Discussione:
OT??? elettricità
(troppo vecchio per rispondere)
rd973
2008-04-15 21:34:42 UTC
Permalink
Salve a tutti,

non sò se la mia domanda è OT con questo gruppo ma vorrei chiedere a
qualche esperto:

Perchè se quando sono immerso nella vasca da bagno mi buttano dentro
un phon/radio/ecc. collegato alla presa elettrica dovrei morire
fulminato?

Nei film succede sempre, ma l'elettricità non dovrebbe chiudere il
circuito sfruttando la via con minore resistenza (cioè l'acqua)
evitando di attraversare il mio corpo?

Diverso il discorso se io tengo in mano il phon con i piedi immersi
nell'acqua.....

Non intendo fare esperimenti su me stesso, ma si accettano
volontari! ;-)

ciao
Michele Falzone
2008-04-17 17:05:50 UTC
Permalink
Post by rd973
Salve a tutti,
non sò se la mia domanda è OT con questo gruppo ma vorrei chiedere a
Perchè se quando sono immerso nella vasca da bagno mi buttano dentro
un phon/radio/ecc. collegato alla presa elettrica dovrei morire
fulminato?
Prima di ogni cosa devi sapere che la pericolosità della corrente
elettrica dipende sia dalla intensità della corrente elettrica e sia dal
tempo di intervento, ed è data dalle curve di pericolosità.
In ogni caso si muore molto prima di quello che tu dici "Morire fulminato"
Post by rd973
Nei film succede sempre, ma l'elettricità non dovrebbe chiudere il
circuito sfruttando la via con minore resistenza (cioè l'acqua)
evitando di attraversare il mio corpo?
La corrente non evita nulla, ma attraversa tutte le possibili vie, anche
quella del tuo corpo e con una certa intensità, che dipende da molti
fattori: dalla linea, dal valore della terra del gestore e di quella di
casa tua e dalla geometria della vasca.

Premesso questo, subentra il tempo di intervento delle protezioni,
termiche, magnetiche e differenziali, suppongo le magnetiche o le
differenziali.

Ora io ti sconsiglio di verificare personalmente se intensità di corrente
e tempo di intervento nel caso specifico rientrino nei casi mortali o meno

Ciao
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Gordan
2008-04-20 06:37:27 UTC
Permalink
Perchè se quando sono immerso nella vasca da bagno mi buttano dentro
un phon/radio/ecc. collegato alla presa elettrica dovrei morire
fulminato?
l'elettricità non dovrebbe chiudere il
circuito sfruttando la via con minore resistenza (cioè l'acqua)
evitando di attraversare il mio corpo?

L'acqua distillata offre tanta resistenza al passaggio della corrente
L'acqua salata offre poca resistenza.

L'acqua della vasca da bagno, non e' detto che sia la via
"con minore resistenza"
ricard
2008-04-22 13:22:52 UTC
Permalink
Questo perche' tu pensi alla elettricita' come a un flusso di
elettroni cosa che NON E".

L'elettricita' e' l'orientamento preferenziale degli elettroni in un
corpo in presenza di un differenziale di potenziali (gli elettroni
orientati in un senso nel cavo del phon).

In questo modo parte degli elettroni dell'acqua e del corpo umano si
"orientano" positivamente o negativamente, provocando uno sconquasso
sopratutto nel cervello (che e' un generatore di corrente a bassissimo
voltaggio)..e friggi.

Ricorda NESSUN elettrone lascia MAI l'atomo a cui appartiene (lo fa ma
in una reazione nucleare e nella "deriva elettronica").

Nei cavi la corrente passa solo se esiste una differenza di potenziale
(che e' il numero di elettroni che si orientano) che si verifica
quando il corpo con cui il cavo viene a contatto permette ai SUOI
elettroni di orientarsi, altrimenti gli elettroni continuano a stare
nelle loro orbite (e' il principio per cui i passeri non vengono
fulminati dalla corrente nei fili della luce)
Avatar
2008-04-22 14:59:03 UTC
Permalink
Post by ricard
Ricorda NESSUN elettrone lascia MAI l'atomo a cui appartiene
HAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA
HAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA
HAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA
HAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA
HAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA
HAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA!!!!!!!!!!

Per chi capisce qualcosa invece: idrogeno, 13.6 eV .
Enrico SMARGIASSI
2008-04-22 15:50:10 UTC
Permalink
Post by ricard
Questo perche' tu pensi alla elettricita' come a un flusso di
elettroni cosa che NON E".
Ometto il resto del delirio. Caro ricard, per favore, non parlare di
cose di cui non hai nemmeno una conoscenza da liceale.
ricard
2008-04-23 15:25:01 UTC
Permalink
Ahi Ahi, temo di essermi scontrato con dei periti badilografi.....

Dai .....andate a vedere i mucchietti di elettroni che restano una
volta tolta la spina.....

Povera s(q)uola di somari....

Ma con qualche ricerchina in internet vedrete che ci arrivate.

Per quelli a cui basta un po' di buonsenso.....immaginate se un
fulmine trasferisse gli elettroni delle molecole di ossigeno o azoto
in terra quanta RADIOATTIVITA' verrebbe emanata...

Su fate i calcoli geni!
ricard
2008-04-23 15:38:20 UTC
Permalink
Per un po' non ci sentiremo, vado negli USA, vi lascio i compitini
delle vacanze, semplici pero' robina da wikipedia:

http://en.wikipedia.org/wiki/Electron_mobility

http://en.wikipedia.org/wiki/Speed_of_electricity
Menzasarma
2008-04-23 16:27:55 UTC
Permalink
Post by ricard
Per un po' non ci sentiremo, vado negli USA, vi lascio i compitini
Rimanici, faresti un favore a noi e un torto agli yankee, come dire che
becchi 2 piccioni con una fava.
ricard
2008-04-23 20:56:37 UTC
Permalink
Post by Menzasarma
Post by ricard
Per un po' non ci sentiremo, vado negli USA, vi lascio i compitini
Rimanici, faresti un favore a noi e un torto agli yankee, come dire che
becchi 2 piccioni con una fava.
Ti brucia...come mai?

Non avendo risposte questo è il massimo dell'intelligenza che sai
sfoggiare?

Complimenti!...un vero Einstainnno...
Menzasarma
2008-04-24 07:22:37 UTC
Permalink
Post by ricard
Post by Menzasarma
Post by ricard
Per un po' non ci sentiremo, vado negli USA, vi lascio i compitini
Rimanici, faresti un favore a noi e un torto agli yankee, come dire che
becchi 2 piccioni con una fava.
Ti brucia...come mai?
No, avevo messo un filtro per evitare di scaricare le tue baggianate, ma
ti diverti a fare il morpher e quindi mi ritrovo a scaricare ancora le
tue baggianate.
Post by ricard
Non avendo risposte questo è il massimo dell'intelligenza che sai
sfoggiare?
Le risposte uno le può cercare se si trova di fronte a delle domande.
Per gli sproloqui la miglior risposta è il silenzio.
Post by ricard
Complimenti!...un vero Einstainnno...
Mah, pensi di potermi offendere?
ricard
2008-04-24 21:19:02 UTC
Permalink
Post by Menzasarma
Post by ricard
Complimenti!...un vero Einstainnno...
Mah, pensi di potermi offendere?
assolutamente, no, era solo una risposta scortese a insulto gratuito.
Enrico SMARGIASSI
2008-04-24 13:12:37 UTC
Permalink
Post by ricard
Non avendo risposte questo è il massimo dell'intelligenza che sai
sfoggiare?
Guarda che non c'e` bisogno di dare particolari risposte. A parte il
fatto che alcune delle tue affermazioni sono cosi' balzane da sfidare
ogni commento (quella sui fulmini che porterebbero radioattivita'
restera' negli annali), ti sei risposto da solo con i link che tu stesso
Post by ricard
http://en.wikipedia.org/wiki/Electron_mobility
http://en.wikipedia.org/wiki/Speed_of_electricity
e che dicono proprio il contrario di quello che dici tu. Esempio:

ricard: "L'e'lettricita' non e' un flusso di elettroni. NESSUN elettrone
lascia MAI l'atomo a cui appartiene"
Wiki: "upon applying an electric field, electrons will be accelerated in
an opposite direction to the electric field... this results in the
electrons having an average drift velocity... Typical drift speeds in
copper are of the order of 10-4 m·s−1"

Eccetera eccetera. Vorrei aggiungere qualcosa sulla tua incapacita' di
capire cio' che leggi, ma sarebbe inappropriato: essendo un troll, sai
gia' benissimo di stare scrivento scempiaggini.
Jack
2008-04-24 21:04:00 UTC
Permalink
L'e'lettricita' non e' un flusso di elettroni. NESSUN elettrone
Post by Enrico SMARGIASSI
lascia MAI l'atomo a cui appartiene"
Wiki: "upon applying an electric field, electrons will be accelerated in
an opposite direction to the electric field... this results in the
electrons having an average drift velocity... Typical drift speeds in
copper are of the order of 10-4 m·s?1"
Non vale: glielo devi tradurre e far peritare con un timbro del tribunale
svizzero, altrimenti si applicano le leggi sulle rogatorie :-)
Post by Enrico SMARGIASSI
Eccetera eccetera. Vorrei aggiungere qualcosa sulla tua incapacita' di
capire cio' che leggi, ma sarebbe inappropriato: essendo un troll, sai
gia' benissimo di stare scrivento scempiaggini.
Mmmm. Quando Mike Bongiorno presiederò il CNR, non avrei questi dubbi :-)
ricard
2008-04-24 21:26:19 UTC
Permalink
Post by Enrico SMARGIASSI
Eccetera eccetera. Vorrei aggiungere qualcosa sulla tua incapacita' di
capire cio' che leggi, ma sarebbe inappropriato: essendo un troll, sai
gia' benissimo di stare scrivento scempiaggini.
bello, adesso capisco, quando non si sa la risposta basta accusare
l'altro di essere un troll!

no, il troll sei tu che non rispondi e insulti, comunque, se gli
elettroni (che hanno una massa) viaggiasero nella materia spiegami
come mai non c'e' emisione di radoattivita'?

