero tapino! Appartieni alla razza delle talpe?
Non puoi godere dei meravigliosi raggi abbronzanti della nostra calda
stella?
Mi dispiace per te, sei un handicappato!

Io passo le estati alle Hawaii e mi godo il sole, il mare, le spiagge,
la natura tropicale e l'armonia e la cordialità degli abitanti di
quelle isole, stupendi eredi di etnie cinesi, giapponesi, polinesiane,
africane, europee e americane. Gente bellissima.

€
€rnesto
2004-02-13 15:33:49 UTC
Permalink
Post by r***@libero.it
I bianchi hanno costruito civilta'millenarie, creato capolavori di
architettura, arte e tecnologia.
Visitate la grande mostra di arte africana e non badate al tapino
caudan!
Ormai il grande obelisco di AXUM rubato agli Etiopi è imballato e sta
per tornare in patria, ma era davvero bello e grandioso, opera
raffinata di una grande civiltà

Se vi capita di fare un giro per il Sahara libico e algerino, andate
ad ammirare le pitture rupestri dei padri della nostra civiltà, che
dipingevano in modo stupefacente la fauna dell'epoca, le cerimonia
religiose diecimila e passa anni prima di Cristo, quando in Europa si
stavano appena sciogliendo i ghiacci della grande glaciazione di Wurms
lasciando lande moreniche disabitate.

Quei grandi popoli africani si rano già dati strutture civili, poi
all'avanzare del deserto, nel 3500 a.C. si spostarono sul Nilo e dando
origine alla stupefacente civiltà delle Piramidi, quella del Basso e
dell'Alto Egitto che arrivava ai popoli del moderno Sudan.

Il caudan lasciatelo a casa, poverino. Meglio che non sappia. Gli
verrebbe il magone.

;-))

€




Cancellarsi il reato (falso in bilancio), cancellarsi le prove (rogatorie), cancellarsi i processi (lodo Schìfami):
queste le tre priorità della gang al governo.
gp75it
2004-02-14 20:17:16 UTC
Permalink
bubu-settete!
Altro che scappare! Ho deciso di inseguirti, guarda un po'...
Peccato che danilo abbia tolto i x-post. Sputtanarti in mondovisione è più
soddisfacente :-)

<rc-***@libero.it> ha scritto nel messaggio news:***@powernews.libero.it...
[cut]
Post by r***@libero.it
a me sembra che le differenze su base razziale spieghino TUTTO E
Veramente mi è rimasto qualche dubbio sul Rinascimento... :-)

[cut]
Post by r***@libero.it
Dato che i bianchi hanno anche un quoziente d'intelligenza
SUPERIORE ai negroidi,
No, non è dato. E' un'altro dei tuoi argomenti lasciati a metà.
Coraggio, cerchiamo un po' di continuare...
1) perchè non usare direttamente il QI come elemento di discriminazione
invece di ricorrere a dei caratteri morfologici che nella migliore delle
ipotesi hanno una correlazione infima con esso?
2) come intendi usare il QI in senso discriminatorio? (per cosa
discriminare, quante soglie usare, ma soprattutto: _perchè_)

[tagliati svariati Kb di polverone inutile]

Giò

--
«Sol chi di gentil schiatta è membro degno
può con fatica posseder quel premio
a cui pervengon sol d'Ermete i figli
che ben sanno seguire i suoi consigli.»

Per risposte private leggere l'e-mail al contrario
For private replay read the e-address backward
danilo
2004-02-14 21:59:58 UTC
Permalink
Post by gp75it
Peccato che danilo abbia tolto i x-post. Sputtanarti in mondovisione è più
soddisfacente :-)
Cos'è che ho fatto??
Ma se non saprei togliere un x-post neanche se lo trovassi piantato nella
zampa di un leone...:)

Danilo

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
gp75it
2004-02-14 23:32:33 UTC
Permalink
Post by danilo
Post by gp75it
Peccato che danilo abbia tolto i x-post. Sputtanarti in mondovisione è più
soddisfacente :-)
Cos'è che ho fatto??
La tua risposta a Joe Panther è il primo messaggio inviato solo su
it.scienza, i precedenti sono inviati anche a it.politica e
italia.bologna.multietnica.
Può darsi che il programma che usi per i newsgroup lo faccia
automaitcamente. Non ho mai controllato, ma forse anche inviando messaggi ai
newsgroup attraverso Internet (google, mynewserver e altri siti simili) i
cross-post vengono tolti automaticamente...

Giò

--
«Sol chi di gentil schiatta è membro degno
può con fatica posseder quel premio
a cui pervengon sol d'Ermete i figli
che ben sanno seguire i suoi consigli.»

Per risposte private leggere l'e-mail al contrario
For private replay read the e-address backward
r***@libero.it
2004-02-17 23:15:49 UTC
Permalink
Post by gp75it
Altro che scappare! Ho deciso di inseguirti, guarda un po'...
Peccato che danilo abbia tolto i x-post. Sputtanarti in mondovisione e piu
soddisfacente :-)
nella tua fantasia malata, forse
Post by gp75it
Post by r***@libero.it
a me sembra che le differenze su base razziale spieghino TUTTO E
Veramente mi e rimasto qualche dubbio sul Rinascimento... :-)
solite frasi insulse
Post by gp75it
Post by r***@libero.it
Dato che i bianchi hanno anche un quoziente d'intelligenza
SUPERIORE ai negroidi,
No, non e dato. E' un'altro dei tuoi argomenti lasciati a meta.
sei solo un povero demente bugiardo

puoi leggere the G factor a questo indirizzo, invece delle tue
farneticanti tiritere counistoidi
http://www.webcom.com/zurcher/thegfactor/index.htm
Post by gp75it
Coraggio, cerchiamo un po' di continuare...
1) perche non usare direttamente il QI come elemento di discriminazione
invece di ricorrere a dei caratteri morfologici che nella migliore delle
ipotesi hanno una correlazione infima con esso?
non abbiamo nessun bisogno di discriminare la societa' in base all'
intelligenza, anche perche' le classi sociali rispecchiano gia', anche
se approssimativamente il livello intellettivo degli appartenenti.

Viceversa le societa' basate sulla discriminazione razziale hanno
dimostrato di funzionare BENISSIMO checche' ne dicano i mentecatti
sinistrati mentali come te.
Post by gp75it
2) come intendi usare il QI in senso discriminatorio? (per cosa
mandando a pulire i cessi i mentecatti cialtroni come te.
Post by gp75it
discriminare, quante soglie usare, ma soprattutto: _perche_)
il QI misura una capacita'.
Non e' quindi necessario discriminare la societa' basandosi sull'
intelligenza, basterebbe farlo basandosi sulle capacita', basando
quindi reddito e progresso sociale su basi meritocratiche, quello che
i mentecatti komunisti come NON VOGLIONO, per ovvi motivi.
Post by gp75it
[tagliati svariati Kb di polverone inutile]
taglia quello che ti fa comodo, tanto quello che non risponde sono io
:o)

--
Romeo Caudan
the #1 racist in the italian usenet
============================================
Tutti quelli che hanno cercato di contraddirmi sono finiti triturati e
ridotti in poltiglia : controlla con la Caudan Library, nel mio sito.

La dimostrazione e' che nessuno discute piu' con me, vengo boicottato
e "plonkato", semplicemente perche' anche i peggiori troll sinistorsi,
pur detestandomi hanno paura e mi evitano come una scarica di
lacrimogeni !

Eugenetica e razza. Solo per menti forti.
http://members.odinsrage.com/prometheus/

Perche' esistono stati piu' e meno ricchi ?
(presto sara' tradotto per intero)
http://www.rlynn.247e.info/

Integrita' razziale europea
http://www.legioneuropa.org/
(sito eccellente)

La biblioteca razziale di David Duke
http://www.duke.org/library/
gp75it
2004-02-24 08:30:11 UTC
Permalink
rc-***@libero.it <rc-***@libero.it> ha scritto:

[cut]
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
Veramente mi e rimasto qualche dubbio sul Rinascimento... :-)
solite frasi insulse
Allora non hai capito. Te lo rispiego.
Durante il Rinascimento, la "meticciata Italia" ha fatto decisamente meglio
della "pura Germania", dalla quale sarebbero arrivati i geni longobardi
necessari a risollevare le sorti dell'intelligenza media italiana. Come
giustifichi questo fatto all'interno della tua teoria?
Perchè, se non sei in grado di giustificarlo, tutto il tuo castello crolla
miseramente...
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
Post by r***@libero.it
Dato che i bianchi hanno anche un quoziente d'intelligenza
SUPERIORE ai negroidi,
No, non e dato. E' un'altro dei tuoi argomenti lasciati a meta.
sei solo un povero demente bugiardo
Sei tu il bugiardo. Hai lasciato a metà il thread in cui cercavi di sostenere
l'esistenza di quella correlazione. E' da due anni che aspetto...

[cut]
Post by r***@libero.it
http://www.webcom.com/zurcher/thegfactor/index.htm
(il link non funziona)

[cut]
Post by r***@libero.it
non abbiamo nessun bisogno di discriminare la societa' in base all'
intelligenza,
Allora, fammi capire. Giustifichi le discriminazioni in base alle differenze di
intelligenza, e poi mi dici che non hai bisogno dell'intelligenza per
discriminare?? o_O
Post by r***@libero.it
anche perche' le classi sociali rispecchiano gia', anche
se approssimativamente il livello intellettivo degli appartenenti.
No. Non l'hai dimostrato. Hai lasciato il thread a metà due anni fa.
Fino a quando non lo dimostrerai non ti servirà a niente ripeterlo
all'infinito. Non diventerà vero solo per questo.
Post by r***@libero.it
Viceversa le societa' basate sulla discriminazione razziale hanno
dimostrato di funzionare BENISSIMO
Non sono d'accordo. Le società senza discriminazione raziale (o altro)
funzionano molto meglio. Noi c.d. occidentali ne siamo l'esempio.

[cut]
Post by r***@libero.it
il QI misura una capacita'.
Già meglio... qualche passo avanti lo hai fatto (forse...).
Quale capacità misura il test del QI?
Post by r***@libero.it
Non e' quindi necessario discriminare la societa' basandosi sull'
intelligenza, basterebbe farlo basandosi sulle capacita',
Ok. Molto bene.
Per fare il medico devi dimostrare di esserne capace, e lo giudica chi medico
lo è già;
per progettare palazzi devi dimostrare di esserne in grado, il giudizio è
affidato a chi è già ingegnere/architetto;
e così via.
Le cosa stanno già così: dov'è il problema?
Post by r***@libero.it
basando
quindi reddito e progresso sociale su basi meritocratiche,
Un ingegnere, in media, guadaga più di un geometra. E' già così. Dov'è il
problema?

[cut]
Post by r***@libero.it
taglia quello che ti fa comodo, tanto quello che non risponde sono io
:o)
Non attacca. Non sei in grado di sostenere le *tue* tesi e pretendi che vada
dietro ai copia-incolla? A che pro? Per darti una mano a sollevare polverone?
Scordatelo.
Gli argomenti che hai lasciato a metà sono più che sufficienti a buttare a mare
la tua teoria, senza bisogno di andare a discutere delle tesi del Dr. Baker,
che non è qui a difenderle. E tu non sei certo alla sua altezza.

Giò

«Sol chi di gentil schiatta è membro degno
può con fatica posseder quel premio
a cui pervengon sol d'Ermete i figli
che ben sanno seguire i suoi consigli.»
--
«Sol chi di gentil schiatta è membro degno
può con fatica posseder quel premio
a cui pervengon sol d'Ermete i figli
che ben sanno seguire i suoi consigli.»