O questa domanda non te la sei mai posta?
Luca85
2008-04-24 22:17:54 UTC
Permalink
Post by ricard
no, il troll sei tu che non rispondi e insulti, comunque, se gli
elettroni (che hanno una massa) viaggiasero nella materia spiegami
come mai non c'e' emisione di radoattivita'?
O questa domanda non te la sei mai posta?
A parte la bellissima cosa di postare a tuo sostegno un link che dice
il contrario di quel che dici!
Ma poi in quale modo improbabile gli elettroni potrebbero mai emettere
radiattività muovendosi???'
s***@ts.infn.it
2008-04-25 13:03:52 UTC
Permalink
Post by ricard
quando non si sa la risposta
La risposta te l'ho gia' data, semplicemente tu non vuoi (o non sai)
capirla).
Post by ricard
basta accusare l'altro di essere un troll!
E' un'ipotesi caritatevole. Perche' se tu parlassi sul serio, saresti
messo piuttosto male. A proposito, come mai rispondi quando hai detto
che saresti stato via?
Post by ricard
elettroni (che hanno una massa) viaggiasero nella materia spiegami
come mai non c'e' emisione di radoattivita'?
ROTFL. Ma tu lo sai cos'e' la radioattivita'? Basta essere un buon
liceale per saperlo (e capire l'insensatezza di quel che scrivi).
Visto che ti piace, fatti una ricerchina su wikipedia.
ricard
2008-04-25 23:14:22 UTC
Permalink
rispondo dall'hotel a boston, sto riprendendomi dal fuso, la settimana
di fuoco e' la prossima.

tornando a noi:
l''elettrone ha una massa, se questo si spostasse da un atomo ad un
altro si avrebbero un certo numero di atomi con un eccesso di massa.

la teoria degli elettroni "liberi" significa liberi di spostarsi di
orbitale ma non di cambiare atomo.per questo occorre piu della
corrente elettrica,occorrono temperature elevate e gas.

ma sono apeerto a qualsiasi vostra spiegazione, che vada al di la
dell'insulto, e'ovvio.

dimenticavo, i due link che ho postato, leggeteli bene.
Michele Falzone
2008-04-26 05:53:10 UTC
Permalink
Post by ricard
rispondo dall'hotel a boston, sto riprendendomi dal fuso, la settimana
di fuoco e' la prossima.
l''elettrone ha una massa, se questo si spostasse da un atomo ad un
altro si avrebbero un certo numero di atomi con un eccesso di massa.
la teoria degli elettroni "liberi" significa liberi di spostarsi di
orbitale ma non di cambiare atomo.per questo occorre piu della
corrente elettrica,occorrono temperature elevate e gas.
ma sono aperto a qualsiasi vostra spiegazione, che vada al di la
dell'insulto, e'ovvio.
Allora hai sbagliato gruppo, visto che qui l'insulto è la prassi.
Ma ritornando a te, non per correggerti, ma penso volessi dire "aperto a
qualsiasi vostra richiesta di chiarimenti".

Al di la del fatto che ti porgi male, ma questo spesso capita a molti,
sono stato colpito dalla tua affermazione che la corrente è solo un
orientamento, ritorno a dire colpito, visto che tempo addietro ho fatto
alcuni lavori proprio sul campo magnetico prodotto da quello che
normalmente si chiamo filo percorso da corrente e solenoide di lunghezza
infinita, lavori che mettevano proprio in evidenza che non è necessario
nessun movimento di cariche per creare il campo, ma addirittura si
evinceva che quello che chiamiamo corrente è proprio l'orientamento.
Un altra cosa che in quel periodo mi ha colpito è che su un articolo di le
scienze si parlava della corrente elettrica in alcuni particolari canali,
dove la corrente passava per quanti frazionari di carica.
Questo solo per dirti di alcuni passi che mi hanno portato a credere che
la corrente è un orientamento e che l'elettrone è un' onda sferica stabile
www.nuovaricerca.org , ma tu come mai pensi che la corrente elettrica è un
orientamento?

Ciao Michele
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
s***@ts.infn.it
2008-04-26 12:51:27 UTC
Permalink
Post by Michele Falzone
Allora hai sbagliato gruppo, visto che qui l'insulto è la prassi.
Verissimo. Pensa che in un solo messaggio una persona mi ha cosi'
apostrofato:

"Come al solito non solo non dimostri nulla, ma al più fai
notare di non capire una mazza, [...]
Da come rispondi, si evince tutta la tua stupidità, [...]
Il mio errore è al solito quello di credere che il mio
interlocutore non dico sia intelligente, [...]
non tanto perchè sei ignorante, ma per il semplice fatto
che sei FONDAMENTALMENTE LIMITATO. "

E non e' stata nemmeno l'unica volta. Chi era l'insultatore a
raffica? Ah, un certo Michele Falzone. Sicuramente si tratta di un
omonimo.
Michele Falzone
2008-04-26 14:16:06 UTC
Permalink
Post by s***@ts.infn.it
Post by Michele Falzone
Allora hai sbagliato gruppo, visto che qui l'insulto è la prassi.
Verissimo. Pensa che in un solo messaggio una persona mi ha cosi'
"Come al solito non solo non dimostri nulla, ma al più fai
notare di non capire una mazza, [...]
Da come rispondi, si evince tutta la tua stupidità, [...]
Il mio errore è al solito quello di credere che il mio
interlocutore non dico sia intelligente, [...]
non tanto perchè sei ignorante, ma per il semplice fatto
che sei FONDAMENTALMENTE LIMITATO. "
E non e' stata nemmeno l'unica volta. Chi era l'insultatore a
raffica? Ah, un certo Michele Falzone. Sicuramente si tratta di un
omonimo.
Gridando e insultando senza nessun motivo pensi di dimostrare di essere
più bravo?

Ciao
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Enrico SMARGIASSI
2008-04-28 13:06:02 UTC
Permalink
Post by Michele Falzone
Gridando e insultando senza nessun motivo pensi di dimostrare di essere
più bravo?
Errore caro Michele, quando uso espressioni forti - certo meno forti
delle tue, se vuoi ti porto altri esempi- c'e` sempre un motivo fondato
(e c'e` anche in questo thread). Per esempio, se ti dico che sei un
ipocrita non ti sto insultando, sto solo constatando una cosa che
chiunque puo' verificare.
Michele Falzone
2008-04-29 04:27:33 UTC
Permalink
Post by Enrico SMARGIASSI
Post by Michele Falzone
Gridando e insultando senza nessun motivo pensi di dimostrare di essere
più bravo?
Errore caro Michele, quando uso espressioni forti - certo meno forti
delle tue, se vuoi ti porto altri esempi-
Sicuramente è grave insultare nel contesto di una discussione, ma un
insulto gratuito, quando rispondo a ricard, mi pare un tantinello diverso
Post by Enrico SMARGIASSI
c'e` sempre un motivo fondato
(e c'e` anche in questo thread). Per esempio, se ti dico che sei un
ipocrita non ti sto insultando, sto solo constatando una cosa che
chiunque puo' verificare.
Vediamo di analizzare i fatti:

-1- Il 15/04 rd973 fa una domanda al gruppo, il 17/04 io do una risposta
che a riguardarla mi pare sensata.

-2- Il 20/04 Gordan da una risposta non propriamente tecnica.

-3- Il 22/04 ricard risponde a Gorda, ad onor del vero sono incuriosito
dalla frase "L'elettricità è l'orientamento preferenziale degli elettroni
in un corpo in presenza di un differenziale di potenziale", visto che ho
delle idee strane per la testa, ma leggendo il resto preferisco non
intervenire.

-4- Immediatamente rispondi a difensore non so di cosa, ed insignito non
so di quale potere. Non preferisci soprassedere e tralasciare una
discussione che potrebbe degenerare, ma intervieni con "Ometto il resto
del delirio", proprio a fomentare la rissa.

-5- E' rissa, come scontato.

-6- Il 24/04 ancora una volta sono colpito da alcune frasi che mi fanno
fare delle associazioni di idee e se molte altre frasi mi hanno lasciato
molto perplesso, decido di intervenire.

-7- Il 26/04 intervengo con la frase che tu conosci, ma ti posso
assicurare che era una frase di rito, visto che sono in molti ad insultare
in questo gruppo.

Bada sono intervenuto solo per cercare di capire quale fosse il suo
percorso logico per motivare quelle affermazioni, visto che mi ricordavano
affinità al mio modo di pensare.
Tu sei liberissimo di pensare che questo comportamento sia ipocrita e
neppure voglio che motivi anche questo insulto gratuito, visto che saranno
gli altri a giudicare il tuo ed il mio comportamento e non per chi grida
più forte o insulta di più.

A riprova dei tuoi insulti gratuiti, una delle ultime volte che è stato
proprio a proposito della mia interpretazione della costante di struttura
fine, mi ricordo del tuo intervento sempre dello stesso tono, e secondo te
riguardava il problema dimensionale, non volendo capire che io cercavo
proprio "Portata di massa per unità di superficie" e dimensionalmente
quello trovavo, con la sola differenza che trovavo come valore quello
della carica elettrica.

Ma sempre a riprova del fatto che critichi "senza capire esattamente" cosa
critichi, ti vorrei fare notare che in quello scritto sulla costante di
struttura fine ho "volutamente lasciato" due errori formali che lasciano
immutato il risultato finale, a riprova del fatto che sarei stato
contestato da molti su quanto scritto, ma senza avere letto nulla, per il
solo gusto di contestare cose che semplicemente non capiscono, e tu sei la
riprova di quanto pensassi, critichi per il solo gusto di criticare e
senza neppure capire cosa stai criticando.

Ciao
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Enrico SMARGIASSI
2008-04-29 08:57:54 UTC
Permalink
Post by Michele Falzone
-4- Immediatamente rispondi a difensore non so di cosa, ed insignito non
so di quale potere.
A difendere il buonsenso e la ragione, ed insignito del mio diritto di
parola e di critica, oltre del fatto che, a differenza dei miei
interlocutori, so di cosa sto parlando.

Se poi tu vuoi che di fronte a delle fregnacce sparate come verita' i
lettori stiano zitti o al piu' si limitino ad annuire gravemente dicendo
"che idee interessanti, ci pensero'", allora hai sbagliato pianeta.
Post by Michele Falzone
intervieni con "Ometto il resto del delirio",
Descrizione succinta ma accurata di cio' che ha scritto ricard.
Post by Michele Falzone
Tu sei liberissimo di pensare che questo comportamento sia ipocrita e
neppure voglio che motivi anche questo insulto gratuito,
La tua ipocrisia sta nel fatto che parli degli insulti degli altri
quando sei *tu*, come ti ho fatto notare (e ci sarebbero anche altri
esempi) che insulti come, prima, e piu' degli altri. Capisco che tu non
gradisca che gli altri critichino i tuoi difetti, ma, caro michelino,
questa e' la vita. Quando sarai cresciuto lo capirai.
Post by Michele Falzone
A riprova dei tuoi insulti gratuiti, una delle ultime volte che è stato
proprio a proposito della mia interpretazione della costante di struttura
fine, mi ricordo del tuo intervento sempre dello stesso tono,
Nel thread del novembre 2005, di titolo "Carica elettrica"? Dici il
falso. Dove mai sarei intervenuto insultando? Ho fatto al piu' notare
alcuni dei tuoi serissimi buchi nella conoscenza della fisica
elementare. Capisco che tu non gradisca che gli altri critichino i tuoi
difetti, ma, caro michelino, questa e' la vita. Quando sarai cresciuto
lo capirai.
Post by Michele Falzone
riguardava il problema dimensionale, non volendo capire che io cercavo
proprio "Portata di massa per unità di superficie" e dimensionalmente
quello trovavo, con la sola differenza che trovavo come valore quello
della carica elettrica.
Ecco un esempio dei tuoi buchi. Hai eguagliato due grandezze
dimensionalmente diverse, attribuendo alla coincidenza un significato
fisico:

http://tinyurl.com/5uu7qe
http://tinyurl.com/5j226e

E questo vuol dire che non hai alba di cosa siano i piu' elementari
concetti metrologici. Fisica elementare, appunto.
Post by Michele Falzone
Ma sempre a riprova del fatto che critichi "senza capire esattamente" cosa
critichi, ti vorrei fare notare che in quello scritto sulla costante di
struttura fine ho "volutamente lasciato" due errori formali che lasciano
immutato il risultato finale,
:-) Ma tu credi che uno legga accuratamente e fino in fondo, e che
critichi qualunque errore vi trovi, qualunque sproloquio gli capiti di
leggere in rete? Si passerebbe la vita a farlo. Quello che scrivi ha
talmente tanti errori che basta averne trovati un paio per cestinarlo. E
qui sopra ce n'e` un esempio.
Michele Falzone
2008-04-29 21:23:03 UTC
Permalink
Post by Enrico SMARGIASSI
:-) Ma tu credi che uno legga accuratamente e fino in fondo, e che
critichi qualunque errore vi trovi, qualunque sproloquio gli capiti di
leggere in rete? Si passerebbe la vita a farlo. Quello che scrivi ha
talmente tanti errori che basta averne trovati un paio per cestinarlo. E
qui sopra ce n'e` un esempio.
Per risponderti per le rime, potrei risponderti:

Io non posso certo tirare un sasso per ogni cane che abbaia.