Per risposte private leggere l'e-mail al contrario
For private replays read the e-address
backword

Inviato da www.mynewsgate.net
r***@libero.it
2004-02-25 23:39:33 UTC
Permalink
On Tue, 24 Feb 2004 08:30:11 GMT, "gp75it"
Post by gp75it
Allora non hai capito. Te lo rispiego.
Durante il Rinascimento, la "meticciata Italia" ha fatto decisamente meglio
della "pura Germania", dalla quale sarebbero arrivati i geni longobardi
necessari a risollevare le sorti dell'intelligenza media italiana. Come
giustifichi questo fatto all'interno della tua teoria?
Perche, se non sei in grado di giustificarlo, tutto il tuo castello crolla
miseramente...
guarda che non devo giustificare un bel niente, del resto, le
popolazioni del nord Europa, passato il medioevo sono andate ben
avanti a quelle dell' Europa mediterranea.
Non capisco poi perche' il mio "castello" dovrebbe crollare se non
sapessi spiegare questo preteso paradosso....

caro il mio delirante mentecatto di sinistra, i mei sono DATI DI
FATTO, largamente confermati dalla storia delle civilta' e delle
culture e da tutti i test del Q.I comparati, svolti da ormai un
secolo.

So benissimo che per voi di sinistra e' dura farsene una ragione, del
resto essere di sinistra significa, piu' che altro essere affetti da
una vera MALATTIA MENTALE, un delirio paranoide che, puntualmente vi
porta ad ignorare la realta' ed i fatti significativi per sostituirli
con le vostre fantasie.

bastano i figli di coppie afroamericane che fatti crescere in ambienti
del tutto simili a quello dei loro coetanei bianchi, mantengono i loro
soli 15 punti di differenza con bianchi. (dico solo perche' i negri
africani, di differenza hanno 30 !)
Post by gp75it
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
Post by r***@libero.it
Dato che i bianchi hanno anche un quoziente d'intelligenza
SUPERIORE ai negroidi,
No, non e dato. E' un'altro dei tuoi argomenti lasciati a meta.
sei solo un povero demente bugiardo
leggiti the bell curve, o the g factor
Post by gp75it
Sei tu il bugiardo. Hai lasciato a meta il thread in cui cercavi di sostenere
l'esistenza di quella correlazione. E' da due anni che aspetto...
Post by r***@libero.it
http://www.webcom.com/zurcher/thegfactor/index.htm
(il link non funziona)
vattelo a comprare, o cercati un link valido, troll
Post by gp75it
Post by r***@libero.it
non abbiamo nessun bisogno di discriminare la societa' in base all'
intelligenza,
Allora, fammi capire. Giustifichi le discriminazioni in base alle differenze di
intelligenza, e poi mi dici che non hai bisogno dell'intelligenza per
discriminare?? o_O
altro tua farnticante polemica, basata, come al solito sui giochi di
parole
Post by gp75it
Post by r***@libero.it
anche perche' le classi sociali rispecchiano gia', anche
se approssimativamente il livello intellettivo degli appartenenti.
No. Non l'hai dimostrato. Hai lasciato il thread a meta due anni fa.
Fino a quando non lo dimostrerai non ti servira a niente ripeterlo
all'infinito. Non diventera vero solo per questo.
e' cosi', ma tu, demente, che credi che negri e bianchi abbiano un
intelligenza uguale puoi credere tutto
Post by gp75it
Post by r***@libero.it
Viceversa le societa' basate sulla discriminazione razziale hanno
dimostrato di funzionare BENISSIMO
Non sono d'accordo. Le societa senza discriminazione raziale (o altro)
funzionano molto meglio. Noi c.d. occidentali ne siamo l'esempio.
:o) tipici argomenti da sinistrato mentale.
Il Sudafrica ti dice niente ?
Post by gp75it
Non attacca. Non sei in grado di sostenere le *tue* tesi e pretendi che vada
dietro ai copia-incolla?
coglione, se non ti va bene gira al largo ! :oD
Post by gp75it
A che pro? Per darti una mano a sollevare polverone? >Scordatelo.
Gli argomenti che hai lasciato a meta sono piu che sufficienti a buttare a mare
la tua teoria, senza bisogno di andare a discutere delle tesi del Dr. Baker,
guarda che non e' una teoria, e le tue non sono argomentazioni, ma
pretesti per lunghe e snervanti polemiche
Post by gp75it
che non e qui a difenderle. E tu non sei certo alla sua altezza.
nemmeno tu, e naturalmente ti attacchi a cosa dico e non dico

Prova ad affermare qualcosa tu, per esempio, troppo comodo fare
critiche strumentali a quello che dicono gli altri:

Secondo te i negri sono intelligenti quanto i bianchi ?
A cosa e' dovuto l'enorme divario tra le nostre culture, secondo le
teorie di un arrogante dottorino in filosofia come te ?

http://members.odinsrage.com/prometheus/
€rnesto
2004-02-26 22:47:48 UTC
Permalink
Post by r***@libero.it
On Tue, 24 Feb 2004 08:30:11 GMT, "gp75it"
Post by gp75it
Allora non hai capito. Te lo rispiego.
Durante il Rinascimento, la "meticciata Italia" ha fatto decisamente meglio
della "pura Germania", dalla quale sarebbero arrivati i geni longobardi
necessari a risollevare le sorti dell'intelligenza media italiana. Come
giustifichi questo fatto all'interno della tua teoria?
Perche, se non sei in grado di giustificarlo, tutto il tuo castello crolla
miseramente...
guarda che non devo giustificare un bel niente, del resto, le
popolazioni del nord Europa, passato il medioevo sono andate ben
avanti a quelle dell' Europa mediterranea.
Non capisco poi perche' il mio "castello" dovrebbe crollare se non
sapessi spiegare questo preteso paradosso....
Dialoghi divertenti. Lo posso usare in una commedia?

Ovviamente l'umanità si è evoluta in Africa, la civiltà l'agricoltura,
le prime città sono state tutte cose prodotte da gente molto colorata
che viveva nella fascia della Mezzaluna, quando alcuni ultimi
pallidissimi neanderthaliani stavano agonizzando e pochè tribù di
CroMagnon avevano conquistato la Foresta Nera e le tundre del nord.

Perfino il duce disse agli inglesi che mentre noi meridionali creavano
il Diritto, loro si dipingevano ancor la faccia di blu e saltavano di
ramo in ramo...

Non per questo Shakespeare è inferiore a Dante (un poco sì, ma per
poetica!) e un esquimese è meglio di un egiziano!

€

"Non ci sarà un secondo fascismo, perchè quando si girano i sassi, sotto ci sono solo i vermi"- Mussolini
gp75it
2004-03-03 13:50:08 UTC
Permalink
<rc-***@libero.it> ha scritto nel messaggio news:***@powernews.libero.it...
[cut]
Post by r***@libero.it
guarda che non devo giustificare un bel niente,
Basta che poi non ti lamenti quando la gente non ti da retta.
Post by r***@libero.it
del resto, le
popolazioni del nord Europa, passato il medioevo sono andate ben
avanti a quelle dell' Europa mediterranea.
Ti ho già spiegato che quello che è successo *dopo* non ti serve a nulla.
*Durante* il rinascimento l'Italia era più avanti della Germania. Questo è
un fatto che non si accorda con la tua teoria della determinazione genetica
della civiltà. (e ce ne sono molti altri).
Post by r***@libero.it
Non capisco poi perche' il mio "castello" dovrebbe crollare se non
sapessi spiegare questo preteso paradosso....
Perchè se una teoria è in disaccordo con i fatti, crolla. Mi sembra palese.

[cut]
Post by r***@libero.it
bastano i figli di coppie afroamericane che fatti crescere in ambienti
del tutto simili a quello dei loro coetanei bianchi, mantengono i loro
soli 15 punti di differenza con bianchi. (dico solo perche' i negri
africani, di differenza hanno 30 !)
Ecco, guarda un po': gli africani fanno trenta punti di differenza.
Se togli *una parte* di ambiente, confrontando afroamericani e bianchi
americani, la differenza di QI si riduce della metà.
Non ti sembra un'osservazione a favore dell'influenza ambientale sull'esito
del QI?

[cut]
Post by r***@libero.it
leggiti the bell curve, o the g factor
Per "the bell curve" vale il link che ti ho già postato.
Per "The g-factor" ho trovato questo.
http://psycprints.ecs.soton.ac.uk/archive/00000683/
Ma in ogni caso non è un testo che aiuta molto le tue teorie...

[cut]
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
Post by r***@libero.it
http://www.webcom.com/zurcher/thegfactor/index.htm
(il link non funziona)
vattelo a comprare, o cercati un link valido, troll
Guarda che non è colpa mia se non si apre... ad ogni modo mi sono
arrangiato, e ho trovato da me informazioni su quel testo. Ma che non
diventi un'abitudine!

[cut]
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
Allora, fammi capire. Giustifichi le discriminazioni in base alle differenze di
intelligenza, e poi mi dici che non hai bisogno dell'intelligenza per
discriminare?? o_O
altro tua farnticante polemica, basata, come al solito sui giochi di
parole
Direi piuttosto un altro vicolo cieco da cui non sei in grado di uscire.

[cut]
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
Non sono d'accordo. Le societa senza discriminazione raziale (o altro)
funzionano molto meglio. Noi c.d. occidentali ne siamo l'esempio.
[cut]
Post by r***@libero.it
Il Sudafrica ti dice niente ?
Ammesso e non concesso che in Sudafrica stessero meglio prima di adesso, un
solo esempio in cui un *brusco* cambiamento nell'organizzazione sociale ha
avuto effetti negativi (che potrebbero benissimo essere transitori) non ti
servirà a negare il fatto che le nazioni più evolute del pianeta siano tutte
multietniche e prive di leggi raziali e/o sessiste (anche se qualche sacca
di razzismo, di fatto, ogni tanto salta fuori).
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
Non attacca. Non sei in grado di sostenere le *tue* tesi e pretendi che vada
dietro ai copia-incolla?
coglione, se non ti va bene gira al largo ! :oD
Non essere impaziente... arriveremo anche lì. Non prima del 2030 se continui
così, ma ci arriveremo...

[cut]
Post by r***@libero.it
Secondo te i negri sono intelligenti quanto i bianchi ?
Secondo me questa domanda non ha senso perchè l'intelligenza non è correlata
alla c.d. razza.
Post by r***@libero.it
A cosa e' dovuto l'enorme divario tra le nostre culture,
Ci sono tantissimi fattori che concorrono a determinare il successo o meno
di una civiltà, non si può ridurre il tutto a un unico elemento come
vorresti tu. Inoltre nessuno di questi fattori, preso singolarmente, è
sufficiente o indispensabile.
Sicuramente importanti sono la presenza di vie di comunicazione (Nilo, Tigri
ed Eufrate, Gange, Mediterraneo, Rio della Amazoni, Grandi fiumi cinesi...)
e di un ambiente sufficientemente fertile/pescoso da consentire di produrre
cibo a sufficienza senza impegnare tutti nella sua produzione. E anche la
stanzialità è importante, perchè se ci si deve spostare spesso non ci si può
permettere di sviluppare ingombranti e pesanti tecnologie.
Il caso, inoltre, gioca il suo ruolo. Molti popoli (soprattutto quelli
nordici che tu ritieni superiori) sono rimasti pesantemente penalizzati dal
fatto di avere considerato la scrittura una cosa sacra, da usarsi solo a
scopo magico e rituale.
Ma è prematuro incamminarci su questa strada fino a quando non sarai
convinto che la c.d. razza non gioca nessun ruolo nello sviluppo delle
civiltà, se non come pretesto per guerre, schiavitù o quant'altro. Sei
ancora troppo pieno di pregiudizi e vittima di te stesso per poter
affrontare con razionalità un argomento così complesso.

Giò

--
«Sol chi di gentil schiatta è membro degno
può con fatica posseder quel premio
a cui pervengon sol d'Ermete i figli
che ben sanno seguire i suoi consigli.»

Per risposte private leggere l'e-mail al contrario
For private replay read the e-address backward

€rnesto
2004-02-08 18:58:32 UTC
Permalink
Post by Joe Panther
Post by €rnesto
Post by r***@libero.it
il problema e' appunto correlare razza e QI, ancora una volta parli a
vuoto
No: il problema è correlare i QI con la razza di ignoranti pari tuo.
e
"NON ESISTONO RAZZE UMANE"
Cavalli-Sforza.
i cani sono diversi da noi nella riproduzione? mi sembra di no, eppure
perchè esistono le RAZZE di cani? perche tutti sanno che un maltese
non sarà mai aggressivo quanto un pitbull? Risp: perchè tutti sanno
che per arrivare al maltese sono stati selezionati sempre i cani più
mansueti che hanno trasmesso e impresso questo carattere a tutta la
discendenza, ora non è plausibile che a livello inconsio o conscio le
femmine di alcune popolazioni umane abbiano operato una selezione sui
partner e quindi sui figli?
L'ignoranza è una brutta bestia. Ma se uno è interessato a queste
questioni, ed è bello esserlo, perchè non legge qaulche testo di
genetica???????