Ma siccome mi sento educato, vedrò di risponderti.
Post by Enrico SMARGIASSI
La tua ipocrisia sta nel fatto che parli degli insulti degli altri
quando sei *tu*, come ti ho fatto notare (e ci sarebbero anche altri
esempi) che insulti come, prima, e piu' degli altri. Capisco che tu non
gradisca che gli altri critichino i tuoi difetti, ma, caro michelino,
questa e' la vita. Quando sarai cresciuto lo capirai.
Il michelino avresti potuto risparmiartelo, ma andiamo avanti
Post by Enrico SMARGIASSI
Nel thread del novembre 2005, di titolo "Carica elettrica"? Dici il
falso. Dove mai sarei intervenuto insultando? Ho fatto al piu' notare
alcuni dei tuoi serissimi buchi nella conoscenza della fisica
elementare. Capisco che tu non gradisca che gli altri critichino i tuoi
difetti, ma, caro michelino, questa e' la vita. Quando sarai cresciuto
lo capirai.
Ancora il michelino e va bene
Post by Enrico SMARGIASSI
Ecco un esempio dei tuoi buchi. Hai eguagliato due grandezze
dimensionalmente diverse, attribuendo alla coincidenza un significato
http://tinyurl.com/5uu7qe
http://tinyurl.com/5j226e
E questo vuol dire che non hai alba di cosa siano i piu' elementari
concetti metrologici. Fisica elementare, appunto.
Mi pare che siamo al dunque, io sono un mediocre ingegnere e visto che non
ho dimestichezza con quello che tu chiami elementari concetti metrologici,
sono andato a cercare "sistema cgs" trovando
http://it.wikipedia.org/wiki/Sistema_CGS , dove testualmente leggo:

Il sistema non ebbe mai un riconoscimento e fu gradualmente abbandonato
negli anni ottanta del 1800.

Sarà morto di vecchiaia; ma non è questo il punto, visto che un sistema
anche se pur morto, adoperato bene può dare ancora i suoi risultati, salvo
capire dove casca l'asino, scusa l'espressione, ma serve solo per colorare
la frase.

Ho premesso che non conosco il sistema cgs, e pertanto continuo la ricerca
trovando questa risposta sulla rete:



[it.scienza.fisica 12 mar 2007] Elio Fabri ha scritto:

-> Posso suggerirti una regola pratica per passare da un'eq. scritta nel
-> SI a una scritta nel sistema di Gauss:
-> 1) cancella tutti gli eps0, mu0
-> 2) ogni volta che hai una derivata rispetto al tempo, mettici davanti
-> un fattore 1/c
-> 3) davanti a tutte le cariche, correnti, forze, energie inserisci un
-> fattore 4*pi.
-
-Osservo che le correnti devono pero' essere trattate come derivate
-temporali, ad esse bisogna anteporre 4*pi/c (e non 4*pi).
-
-Non conoscevo la tua regola di conversione, che mi sembra funzionare
-meglio di quelle che, in ossequio al sistema ES-assoluto, partono invece
-dall'assunzione 1/4*pi*eps0 =1.
-Vedo infatti che tale regola non si impalla neppure per le formule
-riguardanti la polarizzazione elettrica o magnetica (pur diventando un
-po' delicata da usare).

-Conosci per caso una procedura di conversione altrettanto pratica e
-completa per costruire (da SI o da Gauss) l'intero formalismo di
-Heaviside?

Ma forse dovevo metterlo in questo punto che l'asino è cascato, facendo
notare all'esperto di conversioni che per passare da un sistema all'altro
per convertire portata di massa non basta a cuor leggero un fattore di
1000, visto che si sono sovvertite completamente le costanti di un sistema
e pertanto mi pare proprio che dovrebbe entrarci anche qualche eps0, ma
siccome sono un mediocre ingegnere, mi basta che funzioni nel SI e neppure
mi voglio prendere la briga di andare a calcolare il fattore di
conversione esatto e da cosa dipende.

Ma siccome non hai capito assolutamente nulla di quanto ho detto sulla
costante di struttura fine ti faccio una sintesi:

-1- esistono le onde di taglio o di pressione "trasversali o
longitudinali", per evitarti il trauma del fluido parliamo solo nei
solidi, ma non lo diciamolo ai Giapponesi che non saprebbero giustificare
le onde di porto "Tsunami" se non ammettessero anche le onde di taglio.

-2- immediatamente si fa l'approssimazione di onde piane, non stiamo
parlando di molle o di membrane dove nel caso delle molle si fa l'ipotesi
di essere unidimensionali e puramente bidimensionali le membrane, ma
questo non va bene per un continuo indefinito, visto che in un continuo
indefinito non esistono mai onde piane, ma solo delle approssimazioni di
onde piane

-3- se prendiamo un elemento di volume dxdydz di un continuo e
sollecitiamo una faccia di questo elemento a pressione le facce adiacenti
saranno sollecitate a taglio

-4- la risposta forzata a una eventuale sollecitazione sinusoidale su
quella faccia creerà entrambe le onde e per risolvere quelle equazioni
sarà necessario conoscere sia la velocità di propagazione delle onde di
pressione e sia quelle di taglio o una delle due con il rapporto delle due

-5- proprio il rapporto tra le due velocità di propagazione che è proprio
una grandezza adimensionale.

Come vedi per un continuo se si vuole capire l'evoluzione forzata e
l'eventuale evoluzione libera è necessario definire proprio una grandezza
adimensionale, quello che voi fisici per l'etere chiamate costante di
struttura fine, solo che non riuscite a capirlo.

Ciao

P.S. scordavo di dirti del perchè di questa particolare portata di massa
1,6..... eccetera, e non un'altra, visto che abbiamo assodato che la
carica elettrica è proprio portata di massa anche nel sistema cgs e
l'elettrone è un'onda sferica che sollecita l'etere contemporaneamente a
pressioni e a taglio.
Ma ora è tardi e sono stanco e poi sono curioso di sapere se riesci a
capirlo da solo.
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Enrico SMARGIASSI
2008-04-30 11:28:10 UTC
Permalink
Post by Michele Falzone
sono andato a cercare "sistema cgs" trovando
Il sistema non ebbe mai un riconoscimento e fu gradualmente abbandonato
negli anni ottanta del 1800.
Uno dei non pochi errori o imprecisioni di wikipedia. Il cgs non e'
riconosciuto ufficialmente ne' dal BIPM ne' dalla legislazione italiana
(o di altri paesi), ma e' tuttora usato parecchio nella comunita'
scientifica - in particolare tra i teorici.

Ma poi, che c'entra? l'importante non e' che questo o quel sistema sia
riconosciuto o meno: l'importante e' che di sistemi di unita' di misura
ce ne sono *infiniti*, e che la scelta tra di essi e' *convenzionale*.
Ne segue che *nulla* di fisicamente importante deve dipendere dai valori
che una certa relazione assume in un particolare sistema di unita': una
relazione deve valere in *tutti* i sistemi di unita' di misura, che sia
SI, cgs di Gauss, cgs di heaviside, unita' atomiche, unita' imperiali
britanniche, ecc. ecc. ecc..

E questa e' metrologia elementare.
Post by Michele Falzone
per convertire portata di massa non basta a cuor leggero un fattore di
1000, visto che si sono sovvertite completamente le costanti di un sistema
e pertanto mi pare proprio che dovrebbe entrarci anche qualche eps0,
Esatto. E' quello che ho fatto.
Post by Michele Falzone
mi basta che funzioni nel SI
CVD: non hai alba di cosa sia la metrologia. Non capisci che una
relazione per avere senso fisico deve valere in *tutti* i sistemi di
unita' (vedi sopra). Se una uguaglianza vale in un solo sistema di
unita' e' una pura coincidenza numerica, senza significato fisico.

Ergo, il risultato che tu tanto sbandieri, valendo solo nel SI, non ha
senso fisico e non vale la pena di spenderci ulteriore tempo.
Michele Falzone
2008-04-30 14:50:46 UTC
Permalink
Post by Enrico SMARGIASSI
Post by Michele Falzone
sono andato a cercare "sistema cgs" trovando
Il sistema non ebbe mai un riconoscimento e fu gradualmente abbandonato
negli anni ottanta del 1800.
Uno dei non pochi errori o imprecisioni di wikipedia. Il cgs non e'
riconosciuto ufficialmente ne' dal BIPM ne' dalla legislazione italiana
(o di altri paesi), ma e' tuttora usato parecchio nella comunita'
scientifica - in particolare tra i teorici.
Dai fisici, senza nulla togliere al sistema, ma senza denigrare noi poveri
ingegneri che non lo adoperiamo.
Post by Enrico SMARGIASSI
Ma poi, che c'entra? l'importante non e' che questo o quel sistema sia
riconosciuto o meno: l'importante e' che di sistemi di unita' di misura
ce ne sono *infiniti*, e che la scelta tra di essi e' *convenzionale*.
Ne segue che *nulla* di fisicamente importante deve dipendere dai valori
che una certa relazione assume in un particolare sistema di unita': una
relazione deve valere in *tutti* i sistemi di unita' di misura, che sia
SI, cgs di Gauss, cgs di heaviside, unita' atomiche, unita' imperiali
britanniche, ecc. ecc. ecc..
E questa e' metrologia elementare.
Ma infatti ho detto testualmente:
Sarà morto di vecchiaia; ma non è questo il punto, visto che un sistema
anche se pur morto, adoperato bene può dare ancora i suoi risultati, salvo
capire dove casca l'asino, scusa l'espressione, ma serve solo per colorare
la frase.
Post by Enrico SMARGIASSI
Post by Michele Falzone
per convertire portata di massa non basta a cuor leggero un fattore di
1000, visto che si sono sovvertite completamente le costanti di un sistema
e pertanto mi pare proprio che dovrebbe entrarci anche qualche eps0,
Esatto. E' quello che ho fatto.
E no, prova a rileggerti:

http://tinyurl.com/5uu7qe
http://tinyurl.com/5j226e

Parli solo di un fattore di 1000, ma forse ancora non hai capito quello
che ho detto o forse non vuoi capire, per evitare brutte figure superiori.
Post by Enrico SMARGIASSI
Post by Michele Falzone
mi basta che funzioni nel SI
CVD: non hai alba di cosa sia la metrologia. Non capisci che una
relazione per avere senso fisico deve valere in *tutti* i sistemi di
unita' (vedi sopra). Se una uguaglianza vale in un solo sistema di
unita' e' una pura coincidenza numerica, senza significato fisico.
Allora non hai capito veramente, e questo aggrava la cosa
Post by Enrico SMARGIASSI
Ergo, il risultato che tu tanto sbandieri, valendo solo nel SI, non ha
senso fisico e non vale la pena di spenderci ulteriore tempo.
Esattamente il contrario, proprio perchè una relazione deve valere in ogni
sistema non mi prendo neppure la briga di andarlo a verificare nel cgs.