Così non farebbe domande sciocche: le razze si forma con l'ISOLAMENTO
GENETICO. Così facciamo con gli animali e le piante (ora anche con la
manipolazione genetica).

Ci sono etnie umane ma non razze: ossia la diversità che si
riscontrate fra fratelli di qualunque etnia può essere superiore a
quella che c'è tra un congolese e un finlandese.

Se si scoprisse uan popolazione umana che fosse geneticamente rimasta
isoltata per almeno due mila generazioni, allora forse ci sarebbe una
RAZZA diversa da quella che chiamiamo RAZZA UMANA.

Ma ormai non c'è più speranza di incontrare una simile situazione di
isolamento. Ergo: una sola razza.

Esaminando il DNA di una persona sconosciuta nessuno può stabilire se
avesse la pelle bianca o nera. Se esamin invece centinaia di DNA di
uan popolazione ti accorgi che statisticamente alcuni tratti di DNA
sono più comuni in un posto che non in un altro.

Quindi, o milioni di rzze, o una sola. Ad linitud, diventa questione
semantica.

€

I prezzi aumentano per colpa dell'euro? Come a dire che gli inglesi passando dalle yarde
ai metri vedranno AUMENTARE LE DISTANZE!
Joe Panther
2004-02-18 16:39:44 UTC
Permalink
Post by €rnesto
Se si scoprisse uan popolazione umana che fosse geneticamente rimasta
isoltata per almeno due mila generazioni, allora forse ci sarebbe una
RAZZA diversa da quella che chiamiamo RAZZA UMANA.
Ma ormai non c'è più speranza di incontrare una simile situazione di
isolamento. Ergo: una sola razza.
La tua risposta presuppone un continuo scambio genetico tra i popoli e
avvalla implicitamente le seguenti affermazioni: se si applicasse un
protezionismo genetico, se per assurdo Hitler avesse vinto la guerra e
perseguito, lui e i suoi successori, la riproduzione forzata tra
individui geneticamente simili (leggi "isolamento genetico",
"selezione"), non si sarebbe giunti (alla lunga) a una nuova razza,
con una serie di caratteristiche psicofisiche standard, diversa da
quella in continua ibridazione nel "mondo esterno"?
IMHO la teoria di Hitler e dei suoi discepoli non era campata in aria,
sicuramente è un orrore perchè necessita lo scavalcare le singole
volontà e i diritti civili, ma è comunque possibile realizzare una
"razza superiore", dove superiore significa che la maggioranza dei
suoi individui ha una dotazione standard di ben precisi tratti
psicofisici.
Andre@
2004-02-19 11:46:56 UTC
Permalink
Post by Joe Panther
"razza superiore", dove superiore significa che la maggioranza dei
suoi individui ha una dotazione standard di ben precisi tratti
psicofisici.
In realta' se il bacino genetico non e' sufficientemente largo
tendono a insorgere problemi perche' nel tempo si rinforzano
anche le "tare" genetiche.
Piu' e' lungo il tempo di "isolamento" e piu' e' forte la "selezione"
e maggiore deve essere il bacino genetico.
Il discorso che fai non e' "scientificamente" impossibile. Molte razze
canine sono state selezionate con metodi simili.
A questo proposito faccio notare che i cani di razza solitamente
sono molto piu' "delicati" dei cosiddetti "bastardi". Quindi sarebbe
possibile selezionare delle persone in modo che appaiano piu'
rispondenti a certi canoni estetici.... pero' sarebbero piu' soggetti
a malattie e delicati di salute .... insomma difficile definirli
"superiori".

Andrea Z.
danilo
2004-02-20 12:45:10 UTC
Permalink
Post by Joe Panther
La tua risposta presuppone un continuo scambio genetico tra i popoli e
avvalla implicitamente le seguenti affermazioni: se si applicasse un
protezionismo genetico, se per assurdo Hitler avesse vinto la guerra e
perseguito, lui e i suoi successori, la riproduzione forzata tra
individui geneticamente simili (leggi "isolamento genetico",
"selezione"), non si sarebbe giunti (alla lunga) a una nuova razza,
con una serie di caratteristiche psicofisiche standard, diversa da
quella in continua ibridazione nel "mondo esterno"?
Se isoli riproduttivamente una popolazione dal resto della specie,
ovviamente questa verrà a differire, non fosse altro che per deriva
genetica.
Ma è il caso di notare che i tedeschi non sono geneticamente più simili fra
loro di quanto lo siano coi baschi o con i greci. Quindi, isolando
riproduttivamente i "tedeschi" in funzione di un paio di caratteri più
frequenti fra loro che in altri popoli, tipo occhi azzurri, non otterresti
altro che una popolazione omogenea per questi caratteri, e disomogenea per
tutti gli altri.
Se tu invece volessi una razza "con caratteristiche psicofisiche standard",
e ammesso che le caratteristiche psichiche siano detrminate dal dna,
dovresti cercare di ottenere degli omozigoti per tutti gli alleli, il che
significa partire da un campione _molto_ ristretto di riproduttori. Il
novanta per cento dei cavalli purosangue deriva da tre antenati maschi, ad
esempio (cito a memoria da un articolo de Le scienze).
Post by Joe Panther
IMHO la teoria di Hitler e dei suoi discepoli non era campata in aria,
sicuramente è un orrore perchè necessita lo scavalcare le singole
volontà e i diritti civili, ma è comunque possibile realizzare una
"razza superiore", dove superiore significa che la maggioranza dei
suoi individui ha una dotazione standard di ben precisi tratti
psicofisici.
No, c'è un errore. Ed è quello di considerare pochi alleli più frequenti in
una determinata popolazione come criterio attendibile per inferire tutta una
gamma di altre caratteristiche. Non c'è nessuna correlazione fra l'essere
biondi e l'essere guerrieri, o fra l'avere gli occhi azzurri e l'essere
aitanti.
Hitler avrebbe potuto selezionare una razza di esseri umani con particolari
caratteristiche se avesse selezionato _quelle_ caratteristiche, e non altre
che lui pensava essere con quelle correlate, e solo ammettendo che cose come
la superiorità intellettuale siano geneticamente determinate (il che molto
probabilmente non è), oppure una razza con caratteristiche standard, ma
casuali, partendo da un numero ristrettissimo di riproduttori.

Danilo

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
r***@libero.it
2004-02-07 19:15:47 UTC
Permalink
Post by €rnesto
"NON ESISTONO RAZZE UMANE"
Cavalli-Sforza.
Muahahahahah !!!!

ecco Ernesto Banana, il piu' ridicolizzato troll pseudoscientifico
della usenet italiana venire alla carica con il suo pseudoargomento
preferito : le pseudo conclusioni ai libri di Cavalli-Sforza !
Peccato che un paio di giorni prima, parlando con il suo degno compare
Verolini avesse dichiarato di considerare _SPAZZATURA_ questo genere
di teorie.
Mah ! a voi il giudizio

http://members.odinsrage.com/prometheus/




From: ***@libero.it (?rnesto)
Newsgroups: it.scienza.biologia,it.scienza
Subject: Re: Essere scimpanze' al 98%
Message-ID: <***@news.libero.it>
References: <***@4ax.com>
<***@news.libero.it>
<***@4ax.com>
X-Newsreader: Forte Free Agent 1.11/32.235
Lines: 43
Date: Mon, 02 Feb 2004 17:28:26 GMT
NNTP-Posting-Host: 151.24.192.98
X-Complaints-To: ***@libero.it
X-Trace: twister2.libero.it 1075742906 151.24.192.98 (Mon, 02 Feb 2004
18:28:26 MET)
NNTP-Posting-Date: Mon, 02 Feb 2004 18:28:26 MET
Organization: [Infostrada]
Xref: cyclone2.libero.it it.scienza.biologia:19578 it.scienza:46898
X-Received-Date: Mon, 02 Feb 2004 18:28:27 MET (twister1.libero.it)
Post by €rnesto
Caro Veroby, penso che tu abbia assolutamente ragione. Dire che
le basi sono identiche mediamente al 25% non significa nulla,
perche una base da sola non codifica nulla.
Sarebbe come dire che due programmi per computer presi a caso
sono mediamente uguali al 50% perche, controntandoli bit a bit,
in ogni posizione ci puo essere solo 1 o 0 e quindi c'e il 50% di
probabilita che coincidano.
Bella questa... :-)
In sintesi: RUBBISH, monnezza scritta al solo scopo di dimostrare
una tesi preconcetta. Tale e la mia opinione :-)
Si, e spazzatura.

Ovviamente il "messaggio" sono le proteine che vengono formate da
catene di aminoacidi, ognuno dei quali e comandato da una tripletta di
basi. Quel che conta e la catena, basta a volte un solo amino acido
"sbagliato" per dividere vita da morte.

Poiche la vita sulla Terra sembra proprio essere una, ovvio che i geni
che codificano per le proteine di base, per le simmetrie di base
eccetera siano uguali anche tra uomini e animali molto primitivi.

Inoltre il COME l'evoluzione abbia evoluto e ancora un punto
interrogativo. A volte certi geni "primitivi" scompaiono per una
miliardata di anni e poi ri-saltano fuori in nuovi viventi.

Noi e gli scimpanze, specie i bonobo, siamo cugini strettissimi.

?



I prezzi aumentano per colpa dell'euro? Come a dire che gli inglesi
passando dalle yarde
ai metri vedranno AUMENTARE LE DISTANZE!
€rnesto
2004-02-08 18:58:35 UTC
Permalink
Post by r***@libero.it
Post by €rnesto
"NON ESISTONO RAZZE UMANE"
Cavalli-Sforza.
Muahahahahah !!!!
Il grugnito di questo poverello fa una grande pena.
Post by r***@libero.it
ecco Ernesto Banana, il piu' ridicolizzato troll pseudoscientifico
della usenet italiana venire alla carica con il suo pseudoargomento
preferito : le pseudo conclusioni ai libri di Cavalli-Sforza !
Chissà perchè usurpa il titolo di SILVIO BANANA come nel mondo è
conosciuto Berlusconi Silvio. Ma non ha importanza.
Post by r***@libero.it
Peccato che un paio di giorni prima, parlando con il suo degno compare
Verolini avesse dichiarato di considerare _SPAZZATURA_ questo genere
di teorie.
Mah ! a voi il giudizio
Questo tapino confonde i post, le risposte e tutto quanto. Non credo
sia colpa sua. Io infatti scrivevo, parlkando di evoluzione:
-----------------------------------------------------------------------
Ovviamente il "messaggio" sono le proteine che vengono formate da
catene di aminoacidi, ognuno dei quali e comandato da una tripletta di
basi. Quel che conta è la catena, basta a volte un solo amino acido
"sbagliato" per dividere vita da morte.

Poichè la vita sulla Terra sembra proprio essere una, ovvio che i geni
che codificano per le proteine di base, per le simmetrie di base
eccetera siano uguali anche tra uomini e animali molto primitivi.

Inoltre il COME l'evoluzione abbia evoluto e ancora un punto
interrogativo. A volte certi geni "primitivi" scompaiono per una
miliardata di anni e poi ri-saltano fuori in nuovi viventi.