Ma siccome forse ancora non capisci "la gravità" di quanto stai dicendo a
proposito del fattore di conversione 1000 per quanto riguarda la portata
di massa, mi spiego con un esempio esplicito:

La corrente è portata di carica attraverso una sezione, corrisponde a
portata di elettroni e pertanto a portata di massa.

Se scrivo una relazione nel SI che mi da

portata di massa = K *(portata di corrente)

Almeno riesci ora a capire che in questo caso il fattore di conversione
per passare dal SI al cgs non è solo 1000 come ancora cerchi di fare
capire e a riprova di quanto dici porti proprio i riferimenti di

http://tinyurl.com/5uu7qe
http://tinyurl.com/5j226e

dove si vede che parli solo di un fattore di 1000 e neppure puoi dire che
la relazione da me scritta sopra è sbagliata, è solo sbagliato il fattore
di conversione che non è solo 1000.

Questo riesci a capirlo???

ciao
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Enrico SMARGIASSI
2008-04-30 16:00:57 UTC
Permalink
Post by Michele Falzone
Parli solo di un fattore di 1000,
Allora: per i nostri 25 lettori, specifico che si parla di una relazione
cui Falzone da' non so quale significato, e che sarebbe:

(m*c*alfa^4)/(2*l)=e

dove m =massa elettrone, c=velocità della luce, l=lunghezza d'onda
Compton per l'elettrone, alfa=costante di struttura fine, e=carica
elettrone. Questa relazione vale - piu' o meno - per il SI, ma
ovviamente non per altri sistemi di unita', visto che il primo membro ha
dimensioni massa/tempo, il secondo carica. Passando p.es. da SI a cgs
Gauss il primo membro cambia di un fattore 1000, il secondo di un
fattore 3000000000 (tremiliardi), quindi l'uguaglianza va a pallino, il
che dimostra che si tratta di una pura coincidenza.

Quanto ai fattori epsilon0, nel passaggio da SI a Gauss semmai
*scompaiono*, e visto che nella formuletta non ce ne sono non c'e`
bisogno di farli sparire ne' di convertirli.
Post by Michele Falzone
Esattamente il contrario, proprio perchè una relazione deve valere in ogni
sistema non mi prendo neppure la briga di andarlo a verificare nel cgs.
Certo, nemmeno io. Per verificare che una relazione sia valida in tutti
i sistemi di misura non c'e` bisogno di fare i conti, e' necessario e
sufficiente verificare che entrambi i membri (e tutti gli addendi)
abbiano le stesse dimensioni fisiche. La tua formula ha membri con
dimensioni fisiche diverse, quindi NON PUO' valere per tutti i sistemi
di unita'. (Il mio esempio col cgs e' appunto solo un esempio: se ne
possono fare infiniti altri. Per esempio basta passare dal SI normale ad
un SI modificato in cui invece del Coulomb si usi, che so, 1/1000000 di
C come unita' di carica, per fare sballare di 1000000 la tua
formuletta.) Se non vale in tutti i sistemi di unita' allora non ha
senso fisico perche' i sistemi sono convenzionali ecc. ecc. (vedi msg
precedenti).

Metrologia elementare, appunto.
Michele Falzone
2008-04-30 17:35:46 UTC
Permalink
Post by Enrico SMARGIASSI
Post by Michele Falzone
Parli solo di un fattore di 1000,
Allora: per i nostri 25 lettori, specifico che si parla di una relazione
Non solo per quanti leggono, ma anche per te che porti un riferimento:

********************************
Post by Enrico SMARGIASSI
Post by Michele Falzone
Cercando una possibile portata di massa, stranamente mi ritrovo proprio
l'esatto valore della carica elementare dell'elettrone
E' quello che hai illustrato nel thread "Giocando con le formule" su
it.scienza.fisica? Abbiamo gia' cercato di farti capire che quel
risultato e' peggio che sbagliato.
Abbiamo con chi? Con Saggese che mi ha censurato affermando che parlare di
onde di taglio in un fluido è equivalente a dire che la terra è piatta non
prima di essersi consigliato con un fisico, dimostrando la sua ignoranza e
incompetenza a fare il moderatore.

Sarei curioso di sapere chi è il fisico con cui si è consigliato.

Ti ho detto che io cercavo una portata di masssa, e non è un risultato
casuale.

Almeno devi ammettere che è alquanto strano ritrovare casualmente un
valore cercato da una ricerca mirata .

Ciao
********************

Io mi riferisco a questo e al fatto che su www.nuova ricerca.org stavo
cercando una portata di massa come ho sempre specificato e mi ritrovo
1,60E-19 in perfetto accordo con quanto dice il prof Cannata in
http://itis.volta.alessandria.it/episteme/ep2cann1.htm , e visto che il
moderatore mi aveva censurato l'articolo su scienza.fisica, articolo che
era proprio in quel periodo sul mio disco remoto mi sono ritrovato quella
relazione, ma quella relazione non mi interessa più di tanto

A me interessa quanto scrivo su www.nuovaricerca.org e li che cerco
portata di massa e mi ritrovo la carica elettrica,
ed è li che fare quadrare i conti basta solo rifare tutta la trattazione
nel sistema cgs,
ed è li che faccio vedere che se esiste l'etere, si deve per forza
definire un rapporto adimensionale tra le velocità di propagazione delle
onde di taglio e quella di pressione,

ed è sempre li che si può capire che molte delle relazioni della fisica
quantistica acquistano un reale significato, il concetto di probabilità
prende corpo, le interazioni a distanza si toccano con mano, visto che
sono dei semplici urti, si riesce a capire del perchè di quel particolare
valore della carica elettrica, più complesse da capire le interazioni
gravitazionali ma perfettamente derivabili da considerazioni tra i vortici.

Tutto questo si riesce a vedere non appena si capisce che la costante di
struttura fine è proprio quella che io definisco su www.nuovaricerca.org .

Ma se tu dopo tutti questi anni non hai capito che stavo parlando di
un'altra relazione e parlavo di portata di massa ed io che quando parlavi
di un fattore 1000 a quella insignificante relazione definito proprio
"giocando tra le formule" ma sopratutto inventata per potere passa
attraverso le maglie di una ottusa censura, mi rendo conto che non ci
separa solo l'etere, ma siamo distanti anni luce.

Tu resta nella tua convinzione sulla mia ignoranza, che io resto fermo
sulle mie posizioni nei tuoi confronti, relegati all'IMMOBILITA'
intellettuale contenti delle formule senza capirne il significato,
accontentarsi di particelle virtuali per le interazioni, quando sono
particelle di etere, riuscire a ricavare esattamente la probabilità di un
evento, senza capire perchè succede tutto questo, senza riuscire a capire
come danzano le particelle e principalmente senza riuscire a vederle

Scusa per lo sfogo e pensala come meglio credi.

Ciao
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Bluff
2008-04-30 18:05:30 UTC
Permalink
Post by Enrico SMARGIASSI
Post by Michele Falzone
Parli solo di un fattore di 1000,
Allora: per i nostri 25 lettori, specifico che si parla di una relazione
(m*c*alfa^4)/(2*l)=e
dove m =massa elettrone, c=velocità della luce, l=lunghezza d'onda
Compton per l'elettrone, alfa=costante di struttura fine, e=carica
elettrone. Questa relazione vale - piu' o meno - per il SI,
Senza saper ne' leggere ne' scrivere, e trascurando il piccolo dettaglio
che dimensionalmente quella cosa fa schifo, ma se in una relazione
coinvolgo m, c, e, hslash e' ovvio che dopo qualche manipolazione mi torni
una qualche reminiscenza di quelle 4 quantita'.

Sarebbe fico se invece Falzone ottenesse la costante gravitazionale. Ed
una motivazione del perche'.
Michele Falzone
2008-04-30 18:26:47 UTC
Permalink
Post by Bluff
Sarebbe fico se invece Falzone ottenesse la costante gravitazionale. Ed
una motivazione del perche'.
Esistono tutti i presupposti teorici e le verifiche sperimentali
necessarie per capire la motivazione della gravitazione e cosa realmente
sia, ma si deve per forza passare da quanto scrivo su www.nuovaricerca.org
a proposito della costante di struttura fine, ma come vedi ancora non
riesco a trovare nessuno che legga quanto scrivo e come ho fatto notare
poco fa al prof Smargiassi, che sono stati necessari diversi anni per
capire che ci stavamo appigliando a un disguido che a me non interessa
affatto, mentre quello che mi interessa è proprio la costante di struttura
fine.

Ciao
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Bluff
2008-04-30 18:37:01 UTC
Permalink
Post by Michele Falzone
mentre quello che mi interessa
è proprio la costante di struttura fine.
Perche'? Cosa ha G_f che non va? Non ti piace forse?
Michele Falzone
2008-05-01 05:44:25 UTC
Permalink
Post by Enrico SMARGIASSI
Post by Michele Falzone
Parli solo di un fattore di 1000,
Allora: per i nostri 25 lettori, specifico che si parla di una relazione
(m*c*alfa^4)/(2*l)=e
dove m =massa elettrone, c=velocità della luce, l=lunghezza d'onda
Compton per l'elettrone, alfa=costante di struttura fine, e=carica
elettrone. Questa relazione vale - piu' o meno - per il SI, ma
ovviamente non per altri sistemi di unita', visto che il primo membro ha
dimensioni massa/tempo, il secondo carica. Passando p.es. da SI a cgs
Gauss il primo membro cambia di un fattore 1000, il secondo di un
fattore 3000000000 (tremiliardi), quindi l'uguaglianza va a pallino, il
che dimostra che si tratta di una pura coincidenza.
Solo per chiudere un disguido durato molti anni, e per dare ora una
motivazione formale anche se tardiva alla tua richiesta di giustificazione
di quanto dico:

Per passare da un sistema ad un altro in una relazione si deve avere
l'accortezza di usare lo stesso tipo di conversione in entrambi i membri
di una eguaglianza.
Visto che come dice il Prof. Cananta in
http://itis.volta.alessandria.it/episteme/ep2cann1.htm e come trovo
io in www.nuovaricerca.org quando parlo della costante di struttura fine
che nel SI la carica elettrica dimensionalmente è portata di massa,

per convertire la relazione di sopra dal SI al cgs, al primo membro
compare un fattore 1000 come giustamente fa notare il Prof Smargiassi e al
secondo membro visto che dimensionalmente come fa notare il Prof Cananta
ho una portata di massa, compare pure un fattore di 1000 C.V.D.