Noi e gli scimpanze, specie i bonobo, siamo cugini strettissimi.
-----------------------------------------------------------------------

Per quanto riguarda Cavalli Sforza è meglio dare la parola diettamente
allo scienziato:
----
pag. 188 di CHI SIAMO ed. Oscar Mondadori:

"Le diferenze tra le 'razze'sono quindi assai limitate e QUANTITATIVE
più che QUALITATIVE. (cut)

Viste in quest'ottica le grandi tragedie e le crueltà causate nel
mondo dalla 'dievrsità razziale' sono, usando le parole di Macbeth,
UNA STORIA RCCONATTA DA UN 'IDIOTA, PIENA DI VOCIARE E DI FURIA, CHE
NON SIGNIFICA NULLA".
-----------
Mi paiono parole perfette per questo tapino che si firma con la
coda... ;-))

€
gp75it
2004-02-08 15:30:43 UTC
Permalink
Tagliando per pietà tutte o quasi le non-risposte, ovvero gli insulti (ti
vedo un po' alterato... qualcosa non va?), che seguono le mie considerazioni
orfane di commento, restano 21 striminzite righette a cui rispondere:

<rc-***@libero.it> ha scritto nel messaggio news:***@powernews.libero.it...
[cut]
Post by r***@libero.it
"caratteri comuni" significa appunto correlati.
Stai scherzando, vero?

[cut]
Post by r***@libero.it
il problema e' appunto correlare razza e QI, [insulto tagliato per pietà]
Guarda che stai tornando indietro, e con me non funziona.
Ricapitolando: perchè ti serve correlare razza e QI?
Mi hai risposto dicendo che "è auspicabile che una persona stupida non
voti", quindi, il parametro che ti interessa è la stupidità (1/QI ?), non la
razza. La razza ti serve solo per valutare, attraverso una correlazione, il
QI; ma allora perchè non usare direttamente il QI? (Attendo risposta...)
Da cui la mia domanda:
qual'è il QI minimo per votare? Con quali parametri lo stabilisci?
...su, forza, non scappare... rispondi...

[cut]
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
Cosa c'entra la Germania? Hai parlato del Rinascimento italiano dicendo che
era il luogo di origine dei Longobardi, [cut]!
e allora? Stavamo parlando del Rinascimento Italiano come esempio di
ibridazione positiva. Non scappare in Germania... non attacca...

[cut]
Post by r***@libero.it
i germanici puri, usciti dal medioevo hanno creato nazioni ben piu'
ricche e progredite dell' Italia, CVD.
Non scappare ancora! Stavamo parlando di Rinascimento Italiano. Il dopo &
altrove non c'entra.
Durante il periodo rinascimentale la "meticciata Italia" aveva il monopolio
dello sviluppo culturale, alla faccia delle "pura Germania".
Questo è un esempio di meticciamento che ha portato vantaggi. Aspetto
chiarimenti.

[cut]
Post by r***@libero.it
voi sinistrati,
chi ti ha detto che sono di sinistra? (e due)

[cut]
Post by r***@libero.it
"non so ribattere" : sei chiaramente di formazione culturale
umanistica,
Sbagliato! Non c'è niente di umanistico nella mia formazione (non hai
riletto il thread che ti ho postato sul QI, rileggitelo per favore).
Se questa discussione ha un taglio scarsamente scientifico è per demerito
tuo, che continui a girare in tondo. Io ci provo, ma ogni volta che ti
faccio notare una contraddizione o un disaccordo tra la tua teoria e la
realtà (Galieo docet, alla faccia della cultura umanistica) raccolgo solo
insulti e dietro-front.
Cerca di impegnarti di più.

[cut]
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
Il problema qui e stabilire se e quando questi meticciamenti
indeboliscono o
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
rinforzano...
solo un idiota potrebbe porsi un problema del genere.....
Guarda che l'effetto di indebolimento o di rafforzamento della razza
attraverso i meticciamenti è uno dei pilastri della tua teoria.
Quindi, casomai, è incredibilmente idiota da parte tua _non_ porti questo
problema.
Post by r***@libero.it
la carta della poverta' e' sovrapponibile alla carta
della popolazione di colore.
Definisci "popolazioni di colore".
(per venirti incontro te lo dico nel modo più esplicito possibile: ho
annusato un'altro ragionamento circolare nella tua teoria. Attento a come
rispondi.)
Post by r***@libero.it
Ed e' singolare che i negri, in ogni societa', puntualmente occupano
lo strato sociale piu' basso.
...ehm... il presidente delle Nazioni Unite non mi sembra esattamente
"nordico"... ma tutto si chiarirà quando definirai "popolazioni di colore"
(o no?).

[cut]
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
1) La contraddizione interna di una teoria e sufficiente a invalidarla
?? questa famosa "contraddizione" esiste solo nella tua mente malata
io posso soltanto continuare a sbattertele sulla faccia le tue
contraddizioni. Se non _vuoi_ vederle, è affar tuo; solo non lamentarti, e
non farti strane idee, se la maggior parte delle persone non discute più con
te e non ti da retta.
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
2) Evidenziare le incongruenze e entrare nel merito
NO
Invece sì, in conseguenza del punto 1.
Una teoria scientifica deve essere priva di contraddizioni interne (mi sa
tanto che la "cultura" umanistica è la tua...).
Se una teoria è in contraddizione con sè stessa è buona solo per il cestino
dei rifiuti, quindi è inutile che cerchi di sminuire l'importanza dei miei
argomenti e di girare in tondo. Con me questo sistema non funziona perchè
non ti vengo dietro: ti riporto al punto dove hai fatto dietro-front e ti
risbatto in faccia la domanda, come ho fatto sopra.

[cut]
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
4) Non ti sei neanche accorto degli argomenti da me esposti, o li hai
addirittura tagliati ignorandoli...
e quali sarebbero ? :o)
- il vecchio thread che ti ho postato, ovvero la presunta correlazione tra
razza, intelligenza ed esito del test del QI (sto ancora aspettando
risposte)
- usare direttamente il QI come parametro discriminatorio al posto della
razza, e giustificare questa discriminazione (che stai lagomorficamente
schivando)
- la presenza di meticciamenti sia in civiltà in evoluzione che in declino
(confermato dai tuoi stessi esempi, che rimangi e riproponi a seconda di
come ti fa comodo).
- il problema di determinare l'effetto di un fenomeno di meticciamento a
priori, non a posteriori guardando cosa è successo dopo (che sarebbe poi il
problema che tu consideri idiota porsi).
- il problema del Rinascimento Italiano, che è un meticciamento che ha dato
risultati positivi (mi ripeti sotto che non ci sono meticciamenti che danno
risultati positivi, sopra che il Rinascimento è dovuto ai meticciamenti, e
quando cerco di affrontare l'argomento scappi nella Germania di 5 secoli
dopo. Ti sei messo in un bel casino. E hai fatto tutto da solo.)
...infine un altro argomento uscito proprio da questo post: la relazione tra
povertà e le non meglio definite "popolazioni di colore".