Tanto dovevo e ancora mi scuso per la giustificazione tardiva

Ciao

P.S. Le formule, in quanto tali funzionano sempre
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Bruno Cocciaro
2008-05-01 08:42:50 UTC
Permalink
Post by Michele Falzone
Post by Enrico SMARGIASSI
Post by Michele Falzone
Parli solo di un fattore di 1000,
Allora: per i nostri 25 lettori, specifico che si parla di una relazione
(m*c*alfa^4)/(2*l)=e
per convertire la relazione di sopra dal SI al cgs, al primo membro
compare un fattore 1000 come giustamente fa notare il Prof Smargiassi e al
secondo membro visto che dimensionalmente come fa notare il Prof Cananta
ho una portata di massa, compare pure un fattore di 1000 C.V.D.
Scusa ma, molto semplicemente, potresti mostrare come fai a verificare la
relazione suddetta utilizzando il sistema che vuoi ? Qualcosa tipo:
m = ??? kg o g
c = ??? m/s o cm/s
alfa = ...
ecc.

Quella relazione mi pare sbagliata in maniera cosi' evidente (e mi pare
evidentemente sbagliata per i motivi dimensionali che ti ha fatto notare
Enrico) che stento a credere che tu possa non accorgertene.
Per questo vorrei vedere in atto pratico, senza tante parole ... fattori
1000 che sono a dx e anche a sin ecc., come caspita faresti a verificare la
relazione. Come fai? Secondo te alfa ha delle dimensioni nel SI ? E quale
sarebbe la definizione di alfa?

Ciao.
--
Bruno Cocciaro
--- Li portammo sull'orlo del baratro e ordinammo loro di volare.
--- Resistevano. Volate, dicemmo. Continuavano a opporre resistenza.
--- Li spingemmo oltre il bordo. E volarono. (G. Apollinaire)
Enrico SMARGIASSI
2008-05-02 13:38:48 UTC
Permalink
Post by Michele Falzone
per convertire la relazione di sopra dal SI al cgs, al primo membro
compare un fattore 1000 come giustamente fa notare il Prof Smargiassi e al
secondo membro visto che dimensionalmente come fa notare il Prof Cananta
ho una portata di massa, compare pure un fattore di 1000 C.V.D.
No. E vediamo di ripartire ab imis, visto che a quanto pare ce n'e` bisogno.

Il Si parte dal MKS aggiungendo una unita' di misura elettrica, il
Coulomb (in realta' si aggiunge l'Ampere ed il C e' derivato da esso, ma
per questa discussione non fa differenza). Fissato il C, nel SI il
valore numerico della costante K nella legge di Coulomb F=Kq1q2/r^2
rimane fissata sperimentalmente al valore 8.987x10^9: si misura la forza
tra due cariche da 1C poste a distanza di 1m e si vede che vale proprio
8.987x10^9N [la costante, come e' noto, e' solitamente espressa come
K=1(4*pi*epsilon0), con epsilon0=8.854x10^(-12)C^2/(N*m^2)]. In questo
sistema la carica dell'elettrone vale 1.602x10^(-19)C.

Il sistema di Gauss parte dal cgs senza aggiungere ulteriori unita' di
misura, ma definendo una unita' elettrostatica di carica (esu) ponendo
K=1 nella legge di C. Per definizione, dunque, due cariche da 1 esu a
distanza di 1 cm esercitano una forza di 1 dina. L' esu ha dimensioni
radice(g*cm^3)/s. La carica dell'elettrone vale 4.803x10^(-10)esu.

Il sistema di Cannata e' una via di mezzo: non definisce una nuova
unita' di base, ma definisce un' unita' derivata - chiamiamola Cannata?
-, di dimensioni kg/s, in modo tale che due cariche di 1 cannata, poste
a distanza 1 m, esercitino una forza reciproca pari a 8.987x10^9N.
Evidentemente, la carica di 1 cannata coincide con quella di 1 Coulomb.
Quindi, in questo sistema la carica dell'elettrone vale
1.602x10^(-19)cannata.

Possiamo definire anche altri sistemi. Uno molto utile e molto usato e'
quello di unita' atomiche, dove si pone l'unita' di massa pari alla
massa elettronica, quella di lunghezza pari al raggio di Bohr e l'unita'
di carica pari a quella dell'elettrone. Posta la legge di Coulomb come
F=q1q2/r^2, ne rimane fissata l'unita' di tempo.

Andiamo ora a calcolare i due membri della tua equazione
(m*c*alfa^4)/(2*l)=e nei quattro sistemi definiti qui sopra. Ricordo che:

m=massa elettrone=9.11x10^(-31)kg=9.11x10^(-28)kg
c=vel.luce=2.998x10^8m=2.998x10^10cm=137unita' atomiche
alfa=costante di struttura fine=7.297x10^-3
l=lunghezza d'onda Compton
dell'elettrone=2.426x10^(-12)m=2.426x10^(-10)cm=4.585x10^-2raggi di Bohr.

Questi sono dati *empirici*, cosi' come la carica dell'elettrone, quindi
non soggetti ad interpretazioni ne' elucubrazioni metrologiche. Allora:

SI/Cannata: primo membro 1.596x10^(-19), secondo membro 1.602x10^(-19).
Errore sulla quarta cifra.

Gauss: primo membro 1.596x10^(-16), secondo membro 4.803x10^(-10).
Differenza di 3000000 di volte.

Atomiche: primo membro 4.238x10^(-6), secondo membro 1. Differenza di
oltre 4 milioni di volte.

Ergo, la tua formula da' valori diversi in sistemi di unita' diversi, di
conseguenza non ha senso. CVD.
Bluff
2008-05-02 13:44:01 UTC
Permalink
Post by Enrico SMARGIASSI
Il sistema di Cannata e' una via di mezzo: non definisce una nuova
unita' di base, ma definisce un' unita' derivata - chiamiamola Cannata?
Nomen omen?

Perche' Falzone non prova neanche a rispondere alla mia domanda?
Michele Falzone
2008-05-02 20:57:04 UTC
Permalink
Post by Enrico SMARGIASSI
Il sistema di Cannata e' una via di mezzo: non definisce una nuova
unita' di base, ma definisce un' unita' derivata - chiamiamola Cannata?
-, di dimensioni kg/s, in modo tale che due cariche di 1 cannata, poste
a distanza 1 m, esercitino una forza reciproca pari a 8.987x10^9N.
Evidentemente, la carica di 1 cannata coincide con quella di 1 Coulomb.
Quindi, in questo sistema la carica dell'elettrone vale
1.602x10^(-19)cannata.
Ma ti rendi conto che ti stai rendendo ridicolo cercando di sguazzare nel
fango

Ciao Ciao
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
3p
2008-05-04 14:13:25 UTC
Permalink
Post by Enrico SMARGIASSI
Post by Michele Falzone
per convertire la relazione di sopra dal SI al cgs, al primo membro
compare un fattore 1000 come giustamente fa notare il Prof Smargiassi e al
secondo membro visto che dimensionalmente come fa notare il Prof Cananta
ho una portata di massa, compare pure un fattore di 1000 C.V.D.
No. E vediamo di ripartire ab imis, visto che a quanto pare ce n'e` bisogno.
Il Si parte dal MKS aggiungendo una unita' di misura elettrica, il
Coulomb (in realta' si aggiunge l'Ampere ed il C e' derivato da esso, ma
per questa discussione non fa differenza). Fissato il C, nel SI il
valore numerico della costante K nella legge di Coulomb F=Kq1q2/r^2
rimane fissata sperimentalmente al valore 8.987x10^9: si misura la forza
tra due cariche da 1C poste a distanza di 1m e si vede che vale proprio
8.987x10^9N [la costante, come e' noto, e' solitamente espressa come
K=1(4*pi*epsilon0), con epsilon0=8.854x10^(-12)C^2/(N*m^2)]. In questo
sistema la carica dell'elettrone vale 1.602x10^(-19)C.
Il sistema di Gauss parte dal cgs senza aggiungere ulteriori unita' di
misura, ma definendo una unita' elettrostatica di carica (esu) ponendo
K=1 nella legge di C. Per definizione, dunque, due cariche da 1 esu a
distanza di 1 cm esercitano una forza di 1 dina. L' esu ha dimensioni
radice(g*cm^3)/s. La carica dell'elettrone vale 4.803x10^(-10)esu.
Il sistema di Cannata e' una via di mezzo: non definisce una nuova
unita' di base, ma definisce un' unita' derivata - chiamiamola Cannata?
-, di dimensioni kg/s, in modo tale che due cariche di 1 cannata, poste
a distanza 1 m, esercitino una forza reciproca pari a 8.987x10^9N.
Evidentemente, la carica di 1 cannata coincide con quella di 1 Coulomb.
Quindi, in questo sistema la carica dell'elettrone vale
1.602x10^(-19)cannata.
Possiamo definire anche altri sistemi. Uno molto utile e molto usato e'
quello di unita' atomiche, dove si pone l'unita' di massa pari alla
massa elettronica, quella di lunghezza pari al raggio di Bohr e l'unita'
di carica pari a quella dell'elettrone. Posta la legge di Coulomb come
F=q1q2/r^2, ne rimane fissata l'unita' di tempo.
Andiamo ora a calcolare i due membri della tua equazione
m=massa elettrone=9.11x10^(-31)kg=9.11x10^(-28)kg
c=vel.luce=2.998x10^8m=2.998x10^10cm=137unita' atomiche
alfa=costante di struttura fine=7.297x10^-3
l=lunghezza d'onda Compton
dell'elettrone=2.426x10^(-12)m=2.426x10^(-10)cm=4.585x10^-2raggi di Bohr.
Questi sono dati *empirici*, cosi' come la carica dell'elettrone, quindi
SI/Cannata: primo membro 1.596x10^(-19), secondo membro 1.602x10^(-19).
Errore sulla quarta cifra.
Gauss: primo membro 1.596x10^(-16), secondo membro 4.803x10^(-10).
Differenza di 3000000 di volte.
Atomiche: primo membro 4.238x10^(-6), secondo membro 1. Differenza di
oltre 4 milioni di volte.
Ergo, la tua formula da' valori diversi in sistemi di unita' diversi, di
conseguenza non ha senso. CVD.
Sono piuttosto stupefatto dalla pazienza di smargiassi. Conosce bene
la fisica ma ho l'impressione che conosca molto poco i NG, nel mio
piccolo vorrei provare a insegnargli qualcosa in proposito:

- non si può discutere proficuamente con i troll
- i troll non sono nei NG per capire o far capire, ma per motivi ben
strani, in genere legati a problemi mentali sui quali non è opportuno
esprimere giudizi
- lo scopo dei troll e fare rissa, si sentono continuamente attaccati
e attaccano continuamente
- sono capaci di sacrificare tutto il loro tempo libero per replicare
(e avranno sempre l'ultima parola su tutto)

ma il punto più importante è questo:

- non sono interessati a cosa sia vero o cosa sia falso, a chi ha
ragione o a chi ha torto (e avere torto su una questione scientifica
non può essere accettato da loro sanamente, ma lo vedono come
un'infamia terrificante), sono solo interessati a questo: che lettori
incompetenti e/o superficiali, abbiano l'impressione, leggendo la
bacheca virtuale, che loro hanno ragione e gli altri torto.

per raggiungere questo scopo spesso e volentieri dicono cose senza
senso con tono altisonante, cercando di ridicolizzare gli
interlocutori. Molto spesso dicono e ridicono fino alla noia cose
sulle quali sono tutti daccordo fingendo che siano frutto del loro
pensiero e giungendo a correggere l'interlocutore usando praticamente
le sue stesse parole. Mi è capitato di recente un troll e ho troncato
la discussione sul nascere
http://groups.google.com/group/free.it.scienza.fisica/browse_frm/thread/edbfa73d71cfc360#
quel discorso serioso fatto di "Ma se guardi", "Non solo", "Se
consideri", apparentemente pieno di correzioni era un tipico post da
troll e rispondere avrebbe significato dare avvio a una discussione
vuota ed eterna nella quale avrei dovuto di volta in volta rispondere
ad "accuse" inesistenti (leggete quella bacheca). I troll vanno
ignorati. Questo mi sembra l'unico comportamento possibile in un NG.
Sempre che non abbiate tempo da buttare via e ci troviate gusto in
queste insulse litigate (allora abbiamo solo caratteri diversi, ma
volevo fare queste precisazioni ed esprimere la mia opinione).
3p
2008-05-04 19:02:47 UTC
Permalink
Falzone scusa se prima ti ho definito troll ma credo che a volte lo
sei. Cmq trovo talvolta interessanti le tue uscite, anche se ad
esempio non mi hai più spiegato come facevi supporre che in gas
perfetto potessero propagarsi vibrazioni trasversali, ricordi?
http://groups.google.com/group/it.scienza.fisica/browse_frm/thread/8eae84072a086e20#
potrò riconnettermi solo domani sera, spero di non leggere la solita
valanga d'insulti che compare in questa bacheca.

per curiosità ho provato a calcolare se effettivamente

e^7·m^2/(32·c^2·­^4·h^5) = 1

Sostituendo i valori con il massimo numero di cifre note si ottiene
0.9960575892, quindi più piccolo dello 0,4%. Visto le molte
moltiplicazioni e potenze, può anche darsi che l'equazione che proponi
non sia al momento sperimentalmente falsificabile (bisognerebbe far
bene i conti per gli errori, qui si sommano i relativi no?) ma non
capisco come fai ad aggirare la scorrettezza dimensionale.

Tra l'altro sono assolutamente convinto che se mettessimo a lavorare
un computer con un opportuno algoritmo a girarsi e rigirarsi le
costanti fisiche, potremmo trovare altri giochetti del genere.

Volendo proprio spezzare una lancia a tua favore potremmo dire che la
coincidenza numerica c=1/sqrt(epsilon_0 mu_0) era stata notata prima
che maxwell ne desse una (incompleta) spiegazione teorica. Quello non
era stato un giochetto numerologico ma una osservazione importante che
rivelava lo stretto legame che doveva esistere tra i fenomeni ottici e
i fenomeni elettromagnetici. Nel tuo caso però l'equazione è
dimensionalmente scorretta, il che mi fa credere sia solo una
coincidenza numerica. E soprattutto me lo fa credere l'opinione di
persone competenti che dovresti evitare di snobbare così (perché una
persona si sbatte a spiegarti dove sbagli e tu la ringrazi dicendo di
non rendersi ridicolo?).
Enrico SMARGIASSI
2008-05-05 07:34:16 UTC
Permalink
Post by 3p
- non si può discutere proficuamente con i troll
Sono su Usenet da abbastanza tempo (una dozzina d'anni) da poter
riconoscere i troll. E ti posso assicurare che Falzone non e' un troll:
e' veramente convinto delle fesserie che dice. urtroppo. Comunque io non
scrivo per convincere lui - si tratta di un compito molto difficile
anche nei confronti di una persona intelligente critica - ma per chi ci
legge. E mi pare che chi ci legge abbia capito molto bene qual e' la
situazione.
Post by 3p
Mi è capitato di recente un troll e ho troncato la discussione
Secondo me sei troppo rigido. Peltio lo leggo da anni e troll non e' di
certo.
3p
2008-05-06 17:51:33 UTC
Permalink
Peltio lo leggo da anni e troll non e' di certo.
Una premessa di questo tipo
Il giorno 26-03-08 alle ore 13.37.09, l'imputato 3p rilascio', di
fronte ai testimoni di free.it.scienza.fisica, le seguenti
compromettenti dichiarazioni prontamente archiviate con numero di
lascia intendere il contrario
forse cmq un po' rigido lo sono
Giorgio Pastore
2008-05-06 18:49:49 UTC
Permalink
Post by 3p
Peltio lo leggo da anni e troll non e' di certo.
Una premessa di questo tipo
Il giorno 26-03-08 alle ore 13.37.09, l'imputato 3p rilascio', di
fronte ai testimoni di free.it.scienza.fisica, le seguenti
compromettenti dichiarazioni prontamente archiviate con numero di
lascia intendere il contrario
forse cmq un po' rigido lo sono
Un po' si' :-). Peltio usa da molto tempo personalizzare in questo
modo il riferimento generato automaticamente dal sw di posta. Io l'
ho sempre trovato "particolare", d' accordo, a volte un po'
stucchevole, ma comunque piu' simpatico dell' anonimo " 3p wrote: "
che genera il mio thunderbird che non ho tempo e voglia di
personalizzare :-(

Giorgio
Jack
2008-05-01 15:57:31 UTC
Permalink
Post by Enrico SMARGIASSI
Post by Michele Falzone
Parli solo di un fattore di 1000,
Allora: per i nostri 25 lettori, specifico che si parla di una relazione
(m*c*alfa^4)/(2*l)=e
Passando p.es. da SI a cgs Gauss il primo membro cambia di un fattore
1000, il secondo di un fattore 3000000000 (tremiliardi), quindi
l'uguaglianza va a pallino, il che dimostra che si tratta di una pura
coincidenza.
3 o 30 miliardi?
Bluff
2008-04-26 13:12:16 UTC
Permalink
Post by Michele Falzone
Al di la del fatto che ti porgi male, ma questo spesso capita a molti,
sono stato colpito dalla tua affermazione che la corrente è solo un
orientamento,
Orientamento di che?

E cosa accade allo spin dell'elettrone in questo caso?
s***@ts.infn.it
2008-04-26 12:46:08 UTC
Permalink
Post by ricard
l''elettrone ha una massa, se questo si spostasse da un atomo ad un
altro si avrebbero un certo numero di atomi con un eccesso di massa.
Mica vero. Si puo' benissimo - ed e' il caso piu' comune - avere
corrente senza accumulo di carica. Elettrone che viene, elettrone che
va.

In ogni caso, la radioattivita' e' un fenomeno NUCLEARE, che non ha il
minimo rapporto con elettroni aggiunti o con correnti elettriche, ne'
dipende da un generico "eccesso di massa". (L' unico caso in cui
entrano gli elettroni e' la cattura elettronica, ma si tratta di
elettroni di core, che non partecipano alle correnti elettriche). E
questo si impara a scuola: anche in quella italiana, che disprezzi
senza evidentemente esserne al livello.
Post by ricard
la teoria degli elettroni "liberi" significa liberi di spostarsi di
orbitale ma non di cambiare atomo.
Ennesima panzana. Ti raccomanderei la lettura di un testo di fisica
dello stato solido (Kittel, Ashcroft-Mermin,...) o di elettronica
(Millman,...) se non fosse che sono senz'altro troppo complicati per
te. Magari puoi incominciare da qui:
http://en.wikipedia.org/wiki/Free_electron_model
dove si mostra, tanto per cambiare, che hai torto.
Post by ricard
dimenticavo, i due link che ho postato, leggeteli bene.
Io li ho letti bene, e ti ho anche mostrato che dicono il contrario di
quello che dici tu. Guarda, puo' capitare a tutti di leggere o capire
male la prima volta: ma che tu insista dopo che ti e' stato spiegato
il perche' ed il percome vuol dire che sei de cocio. Di quello duro.
ricard
2008-05-05 09:48:06 UTC
Permalink
Post by s***@ts.infn.it
In ogni caso, la radioattivita' e' un fenomeno NUCLEARE, che non ha il
minimo rapporto con elettroni aggiunti o con correnti elettriche, ne'
dipende da un generico "eccesso di massa". (L' unico caso in cui
entrano gli elettroni e' la cattura elettronica, ma si tratta di
elettroni di core, che non partecipano alle correnti elettriche). E
questo si impara a scuola: anche in quella italiana, che disprezzi
senza evidentemente esserne al livello.
La radioattivita' e' un fenomeno nucleare che si verifica quando si ha
un eccesso di massa nel nucleo, questo fenomeno si avrebbe anche nel
caso in cui un elettrone se ne andasse (anche in un altro atomo)

http://it.wikipedia.org/wiki/Isotopi_radioattivi

si chiamano Beta
Post by s***@ts.infn.it
te. Magari puoi incominciare da qui:http://en.wikipedia.org/wiki/Free_electron_model
dove si mostra, tanto per cambiare, che hai torto.
Se aveste letto bene avreste anche letto che si tratta di un "modello"
cioe' di una semplificazione, che permette di trattare l'elettrone
semplicemente come una carica e non come massa.

Nei fatti l'elettrone, che ha una massa, dovrebbe, secondo voi,
spostarsi all'interno di una altra massa, quanto all'elettrone che va
e quello che viene: il problema e' che quello che "viene" arriva
dall'altra parte dell'atomo, mentre la trasmissione della corrente
avviene a velocita' della luce e quindi, si presume , deve viaggiare
in linea retta.....nei fatti gli elettroni di deriva (che viaggiano
solo sulla superficie dei cavi viaggiano a una velocita di un metro
l'ora mentre la carica (la vibrazione o se preferite l'orientamento
"statisticamente" preferenziale) quella viaggia alla velocita' della
luce.

http://www.newton.dep.anl.gov/askasci/phy99/phy99488.htm
Enrico SMARGIASSI
2008-05-05 10:25:45 UTC
Permalink
Post by ricard
La radioattivita' e' un fenomeno nucleare che si verifica quando si ha
un eccesso di massa nel nucleo,
1) Non e' necessario che ci sia un eccesso di massa; nel caso di cattura
elettronica, gia' citato, la massa diminuisce.