[cut]
Post by r***@libero.it
i meticciamenti hanno SEMPRE come conseguenza la decadenza della
civilta' superiore
Sicchè insisti. Insisto anch'io: il Rinascimento Italiano come lo
giustifichi allora?
Vuoi deciderti a rispondere una buona volta o non sai fare altro che girare
in tondo per poi lamentarti che la discussione langue?

[cut]
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
Post by r***@libero.it
Post by r***@libero.it
le mescolanze razziali hanno sempre avuto effetti funesti.
citami un caso contrario.
e non l' hai fatto
l'hai fatto tu per me... il Rinascimento Italiano e il Sud America.
te lo devo ripetere ancora quante volte prima che afferri il concetto?
...mi hai anche quotato.
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
Post by r***@libero.it
Tu stesso mi hai postato piu sopra due esempi di meticciamenti positivi
(Sud>> >America e Rinascimento italiano)!
[cut]
Post by r***@libero.it
Post by gp75it
Post by r***@libero.it
Che quelle inferiori potessero essere migliorate e' un fatto poco
rilevante.
Anche il Rinascimento e poco rilevante?
tipica frase fuori dal contesto
non ci arrivi proprio, vero?

[cut]
Post by r***@libero.it
la fuga la fai tu, insomma
E dove dovrei andare? Sono qui che aspetto le tue risposte, anche quelle del
thread di 2 anni fa sul QI.
Il problema però, a quanto pare, è che non hai neppure capito le domande.
A questo punto non so più se fingi o se sei veramente così ottuso.
"Men stumble over the truth from time to time but most pick themselves up
and hurry off as if nothing happened." W. Churchill

Giò

--
«Sol chi di gentil schiatta è membro degno
può con fatica posseder quel premio
a cui pervengon sol d'Ermete i figli
che ben sanno seguire i suoi consigli.»

Per risposte private leggere l'e-mail al contrario
For private replay read the e-address backward
€rnesto
2004-02-10 00:22:50 UTC
Permalink
Post by gp75it
Guarda che stai tornando indietro, e con me non funziona.
Ricapitolando: perchè ti serve correlare razza e QI?
Mi hai risposto dicendo che "è auspicabile che una persona stupida non
voti",
No,no! Io sono perchè il caudato continui a votare!

€


Cancellarsi il reato (falso in bilancio), cancellarsi le prove (rogatorie), cancellarsi i processi (lodo Schìfami):
queste le tre priorità della gang al governo.
erOn
2004-01-10 17:19:40 UTC
Permalink
Non mi sembra azzardato affermare che il razzismo è un fenomeno tutto
socio-culturale che mistifica concetti pseudo-scientifici mutuati in
modo sovente ideologico (quindi arbitrario), dalla biologia e dalla
genetica.


Se il razzismo è, come è, un'ideologia priva di fondamento scientifico
pare implausibile contrapporvi un'ideologia antirazzista altrettanto
infondata scientificamente in quanto basata su un improbabile ideale
di eguaglianza.

La constatazione di una differenza non è razzismo, è solo la
constatazione di una differenza.
Valorizzare una differenza a nostro vantaggio non è ancora la prova
sufficiente di una mentalità razzista... non si diventa esattamente
razzisti, infine, se non per l'utilizzazione della differenza contro
gli altri al fine di trarre profitto da questa stigmatizzazione.
E qui il termine profitto è inteso in senso più amplio e non
strettamente economico.

Io credo, se vogliamo, che potremmo parlare di qualcosa di più
scientifico e fondato (ovvero culturalmente provato):

La Xenofobia.




On Fri, 02 Jan 2004 22:che mistifica concetti pseudo37:34 GMT,
Post by r***@libero.it
Gianantonio Valli
Semantica del razzismo
Opuscolo tratto dal fascicolo numero 37 della rivista "L'Uomo
Libero"-casella postale 1658-20123 Milano- sito: http://www.uomolibero.com
"razzismo" e' un termine, vagamente dispregiativo inventato
da chi razzista non e'.
Per razzismo si intende una dottrina che neghi l' uguaglianza di tutti
gli uomini, che li divida in gruppi a seconda delle caratteristiche
fisiche e che, constatate le differenze in abilita' tra i diversi
gruppi faccia una graduatoria tra i diversi gruppi.
- gli uomini sono TUTTI diversi.
- ogni uomo differisce grandemente in abilita' rispetto agli altri
- le differenze fisiche esistono e sono evidenti
- le differenze in abilita' tra gruppi razziali sono evidenti e
provate
Ritengo che l' uso della parola "razzismo" sia superfluo, potendo
usarsi termini come "logica" o "scienza".
Per la dottrina "antirazzista", che sostiene, contro ogni evidenza
che gli uomini siano tutti uguali (sic), che non esista un uomo
piu' o meno intelligente di un altro, che le differenze intellettuali
non esistano, o se, apparentemente esistono siano dovute a
differenze di ceto sociale (Leonardo o Gauss erano figli di papa'
e non di operai),che tutte le culture siano uguali, e che le statue
di fango degli aborigeni siano uguali all statua di Giove di Fidia
o alla Gioconda, che tutte le immense differenze di evoluzione
storica, culturale e sociale delle diverse razze umane non si
possano spiegare, logicamente e _COERENTEMENTE_
con differenze intellettuali, ma con una serie infinita di
strampalatissime ipotesi ad hoc, invece i termini piu'
adatti possono essere "sproloquio" o "delirio" .
danilo
2004-01-10 17:27:09 UTC
Permalink
Post by erOn
La constatazione di una differenza non è razzismo, è solo la
constatazione di una differenza.
Esatto.
Razzismo è l'inferire, in base ad una differenza, altre differenze
indimostrate (e indimostrabili).
Si chiama anche pregiudizio, ed è umano, comprensibile, e sbagliato.

Danilo

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Continua a leggere su narkive:
Loading...