2) E' appunto un fenomeno NUCLEARE, nel quale gli elettroni responsabili
della conduzione elettrica non entrano affatto.
Post by ricard
questo fenomeno si avrebbe anche nel
caso in cui un elettrone se ne andasse (anche in un altro atomo)
si chiamano Beta
Appunto, un elettrone che *se ne va dal nucleo*. Il decadimento beta e'
indipendente dalla presenza o meno di altri elettroni attorno, tant'e
vero che decade beta anche il neutrone nel vuoto.
Post by ricard
Se aveste letto bene avreste anche letto che si tratta di un "modello"
cioe' di una semplificazione,
La fisica procede *sempre* per modelli. L'importante e' che il modello
rappresenti sufficientemente bene cio' che accade. Ed il modello ad
elettroni liberi rappresenta bene la conduzione elettrica in molti casi
di conduzione nei solidi. Per altri bisogna ricorrere a modelli piu'
sofisticati, ma sono tutti basati sullo stesso schema: deriva degli
elettroni (eccettuati i superionici e qualche altro caso particolare).
Post by ricard
Nei fatti l'elettrone, che ha una massa, dovrebbe, secondo voi,
spostarsi all'interno di una altra massa,
??? Che significa???
Post by ricard
la trasmissione della corrente avviene a velocita' della luce
No. La corrente, in un conduttore, si trasmette alla velocita' di deriva
degli elettroni. Tu ti confondi con la velocita' dell'energia, che e'
una grandezza indipendente, tant'e` vero che l'energia elettromagnetica
si trasmette anche in assenza di cariche.
Enrico SMARGIASSI
2008-05-05 11:05:28 UTC
Permalink
nel caso di cattura elettronica, gia' citato, la massa diminuisce.
Leggasi: "la massa aumenta"
ricard
2008-05-05 12:02:20 UTC
Permalink
Post by ricard
http://www.newton.dep.anl.gov/askasci/phy99/phy99488.htm
The speed of a charged particle in copper is very slow: about 0.01 cm/
s.
At this rate, it takes about 3 hours for a charge to travel about one
meter. The electric field (signal) travels at the speed of light
through
copper. The charge is not carrying the information, per se, but the
information is transmitted by the electric field. It is like a
molecule of
water does not travel across the ocean, but the wave does.

E' breve e quindi lo traduco integralmente, fra parentesi qualche
commento:

La velocita' di una particella carica (un elettrone) nel rame e' molto
lenta, circa 0.01 cm/sec.
A questa velocita' occorrono circa 3 ore per una carica (elettrone)
per percorrere un metro.

Il campo elettrico (corrente) viaggia alla velocita' della luce
attraverso il rame.

La carica NON TRASMETTE l'informazione, per se, (significa che non
viaggia, l'elettrone si sposta da un atomo all'altro SOLO per deriva a
velocita' bassa e, aggiungo io, sulla superficie del cavo) ma
l'informazione e' trasmessa dal campo elettrico (orientamento
statistico preferenziale dell'elettrone nell'atomo).

E' come una molecola d'acqua che non viaggia attraverso l'oceano,
mentre l'onda lo fa.
Enrico SMARGIASSI
2008-05-05 12:26:18 UTC
Permalink
Post by ricard
The electric field (signal) travels at the speed of light
Il campo elettrico (corrente) viaggia alla velocita' della luce
Da quando in qua "signal" si traduce "corrente"?
Post by ricard
l'informazione e' trasmessa dal campo elettrico
Appunto. E' questa cosa che viaggia alla velocita' della luce (piu' o
meno). Non la corrente, che e' una cosa diversa: e' il flusso di
cariche. Basta prendere l'equazione di continuita': dq/dt+I=0, dove q e'
la carica all'interno di un determinato volume di spazio ed I la
corrente netta che da quel volume esce (o entra, a seconda del segno).

Il tuo link dice esattamente quello che dico io.
Post by ricard
(orientamento
statistico preferenziale dell'elettrone nell'atomo).
Il campo elettrico non e' l'orientamento di un bel nulla. E' un campo e
basta. Tant'e` vero che non e' necessariamente generato da delle cariche
elettriche.
ricard
2008-05-06 09:30:35 UTC
Permalink
Guarda a questo punto capisco che anche tu sei d'accordo che gli
elettroni NON passano da un atomo all'altro quindi mi sembra inutile
continuare.

Quello che mi premeva far capire e' che la massa (e gli elettroni ne
hanno) NON puo' passare da un atomo ad un altro, come si insegna nella
s(q)uola italiana.

Mi sfugge invece il campo elettrico generato da qualcos'altro, mi fai
un esempio?.
Enrico SMARGIASSI
2008-05-06 10:37:14 UTC
Permalink
Post by ricard
Guarda a questo punto capisco che anche tu sei d'accordo che gli
elettroni NON passano da un atomo all'altro
Capisci malissimo. Gli elettroni passano benissimo da un atomo
all'altro, altrimenti la corrente I=dq/dt sarebbe 0. Semplicmente, la
corrente non e' la stessa cosa di trasferimento di energia.
Post by ricard
Quello che mi premeva far capire e' che la massa (e gli elettroni ne
hanno) NON puo' passare da un atomo ad un altro,
Falsissimo. Gli elettroni passano in continuazione da un atomo
all'altro. Tu stesso hai menzionato un articolo wikipedico in cui si
dice che gli elettroni si muovono, durante la conduzione elettrica, con
una velocita' media di 0.1 mm/s. Siccome gli atomi in un solido sono
separati da una distanza di circa 1 angstrom (10^-10 m) un elettrone
coinvolto in conduzione elettrica "passa da un atomo all'altro" in media
ogni milionesimo di secondo. (Le parentesi sono d'obbligo, visto che
tali elettroni sono delocalizzati e non si puo' dire propriamente che
appartengano ad un atomo piuttosto che ad un altro; per non parlare
della complicazione dovuta all'indistinguibilita' quantistica. Ma voglio
semplificare).

In un periodo di 1/50 di secondo - quello della corrente alternata
europea - un elettrone dunque viaggia per almeno 10000 distanze
interatomiche, prima di essere rispedito indietro dall'inversione del
potenziale. Diecimila.

Trasferimenti elettronici, poi, sono la norma in tante altre occasioni.
Per esempio, nella formazione (o rottura) dei legami chimici.
Post by ricard
come si insegna nella s(q)uola italiana.
Alla quale faresti bene a tornare. Urgentemente.
Post by ricard
Mi sfugge invece il campo elettrico generato da qualcos'altro,
Legge di Faraday. Oppure pensa alle onde elettromagnetiche.
ricard
2008-05-06 12:58:52 UTC
Permalink
l"articolo di wiki semplifica il caso della deriva elettronica che e'
presente SOLO sulla superficie dei cavi elettrici.

Il trasferimento di energia mi sembra tu lo intenda come una specie di
"karma" metafisico che esiste ma e' piu' filosofico che reale.

nel caso della elettricita e' la carica che si trasferisce, a
velocita' luce, da un atomo all'altro, altrimenti dovresti aspettare
un paio d'ore prima che si accenda il lampadario del salotto..

Quanto al trasferimento di elettroni nel caso di reazioni
chimiche ....adesso mi e' chiaro tutto.

Penso anch'io che dovresti iscriverti a qualche college (va bene anche
il Bronx) ma negli USA.
Alfa
2008-05-06 14:55:03 UTC
Permalink
Post by ricard
l"articolo di wiki semplifica il caso della deriva elettronica che e'
presente SOLO sulla superficie dei cavi elettrici.
Il trasferimento di energia mi sembra tu lo intenda come una specie di
"karma" metafisico che esiste ma e' piu' filosofico che reale.
nel caso della elettricita e' la carica che si trasferisce, a
velocita' luce, da un atomo all'altro, altrimenti dovresti aspettare
un paio d'ore prima che si accenda il lampadario del salotto..
Quanto al trasferimento di elettroni nel caso di reazioni
chimiche ....adesso mi e' chiaro tutto.
Penso anch'io che dovresti iscriverti a qualche college (va bene anche
il Bronx) ma negli USA.
Certo, critichi Falzone ma anche tu sei un gran bel cesso!
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Enrico SMARGIASSI
2008-05-06 17:08:42 UTC
Permalink
Post by ricard
l"articolo di wiki semplifica il caso della deriva elettronica
La deriva elettronica E' la corrente elettrica (nei conduttori). Punto.
Post by ricard
Il trasferimento di energia mi sembra tu lo intenda come una specie di
"karma" metafisico che esiste ma e' piu' filosofico che reale.
Ti pare male, molto male. Comunque non ti chiedo di argomentare questa
tua buffa affermazione: quando hai tentato di argomentare qualcosa hai
solo fatto disastri.
Post by ricard
nel caso della elettricita e' la carica che si trasferisce, a
velocita' luce, da un atomo all'altro
No. E' l'energia. E l'energia si trasferisce molto piu' rapidamente
della carica - ancorche' contestualmente ad essa. Anzi , si puo'
trasferire anche in assenza di carica (il caso delle onde e.m., che pare
ti sia passato completamente al di soptra).
Post by ricard
Quanto al trasferimento di elettroni nel caso di reazioni
chimiche ....adesso mi e' chiaro tutto.
Be', meno male che qualcosa hai imparato:-). Adesso almeno saprai cosa
significano quei buffi segnetti "+" e "-" che compaiono, per esempio,
quando scrivono "Na+"e "Cl-".
Post by ricard
Penso anch'io che dovresti iscriverti a qualche college (va bene anche
il Bronx) ma negli USA.
Negli USA ci sono stato non tanto tempo fa, pero' dalla parte dei
docenti (universitari). E non mi pare che Princeton sia nel Bronx.
3p
2008-05-06 17:57:02 UTC
Permalink
Post by ricard
nel caso della elettricita e' la carica che si trasferisce, a
velocita' luce, da un atomo all'altro, altrimenti dovresti aspettare
un paio d'ore prima che si accenda il lampadario del salotto..
Perché dici queste cose? La realtà non ha nulla a che vedere con
quello che dici. La velocità di propagazione del segnale e la velocità
di spostamento delle cariche sono due cose diverse. Da
quell'affermazioni sembra che tu sappia che la velocità di deriva è
molto piccola, ma allo stesso tempo sembra che tu non abbia colto per
niente il senso di questa grandezza fisica (che cosa essa rappresenti
per te lo ignoro). Come puoi affermare "nel caso dell'elettricità è la
carica si trasferisce alla velocità della luce"? Secondo me sai le
cose ma vuoi sempre spararla grossa per divertimento e vedere che si
risponde.
ricard
2008-05-07 08:57:37 UTC
Permalink
vero, mi scuso, ma e' stato troppo bello vedere le castronerie che ne
sono uscite, e il livello dei docenti(?).
Enrico SMARGIASSI
2008-05-07 09:07:33 UTC
Permalink
Post by ricard
vero, mi scuso,
Ah, allora avevo ragione a classificarti come troll :-)
Post by ricard
il livello dei docenti(?).
Perche' il plurale? Falzone e' una persona sola.
Michele Falzone
2008-05-07 12:47:53 UTC
Permalink
Post by Enrico SMARGIASSI
Post by ricard
vero, mi scuso,
Ah, allora avevo ragione a classificarti come troll :-)
Post by ricard
il livello dei docenti(?).
Perche' il plurale? Falzone e' una persona sola.
Che eri stupido lo sapevo, ma non fino a questo punto

Ciao
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
ricard
2008-05-07 15:09:20 UTC
Permalink
E' che si tratta di una cosa generalizzata in italia, la scarsa
comprensione delle formulette studiate intendo, e non mi riferivo a
Falzone che ne e' un buon esempio, ma anche ai docenti, non presenti,
ma immanenti col loro "non pensiero".

Credo che un troll sia un disturbatore, ma credo di essere stato
tutt'altro in questa discussione.

La coscienza sporca? Che ne dici Michele?
Enrico SMARGIASSI
2008-05-07 15:32:34 UTC
Permalink
Post by ricard
E' che si tratta di una cosa generalizzata in italia,
Certo, solo in Italia :-)
Post by ricard
Credo che un troll sia un disturbatore
Esattamente. Questo include anche chi intende togliersi sassolini dalle
scarpe pubblicamente, e chi le spara grosse per ottenere non si sa quale
risultato. Film gia' visti altre volte su questi schermi. SU, un po' di
originalita' :-)
Michele Falzone
2008-05-07 16:05:40 UTC
Permalink
Post by ricard
E' che si tratta di una cosa generalizzata in italia, la scarsa
comprensione delle formulette studiate intendo, e non mi riferivo a
Falzone che ne e' un buon esempio, ma anche ai docenti, non presenti,
ma immanenti col loro "non pensiero".
Credo che un troll sia un disturbatore, ma credo di essere stato
tutt'altro in questa discussione.
La coscienza sporca? Che ne dici Michele?
I passi sono due, prima ricordare le formule e poi cercare di capire cosa
sta dietro una formula.

Se per cercare di capire, probabilmente sbagliando, uno cerca portata di
massa, è normale che trovi portata di massa.

Il guaio è che quel risultato è proprio il valore della carica elettrica
nel SI, ma a quanto pare in Italia è vietato porsi delle domande, visti
gli insulti, ma non è vizio solo di questo gruppo.

Se poi andiamo alla conversione di quella formula perfettamente valida nel
SI ed ha un preciso significato fisico, basta solo leggere
www.nuovaricerca.org la parte relativa alla interpretazione della costante
di struttura fine.

Mi pare che più di una volta ho specificato che conosco il sistema cgs
solo a livello storico, per il tipo di studi fatti e questo non credo che
sia una colpa.

Ma da quello che vedo sono emerse tre regolette, e a quanto pare
empiriche, per quella conversione, senza dire che Elio Proietti chiede
testualmente:

-Osservo che le correnti devono pero' essere trattate come derivate
temporali, ad esse bisogna anteporre 4*pi/c (e non 4*pi).

e a questa domanda Elioo Fabri testualmente risponde:

- Hai ragione

Forse è un'altra regola

Devi convenire che questa non è una normale conversione dimensionale,
anche se le equazioni della fisica devono essere corrette in entrambi i
sistemi.

Se poi andiamo ai professori che non intervengono, voglio solo dire che
forse è rischioso sporcarsi le mani e come vedi intervengono solo pochi
esperti che neppure si firmano.

Ma riesco a capire i professori che non vogliono intervenire, visto che
sarebbe molto difficile per loro, dare torto proprio al Prof Smargiassi.

Ciao
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Bluff
2008-05-07 16:56:01 UTC
Permalink
Post by Michele Falzone
Se per cercare di capire, probabilmente sbagliando, uno cerca portata di
massa, è normale che trovi portata di massa.
Quindi il fotone non e' piu' il portatore del campo elettromagnetico?
Michele Falzone
2008-05-07 17:27:32 UTC
Permalink
Post by Bluff
Post by Michele Falzone
Se per cercare di capire, probabilmente sbagliando, uno cerca portata di
massa, è normale che trovi portata di massa.
Quindi il fotone non e' piu' il portatore del campo elettromagnetico?
Non farmi dire cose che non ho detto.

io ho fatto delle ipotesi, bada che non so se esiste realmente l'etere,
sto facendo delle ipotesi, non credo che sia vietato.

-1 l'etere esiste ed è un continuo omogeneo
-2 se esiste come può vibrare?

Per una membrana vincolata i modi di vibrare sono perfettamente
illustrati da Mino Saccone in
http://vialattea.net/esperti/php/risposta.php?num=1503 , ma un continuo in
quale modo può vibrare?

Sempre per un continuo un vincolo può essere il rapporto delle velocità
delle onde lungitudinali e quelle trasversali?

In www.nuovaricerca.org facendo queste considerazioni e mi viene fuori
l'introduzione della costante di struttura fine e che una particolare
portata di massa oscillante nel SI ha valore pari alla carica elettrica
elementare.

Ciao
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Bluff
2008-05-07 18:35:05 UTC
Permalink
Post by Michele Falzone
Post by Bluff
Post by Michele Falzone
Se per cercare di capire, probabilmente sbagliando, uno cerca portata
di massa, è normale che trovi portata di massa.
Quindi il fotone non e' piu' il portatore del campo elettromagnetico?
Non farmi dire cose che non ho detto.
Tu hai detto, e ti cito testualmente:
"La corrente è portata di carica attraverso una sezione, corrisponde a
portata di elettroni e pertanto a portata di massa."

Allora la mia domanda, che reitero, sorge spontanea:
Quindi il fotone non e' piu' il portatore del campo elettromagnetico?
(Questo visto che la sua portata di massa e' nulla).

Voglio una risposta netta: si' o no. Ed una breve spiegazione del perche',
in meno di diciamo 10 righe. E niente link ad altre cose, grazie.
Michele Falzone
2008-05-07 21:56:32 UTC
Permalink
Post by Bluff
Voglio una risposta netta: si' o no. Ed una breve spiegazione del perche',
in meno di diciamo 10 righe. E niente link ad altre cose, grazie.
Chiedilo a Zichichi che sa tutto

ciao
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Bluff
2008-05-07 22:32:37 UTC
Permalink
Post by Bluff
Voglio una risposta netta: si' o no. Ed una breve spiegazione del
perche', in meno di diciamo 10 righe. E niente link ad altre cose,
grazie.
Chiedilo a Zichichi che sa tutto
Ergo tu sei il suo duale. QED.
Enrico SMARGIASSI
2008-05-08 17:33:16 UTC
Permalink
Post by Michele Falzone
Se per cercare di capire, probabilmente sbagliando, uno cerca portata di
massa, è normale che trovi portata di massa.
A chi possiede un martello, tutto sembra chiodo :-)
Post by Michele Falzone
Il guaio è che quel risultato è proprio il valore della carica elettrica
Coincidenza, come dimostrato ad nauseam.
Post by Michele Falzone
nel SI, ma a quanto pare in Italia è vietato porsi delle domande,
No. In Italia, come in tutto il mondo, e' vietato attribuire
qualsivoglia importanza a relazioni assurde (il termine "assurde" va qui
interpretato in senso stretto).
Post by Michele Falzone
visti gli insulti,
Be', mi tocca ripetere un post di qualche giorno fa:

ES> Verissimo. Pensa che in un solo messaggio una persona mi ha cosi'
ES> apostrofato:
ES>Come al solito non solo non dimostri nulla, ma al più fai
ES> notare di non capire una mazza, [...]
ES> Da come rispondi, si evince tutta la tua stupidità, [...]
ES> Il mio errore è al solito quello di credere che il mio
ES> interlocutore non dico sia intelligente, [...]
ES> non tanto perchè sei ignorante, ma per il semplice fatto
ES> che sei FONDAMENTALMENTE LIMITATO. "
ES> E non e' stata nemmeno l'unica volta. Chi era l'insultatore a
ES> raffica? Ah, un certo Michele Falzone. Sicuramente si tratta di un
ES> omonimo.

Ipocrita.
Post by Michele Falzone
Se poi andiamo alla conversione di quella formula perfettamente valida
Perfettamente assurda, per ragioni metrologiche.
Post by Michele Falzone
Ma da quello che vedo sono emerse tre regolette
Due regolette, Michele, due. Ti ho gia' spiegato - ma pare che tu non
legga bene - che sono solo due.
Post by Michele Falzone
Forse è un'altra regola
No, e' una correzione necessaria alle regolette empiriche di Elio Fabri,
perche' senza di quella non funziona. Prova tu stesso.
Post by Michele Falzone
Ma riesco a capire i professori che non vogliono intervenire, visto che
sarebbe molto difficile per loro, dare torto proprio al Prof Smargiassi.
Caspita, ora sono diventato un barone universitario :-) Comunque, se tu
leggessi non troppo distrattamente questo gruppo, ti accorgeresti che i
vari docenti e ricercatori che frequentano i ng scientifici - anche
quelli che si firmano - non hanno problemi a correggermi, criticarmi o
dissentire da me, come io non ho problemi a fare il viceversa. tutto
normale: anche nella scienza ci si puo' sbagliare od avere opinioni
contrastanti. Se poi ti gratifica pensare che ci sia un gomblotto od una
cricca contro di te, fallo pure.
Michele Falzone
2008-05-08 19:09:42 UTC
Permalink
Post by Enrico SMARGIASSI
Se poi ti gratifica pensare che ci sia un gomblotto od una
cricca contro di te, fallo pure.
Non credo di essere così importante, ma sicuramente si contro alcuni
concetti e non mi dire che sono argometi assodati, visto che fisica nulla
è mai assodato.

Ciao
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
ricard
2008-04-24 02:09:01 UTC
Permalink
Post by ricard
Per un po' non ci sentiremo, vado negli USA,
Dimenticavo: vado come "ospite" in un manicomio in Alabama, forse
riescono a fare qualcosa per il mio pietoso stato mentale.
Elettroshock tutte le mattine, con una bella camicia di forza YSL.
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Jack
2008-04-24 06:24:54 UTC
Permalink
Post by ricard
Questo perche' tu pensi alla elettricita' come a un flusso di
elettroni cosa che NON E".
Ometto il resto del delirio. Caro ricard, per favore, non parlare di cose
di cui non hai nemmeno una conoscenza da liceale.
Non parlare a vanv(a)ra professore. Quando, a titolo di puro esempio perché
fa parte del programma dei primi cento giorni, la legge di Coulomb sarà
sostituita dalla Calderoli - Schifani ne riparliamo...
Continua a leggere su narkive:
Loading...